nucleare-centrali-attive-piu-a-lungo-in-svizzera
La centrale di Beznau (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
7 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
10 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
10 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
11 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
11 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
13 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
13 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
04.07.2021 - 13:54
Aggiornamento : 19:28

Nucleare, centrali attive più a lungo in Svizzera

Da 50 a 60 anni di vita: la Confederazione ha avviato discussioni con i gestori per prolungarne la vita

Ats, a cura de laRegione

La Confederazione ha avviato discussioni con i gestori delle centrali nucleari svizzere in vista di un possibile prolungamento della loro durata di vita. Se rimanessero in esercizio 60 anni, anziché i 50 previsti, la Svizzera sarebbe meno dipendente dalle importazioni e avrebbe più tempo per sviluppare energie alternative.

Una portavoce dell'Ufficio federale dell'energia (UFE) ha confermato all'agenzia Keystone-ATS un'informazione in tal senso pubblicata oggi dalla "NZZ am Sonntag". Durante i colloqui si vogliono sondare le intenzioni e i piani dei gestori degli impianti nucleari. In tal modo si potrà sapere come andare avanti con l'energia idroelettrica e solare.

"Ciò che ci interessa, è di sapere quali siano i piani degli operatori delle centrali nucleari", ha precisato la portavoce. A suo avviso, un prolungamento fino a 60 anni necessita "di lavori preparatori completi e di decisioni precoci". I gestori delle centrali dovrebbero ad esempio fornire ulteriori prove di sicurezza e fare investimenti.

Nessun limite di tempo

In Svizzera, dopo lo spegnimento della centrale nucleare di Mühleberg (BE) nel 2019 rimangono ancora quattro impianti in esercizio. Per loro non vi è alcun limite di durata legale. Potranno funzionare, finché saranno sicure.

Le due centrali di Beznau (AG) sono in funzione da 52 rispettivamente 49 anni, quella di Gösgen (SO) da 42 anni e quella di Leibstadt (AG) da 37.

Nuovi impianti non potranno essere realizzati, come ha deciso il popolo svizzero nel 2017 con il suo "sì" alla Strategia energetica 2050. Nel contempo bisognerà diminuire il consumo di energia, aumentare l'efficienza energetica e la promozione delle energie rinnovabili.

Prezzi più elevati

Con il fallimento dei negoziati sull'accordo quadro con l'Unione europea, anche l'accordo sull'elettricità è fallito. È quindi tornata ad essere più pressante la questione di sapere come la Svizzera potrà coprire i propri bisogni in ambito energetico dopo lo spegnimento delle centrali nucleari.

Rimane aperta anche la questione della sostituzione graduale dell'energia nucleare indigena con energie alternative che funzionino anche con le fluttuazioni stagionali. Il fallimento dell'accordo quadro con l'UE rende inoltre meno sicure l'importazione e la fornitura di energia in caso di possibili interruzioni.

Per i gestori degli impianti, che sono già confrontati con prezzi in aumento negli ultimi anni sulle borse elettriche europee, un prolungamento della durata di vita delle centrali potrebbe essere più attrattivo finanziariamente. L'idea di prolungare di dieci anni la durata degli impianti non è nuova. Nel 2019 l'UFE aveva schizzato tre scenari nei quali veniva presa in considerazione anche questa possibilità.Centrali nucleari: discussioni su possibile prolungamento 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia nucleare svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved