ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’

Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
Svizzera
8 ore

Maggioranza favorevole a riesportazione armi in Ucraina

Secondo un sondaggio il 55% della popolazione ritiene che Paesi terzi dovrebbero essere in grado di fornire all’Ucraina armi di produzione elvetica
Svizzera
9 ore

Tamedia fa ammenda su accuse di mobbing e sessismo

Un’ex redattrice del settimanale ‘Das Magazin’ accusa l’ex responsabile della pubblicazione rimproverando al gruppo un atteggiamento attendista
Svizzera
12 ore

Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino

Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
14 ore

Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante

Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
1 gior

Due morti a Disentis per una valanga

La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
1 gior

La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna

Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior

La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record

Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior

Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera

Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
25.08.2021 - 20:01

Udc e Gastrosuisse fucilano l’estensione del Covid pass

A tutti gli altri partiti piace la proposta del Consiglio federale. L’associazione di categoria denuncia il rischio di un’ulteriore divisione della società.

udc-e-gastrosuisse-fucilano-l-estensione-del-covid-pass
Keystone
Il Consiglio federale ha avviato una ocnsultazione ‘preventiva’

Berna – PLR, Centro, Verdi liberali e Verdi sono favorevoli a un maggiore utilizzo del certificato Covid, come evocato oggi dal Consiglio federale. Si oppone invece l'UDC. Secondo l’associazione di categoria Gastrosuisse, la misura porterebbe a un'ulteriore divisione della società e sarebbe inoltre incostituzionale e discriminatoria.

Il PLR parla di misura "necessaria", per evitare interventi "restrittivi" che colpirebbero tutta la società e l'economia. I criteri per il maggiore utilizzo dovrebbero però essere esposti in modo molto chiaro dal governo.

Favorevole all'estensione si dichiara anche l'Alleanza del Centro. L'importante è infatti evitare il collasso del sistema sanitario: in caso di aggravarsi della situazione il certificato per andare al cinema, a teatro o al ristorante sarebbe quindi il benvenuto.

Su Twitter il presidente dei Verdi Balthasar Glättli ha dichiarato che, vista la situazione degli ospedali, la possibile nuova misura "non arriva certo troppo presto". Il partito ecologista è invece critico nei confronti della fine dei test gratuiti, che non proteggono i testati, ma tutti gli altri.

Pure il PS si dice d'accordo, in particolare se i certificati impediranno - ad esempio - la chiusura di ristoranti o cinema. Per quel che riguarda i test a pagamento, i socialisti preferirebbero una partecipazione ai costi a partire dai 18 anni.

Anche secondo il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen è necessario un maggiore utilizzo del certificato Covid, in modo da evitare un sovraccarico del sistema sanitario e un ulteriore confinamento, che deve essere assolutamente evitato.

‘Obbligo indiretto di vaccino’

L'UDC invece si oppone: secondo i democentristi la misura porterebbe a problemi per le imprese già in difficoltà economiche. Inoltre, i concetti di protezione nella ristorazione e nel settore alberghiero si sono dimostrati validi. Utilizzare di più il certificato, prosegue il partito, significa semplicemente imporre un obbligo indiretto del vaccino.

Il settore gastronomico è molto preoccupato per una possibile estensione dell'obbligo del certificato, ha detto oggi il presidente di Gastrosuisse Casimir Platzer in una conferenza stampa. In questo caso i ristoranti e i caffè dovrebbero fare i conti con enormi perdite di fatturato.

Il 40-50% della popolazione sarebbe esclusa dalla vita sociale. Secondo Platzer, ogni giorno vanno al ristorante circa 2,5 milioni di persone. "Circa un milione non potrebbe più farlo". Nessuno si farebbe testare per andare a bere una birra dopo il lavoro. Questa massiccia riduzione del potenziale degli ospiti equivale a una "chiusura parziale del settore".

L'estensione dell'obbligo del certificato sarebbe anche di scarsa utilità epidemiologica, sproporzionata e praticamente inefficace, ha continuato Platzer. Nel cantone di Zurigo, per esempio, è stato dimostrato che meno dello 0,4% delle infezioni si sono verificate nei ristoranti dalla fine del lockdown.

Nessuno dovrebbe essere obbligato a vaccinarsi, specialmente non attraverso un obbligo di vaccinazione di fatto. Secondo Platzer, non è accettabile che ancora una volta "si abusi del settore alberghiero e della ristorazione per aumentare il tasso di vaccinazione".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved