ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
udc-e-gastrosuisse-fucilano-l-estensione-del-covid-pass
Keystone
Il Consiglio federale ha avviato una ocnsultazione ‘preventiva’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
15 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
15 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
17 ore

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
17 ore

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
19 ore

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
20 ore

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
21 ore

L’esercito sfora di 100 milioni il budget per l’informatica

Una delle ragioni chiave dello squilibrio è il progetto ‘Fitania’, che vorrebbe rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future
Svizzera
22 ore

Due bambini muoiono in incendio nel canton Berna

Il rogo in una casa di Leuzigen, nel Seeland Bernese
Svizzera
25.08.2021 - 20:010

Udc e Gastrosuisse fucilano l’estensione del Covid pass

A tutti gli altri partiti piace la proposta del Consiglio federale. L’associazione di categoria denuncia il rischio di un’ulteriore divisione della società.

Berna – PLR, Centro, Verdi liberali e Verdi sono favorevoli a un maggiore utilizzo del certificato Covid, come evocato oggi dal Consiglio federale. Si oppone invece l'UDC. Secondo l’associazione di categoria Gastrosuisse, la misura porterebbe a un'ulteriore divisione della società e sarebbe inoltre incostituzionale e discriminatoria.

Il PLR parla di misura "necessaria", per evitare interventi "restrittivi" che colpirebbero tutta la società e l'economia. I criteri per il maggiore utilizzo dovrebbero però essere esposti in modo molto chiaro dal governo.

Favorevole all'estensione si dichiara anche l'Alleanza del Centro. L'importante è infatti evitare il collasso del sistema sanitario: in caso di aggravarsi della situazione il certificato per andare al cinema, a teatro o al ristorante sarebbe quindi il benvenuto.

Su Twitter il presidente dei Verdi Balthasar Glättli ha dichiarato che, vista la situazione degli ospedali, la possibile nuova misura "non arriva certo troppo presto". Il partito ecologista è invece critico nei confronti della fine dei test gratuiti, che non proteggono i testati, ma tutti gli altri.

Pure il PS si dice d'accordo, in particolare se i certificati impediranno - ad esempio - la chiusura di ristoranti o cinema. Per quel che riguarda i test a pagamento, i socialisti preferirebbero una partecipazione ai costi a partire dai 18 anni.

Anche secondo il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen è necessario un maggiore utilizzo del certificato Covid, in modo da evitare un sovraccarico del sistema sanitario e un ulteriore confinamento, che deve essere assolutamente evitato.

‘Obbligo indiretto di vaccino’

L'UDC invece si oppone: secondo i democentristi la misura porterebbe a problemi per le imprese già in difficoltà economiche. Inoltre, i concetti di protezione nella ristorazione e nel settore alberghiero si sono dimostrati validi. Utilizzare di più il certificato, prosegue il partito, significa semplicemente imporre un obbligo indiretto del vaccino.

Il settore gastronomico è molto preoccupato per una possibile estensione dell'obbligo del certificato, ha detto oggi il presidente di Gastrosuisse Casimir Platzer in una conferenza stampa. In questo caso i ristoranti e i caffè dovrebbero fare i conti con enormi perdite di fatturato.

Il 40-50% della popolazione sarebbe esclusa dalla vita sociale. Secondo Platzer, ogni giorno vanno al ristorante circa 2,5 milioni di persone. "Circa un milione non potrebbe più farlo". Nessuno si farebbe testare per andare a bere una birra dopo il lavoro. Questa massiccia riduzione del potenziale degli ospiti equivale a una "chiusura parziale del settore".

L'estensione dell'obbligo del certificato sarebbe anche di scarsa utilità epidemiologica, sproporzionata e praticamente inefficace, ha continuato Platzer. Nel cantone di Zurigo, per esempio, è stato dimostrato che meno dello 0,4% delle infezioni si sono verificate nei ristoranti dalla fine del lockdown.

Nessuno dovrebbe essere obbligato a vaccinarsi, specialmente non attraverso un obbligo di vaccinazione di fatto. Secondo Platzer, non è accettabile che ancora una volta "si abusi del settore alberghiero e della ristorazione per aumentare il tasso di vaccinazione".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved