ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
8 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
9 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
10 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
23 ore

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
10.10.2021 - 13:43
Aggiornamento: 14:05

Da domani test a pagamento per gli asintomatici

I tamponi resteranno gratuiti per gli under 16 e per chi non può vaccinarsi. Berna continuerà a pagare i costi dei test ripetuti per ottenere il Covid Pass

Ats, a cura de laRegione
da-domani-test-a-pagamento-per-gli-asintomatici
Ti-Press

Da domani i test sul coronavirus per gli asintomatici saranno a pagamento. La Confederazione continuerà tuttavia ad assumersi i costi dei test ripetitivi per il rilascio del certificato Covid, realizzati ad esempio nelle imprese o nelle università. I tamponi continueranno inoltre ad essere gratuiti per i giovani sotto i 16 anni, così come per tutte le persone che non possono farsi vaccinare per ragioni mediche.

La Confederazione finanzierà ancora fino alla fine di novembre i test delle persone cui è stata somministrata la prima dose del vaccino, ma che non hanno ancora ottenuto il pass.

Tutti coloro che sono stati immunizzati all’estero con un vaccino omologato dall’Agenzia europea dei medicinali potranno inoltre richiedere il certificato Covid svizzero attraverso una piattaforma elettronica. Si tratta di una misura importante per il settore del turismo, ha spiegato il consigliere federale Alain Berset. La piattaforma sarà operativa da domani. Il periodo transitorio per l’ammissione di ulteriori attestati di vaccinazione è esteso dal 10 al 24 ottobre.

Dal 13 settembre il certificato Covid è obbligatorio per accedere a ristoranti, teatri, sale da concerto, cinema e per tutte le attività ricreative al chiuso, compresi gli sport. Stando a un sondaggio effettuato a fine settembre dai giornali del gruppo Tamedia e da “20 Minuten”, la maggior parte della popolazione è favorevole ai test a pagamento per ottenere un certificato Covid. Solo i simpatizzanti dell’UDC e gli esercenti in particolare si dicono contrari.

Stando all’inchiesta, la maggioranza è anche favorevole all’obbligo del certificato Covid per entrare nei ristoranti, nelle strutture culturali e di svago: il 67% degli intervistati approva infatti la misura, in vigore dal 13 settembre. Tra i giovani però il sostegno è nettamente inferiore: solo il 53% dei 18-34enni è favorevole. Il più alto sostegno per l’estensione dell’obbligo del certificato si riscontra tra gli over 65 con l’81%.

Il Consiglio federale ha lanciato un’«offensiva per la vaccinazione» il 1° ottobre: i 150 milioni di franchi che il Consiglio federale intende spendere sono «un ottimo investimento», secondo il ministro della Sanità Alain Berset. In particolare se si tiene conto che la Confederazione spende ogni settimana 50 milioni di franchi per i test che «non immunizzano nessuno».

L’«offensiva vaccinale» si basa su diversi pilastri: una settimana nazionale di vaccinazione, un aumento da 50 a 220 autobus di vaccinazione per l’accesso a bassa soglia, e un nuovo servizio con circa 1’700 consulenti formati per colloqui individuali. Il Consiglio federale vuole anche incoraggiare le aziende e le istituzioni ad effettuare test regolari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved