da-domani-viaggiare-in-europa-sara-un-po-piu-agevole
Keystone
Il documento, in formato cartaceo o elettronico, attesta vaccinazioni, guarigione e negatività al test
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Aliante contro la roccia in Vallese, morto il pilota

L’aliante pilotato da un 57enne vodese si è schiantato contro una parete rocciosa nella zona di Sénin/Sanetsch, non lontano dal confine col canton Berna
Svizzera
18 ore

‘Fantasy Basel’: primato di visitatori

L’edizione 2022 dell’evento è stata frequentata da 62’000 appassionati di film di genere fantastico, videogame, fumetti, cosplay e manga
Svizzera
22 ore

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
23 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
1 gior

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
1 gior

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
1 gior

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
2 gior

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
2 gior

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
2 gior

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
2 gior

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
2 gior

‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’

La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
Svizzera
2 gior

Prospettive meno fosche del previsto per l’Avs

Senza una riforma la dotazione del fondo dovrebbe scendere a 43,4 miliardi nel 2032, calcola l’Ufas. Nel 2020 si stimava un calo a 24,9 miliardi
Svizzera
3 gior

Monumento a Suvorov ripulito da russi e svizzeri

Era stato imbrattato a metà maggio con i colori della bandiera ucraina
Svizzera
3 gior

Muore ciclista 81enne, non aveva rispettato la precedenza

L’uomo è stato investito da un 22enne che circolava sulla strada cantonale a Château-d’Oex (Vd)
Svizzera
3 gior

Nell’arco alpino inevitabile un aumento delle temperature

L’incremento sarà compreso tra 0,5 e 1,5 gradi nei prossimi 20-30 anni. Previste meno piogge in estate, ma di più nelle altre stagioni
Svizzera
3 gior

Bambino scomparso amante dell’autopostale ritrovato su un bus

Il piccolo di sette anni è montato in sella alla sua bicicletta per raggiungere la stazione di Sion dove è salito sul mezzo
08.07.2021 - 18:53
Aggiornamento : 19:48

Da domani viaggiare in Europa sarà un po’ più agevole

Via libera definitivo dall’Unione europeo al certificato Covid svizzero. Le principali domande e risposte, per sapere l’essenziale.

Il certificato Covid svizzero è stato riconosciuto dall’Ue. Cosa significa?

Che da oggi è valido in tutti i 27 Stati membri dell’Unione europea (Ue), oltre che in Islanda e Norvegia (Paesi Aels). Viceversa, il certificato europeo – entrato in vigore a livello di Ue dal 1° luglio – è valido anche in Svizzera. Il mutuo riconoscimento dei certificati “permetterà ai cittadini europei e svizzeri di viaggiare più liberamente e in tutta sicurezza quest’estate”, ha dichiarato il commissario europeo alla giustizia Didier Reynders, citato in una nota della Commissione Ue.

Cosa vuol dire ‘più liberamente’?

A partire da oggi, venerdì 9 luglio, chi si reca in un Paese Ue/Aels può mostrare alla dogana il certificato Covid. Il codice QR – stampato sul documento cartaceo (facoltativo, ma è sempre meglio averlo con sé), contenuto nella app ‘Covid Certificate’ o scaricato in formato pdf sul proprio smartphone – attesta se una persona è stata vaccinata, si è sottoposta a un test anti-covid o è guarita dal virus. Una volta che i doganieri lo hanno scannerizzato, e dopo aver mostrato loro un documento di identità, si può attraversare il confine o salire su un aereo (occhio in questo caso alle condizioni di imbarco poste dalle singole compagnie aeree). Il certificato Covid è destinato a dispensare chi ne è in possesso da un test anti-coronavirus in entrata o da una quarantena all’arrivo.

‘Più liberamente’ non è ‘liberamente’, giusto?

Sì. Gli spostamenti vengono agevolati, ma qualche ostacolo rimane. Ogni Paese, infatti, mantiene specifici provvedimenti per regolare l’entrata e il soggiorno sul suo territorio. Questi possono variare dall’oggi al domani, per cui il consiglio è: informatevi prima di partire. Esaustive e aggiornate informazioni possono essere trovate (anche in italiano) sul sito https://reopen.europa.eu

A cosa devo prestare attenzione, pur avendo il certificato?

Alle singole disposizioni nazionali sui test anti-Covid, per esempio: ogni Paese decide per conto suo se accettare i test antigenici rapidi, oltre ai classici test Pcr. Inoltre, non esiste una validità uniforme su scala europea per i test Pcr e i certificati che attestano la guarigione dalla malattia. Anche l’età a partire dalla quale i bambini devono produrre un test Pcr varia da un Paese all’altro. Le regole divergono poi sul momento a partire dal quale la protezione vaccinale di una persona vaccinata è considerata pienamente valida. Infine, per viaggiare in alcuni Paesi è necessario riempire il formulario ‘Passenger Locater Form’. 

Per l’Italia quali regole valgono?

I titolari di un certificato Covid Ue o svizzero possono entrare in Italia, a determinate condizioni. Per i vaccinati: 14 giorni devono essere trascorsi dalla seconda dose del vaccino (la Francia, tra gli altri, specifica per le persone guarite: 14 giorni dopo la prima dose). Per le persone guarite: devono essere trascorsi al massimo 6 mesi dal tampone positivo. Per le persone negative al test: un risultato negativo a un test (Pcr o antigenico rapido) effettuato entro le 48 ore precedenti. I bambini di età inferiore ai 6 anni sono esentati dai requisiti per le prove o la quarantena. Va compilato il ‘Passenger Locater Form’.

Una volta all’estero, il certificato serve ancora?

Sì. Perché anche qui ogni Paese decide per conto suo come utilizzare il certificato Covid sul suo territorio. ll codice QR potrebbe essere richiesto ad esempio per entrare in un ristorante, andare al cinema, assistere a un concerto, viaggiare in treno o pernottare in albergo.

Con il certificato posso viaggiare tranquillamente per tutta l’estate?

È tutto da vedere. Occorre tenere conto del fatto che la situazione epidemiologica resta molto fluida. I Paesi dell’Ue possono, da un momento all’altro, introdurre autonomamente restrizioni nel caso di un’impennata dei contagi nel Paese di provenienza. A fine giugno, la diffusione della variante Delta aveva spinto la Germania a inserire il Portogallo nell’elenco dei Paesi a rischio. Rigide quarantene erano state disposte per le persone che rientravano dal Portogallo, comprese quelle vaccinate o guarite. Anche le autorità svizzere potrebbero a un tratto reintrodurre l’obbligo di quarantena per chi rientra da determinati Paesi.

Posso andare ovunque nell’Ue col certificato svizzero?

Sì. Ma Irlanda, Svezia e Malta accusano ritardi nella messa a punto del certificato. Per alcune settimane questi Paesi accetteranno anche altre attestazioni di vaccinazione, test e guarigione.

Non ho il certificato. Posso viaggiare comunque all’estero?

Il certificato non è un documento di viaggio. Si può viaggiare anche senza. In questo caso devo però mettere in conto gli ormai abituali svantaggi, come l’obbligo di svolgere un test anti-Covid o di sottoporsi a una quarantena.

Non ho il certificato. Cosa devo fare se voglio andare in Italia?

Posso entrare in Italia senza dover specificare il motivo del viaggio. Se non posso fornire un certificato di vaccinazione, né un certificato che attesta la guarigione, devo essere in grado di produrre il risultato negativo a un test anti-Covid (Pcr o antigenico) effettuato entro le 48 ore prima dell’arrivo (i bambini sotto i 6 anni sono esentati). In questo caso non è imposta alcuna quarantena. Posso entrare anche senza aver fatto il test, ma allora devo informare subito l’Autorità Sanitaria Locale, autoisolarmi per 10 giorni e fare un test alla fine di questo periodo.

E se voglio andare negli Stati Uniti, in Gran Bretagna o in un altro Paese fuori dall’Ue?

Questi Paesi non riconoscono i certificati Ue e svizzero. Discussioni sono in corso a diversi livelli (Oms, tra Ue e Stati Uniti e Gran Bretagna, ecc.) in vista di un possibile riconoscimento sul piano internazionale.

Cosa contiene il certificato Covid svizzero?

Oltre a cognome, nome, data di nascita e numero del certificato, contiene anche i dati relativi alla vaccinazione (date, tipo di siero somministrato), alla guarigione o al risultato negativo di un test Pcr o di un test antigenico rapido. Il suo ‘cuore’ è il codice QR: grazie a una firma elettronica della Confederazione, questo rende il certificato non falsificabile, garantendone inoltre l’autenticità. In Svizzera più di 3,5 milioni di persone vaccinate dallo scorso 7 giugno con i sieri di Moderna o Pfizer/Biontech hanno già ricevuto un certificato. Quasi 90mila ne hanno ricevuto uno dopo essere guariti dalla malattia. Dal 12 luglio esiste anche un certificato ‘light’: con dati ridotti al minimo (ad esempio: non viene specificato se il titolare è vaccinato, guarito o testato negativamente), disponibile unicamente in versione elettronica e riconosciuto solo in Svizzera, permette di accedere a teatri, cinema, festival e altri eventi. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid riconoscimento unione europea viaggi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved