ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
certificato-covid-quasi-ovunque-da-lunedi-in-svizzera
Keystone
Berset
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
14 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
15 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
17 ore

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
17 ore

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
19 ore

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
20 ore

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
21 ore

L’esercito sfora di 100 milioni il budget per l’informatica

Una delle ragioni chiave dello squilibrio è il progetto ‘Fitania’, che vorrebbe rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future
Svizzera
22 ore

Due bambini muoiono in incendio nel canton Berna

Il rogo in una casa di Leuzigen, nel Seeland Bernese
Svizzera
07.09.2021 - 17:570
Aggiornamento : 21:26

Certificato Covid quasi ovunque da lunedì in Svizzera

Alain Berset propone di estendere l’obbligo a tutti i luoghi chiusi, scrivono i media svizzero-tedeschi. Previste multe disciplinari di 100 franchi

La scorsa settimana il Consiglio federale aveva rinunciato a estendere l’obbligo del certificato Covid, attualmente limitato a discoteche, club, sale da ballo ed eventi con più di mille persone. Negli ultimi giorni però la situazione nei reparti di terapia intensiva si è fatta critica. Per questa ragione Alain Berset avrebbe proposto stamane ai suoi colleghi di governo di rendere obbligatorio il ‘pass’ da lunedì prossimo anche per bar, ristoranti, musei, teatri, cinema, centri fitness, piscine e praticamente tutti gli altri luoghi ed eventi al chiuso. Chi dovesse presentare un documento falsificato o preso in prestito andrà incontro a una multa disciplinare di 100 franchi, hanno scritto oggi ‘Neue Zürcher Zeitung’, ‘Blick’ e ‘Tages-Anzeiger’.

Anche sul luogo di lavoro?

Il Consiglio federale ne discuterà mercoledì mattina. Stando ai media svizzero-tedeschi, solo i democentristi Ueli Maurer e Guy Parmelin potrebbero opporsi al piano del ministro degli Interni, già anticipato a grandi linee domenica dalla ‘SonntagsZeitung’. Questo ricalca grossomodo il pacchetto messo in consultazione due settimane fa. L’impostazione è nota: in pratica solo chi è in possesso di un certificato Covid – ossia chi è vaccinato, guarito o è risultato negativo a un test – potrà accedere ai luoghi e alle attività al chiuso. 

La misura interesserebbe anche i luoghi di lavoro. A determinate condizioni, i datori di lavoro – riferiscono sempre le testate svizzero-tedesche – avrebbero la possibilità di richiedere il certificato ai loro dipendenti. Per contro, facilitazioni sarebbero previste per i centri fitness: i gestori non sarebbero tenuti a richiederlo ogni volta ai loro clienti abituali, dovrebbero soltanto verificare se il documento è ancora valido oppure no. Per messe, funerali e riunioni politiche varrebbe un limite di 50 persone (anziché 30, come previsto in un primo tempo): al di sopra di tale soglia, scatta l’obbligo di certificato. 

Terapie intensive quasi al limite

La svolta – di “nuova fase nella lotta alla pandemia”, scrive il ‘Tagi’ – va ricondotta alla situazione alquanto tesa nei reparti di terapia intensiva. L’84% dei letti attualmente è occupato, di cui il 42% da pazienti Covid. Alcune regioni sono più sovraccariche di altre, ha specificato oggi nel consueto incontro con i media a Berna Andreas Stettbacher, delegato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato. La situazione è critica a Berna, Zurigo, Ginevra e Turgovia.

Negli ultimi cinque giorni, il numero di pazienti in terapia intensiva è salito del 2%. Degli 857 pazienti ricoverati a causa del virus, 291 sono in terapia intensiva. Ci sono ancora 130 letti certificati per la terapia intensiva in 55 ospedali e 39 letti non certificati in 14 ospedali. Il problema è che non tutti i letti possono essere utilizzati, a causa della mancanza di personale specializzato. Per questo in alcuni ospedali delle operazioni non urgenti sono già state rinviate; e negli scorsi giorni alcuni responsabili dei nosocomi hanno cominciato a parlare nuovamente di ‘triage’, ovvero della necessità di stabilire delle priorità nel trattamento dei pazienti, dando la precedenza a quelli più gravi a discapito di chi può (?) attendere. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved