udc-e-gastrosuisse-fucilano-l-estensione-del-covid-pass
Keystone
Il Consiglio federale ha avviato una ocnsultazione ‘preventiva’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
14 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
14 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
15 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
15 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
16 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
17 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
17 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
18 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
25.08.2021 - 20:01

Udc e Gastrosuisse fucilano l’estensione del Covid pass

A tutti gli altri partiti piace la proposta del Consiglio federale. L’associazione di categoria denuncia il rischio di un’ulteriore divisione della società.

Berna – PLR, Centro, Verdi liberali e Verdi sono favorevoli a un maggiore utilizzo del certificato Covid, come evocato oggi dal Consiglio federale. Si oppone invece l'UDC. Secondo l’associazione di categoria Gastrosuisse, la misura porterebbe a un'ulteriore divisione della società e sarebbe inoltre incostituzionale e discriminatoria.

Il PLR parla di misura "necessaria", per evitare interventi "restrittivi" che colpirebbero tutta la società e l'economia. I criteri per il maggiore utilizzo dovrebbero però essere esposti in modo molto chiaro dal governo.

Favorevole all'estensione si dichiara anche l'Alleanza del Centro. L'importante è infatti evitare il collasso del sistema sanitario: in caso di aggravarsi della situazione il certificato per andare al cinema, a teatro o al ristorante sarebbe quindi il benvenuto.

Su Twitter il presidente dei Verdi Balthasar Glättli ha dichiarato che, vista la situazione degli ospedali, la possibile nuova misura "non arriva certo troppo presto". Il partito ecologista è invece critico nei confronti della fine dei test gratuiti, che non proteggono i testati, ma tutti gli altri.

Pure il PS si dice d'accordo, in particolare se i certificati impediranno - ad esempio - la chiusura di ristoranti o cinema. Per quel che riguarda i test a pagamento, i socialisti preferirebbero una partecipazione ai costi a partire dai 18 anni.

Anche secondo il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen è necessario un maggiore utilizzo del certificato Covid, in modo da evitare un sovraccarico del sistema sanitario e un ulteriore confinamento, che deve essere assolutamente evitato.

‘Obbligo indiretto di vaccino’

L'UDC invece si oppone: secondo i democentristi la misura porterebbe a problemi per le imprese già in difficoltà economiche. Inoltre, i concetti di protezione nella ristorazione e nel settore alberghiero si sono dimostrati validi. Utilizzare di più il certificato, prosegue il partito, significa semplicemente imporre un obbligo indiretto del vaccino.

Il settore gastronomico è molto preoccupato per una possibile estensione dell'obbligo del certificato, ha detto oggi il presidente di Gastrosuisse Casimir Platzer in una conferenza stampa. In questo caso i ristoranti e i caffè dovrebbero fare i conti con enormi perdite di fatturato.

Il 40-50% della popolazione sarebbe esclusa dalla vita sociale. Secondo Platzer, ogni giorno vanno al ristorante circa 2,5 milioni di persone. "Circa un milione non potrebbe più farlo". Nessuno si farebbe testare per andare a bere una birra dopo il lavoro. Questa massiccia riduzione del potenziale degli ospiti equivale a una "chiusura parziale del settore".

L'estensione dell'obbligo del certificato sarebbe anche di scarsa utilità epidemiologica, sproporzionata e praticamente inefficace, ha continuato Platzer. Nel cantone di Zurigo, per esempio, è stato dimostrato che meno dello 0,4% delle infezioni si sono verificate nei ristoranti dalla fine del lockdown.

Nessuno dovrebbe essere obbligato a vaccinarsi, specialmente non attraverso un obbligo di vaccinazione di fatto. Secondo Platzer, non è accettabile che ancora una volta "si abusi del settore alberghiero e della ristorazione per aumentare il tasso di vaccinazione".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato consiglio federale covid estensione gastrosuisse reazioni udc
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved