GIRON M. (USA)
0
NADAL R. (ESP)
3
fine
(1-6 : 4-6 : 2-6)
energia-abbandono-del-nucleare-a-rischio
In Svizzera sono cinque le centrali nucleare. Qui è a Gösgen (foto Wikipedia)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
35 min

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
14 ore

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
14 ore

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
15 ore

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
18 ore

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
Svizzera
18 ore

Sostegno ai media, diverse personalità si attivano per il ‘sì’

Sono oltre 100 i personaggi che hanno accolto ‘l’Appello urgente’ per una democrazia non fatta solo di opinioni, ma anche di conoscenze
Svizzera
20 ore

Cassis a Berlino per incontrare Scholz, Baerbock e Steinmeier

Il presidente della Confederazione giovedì sarà in Germania per dialogare con i vertici del Governo tedesco
Svizzera
21 ore

Gli esperti: ‘Un registro anche per i casi di long-Covid’

Più aumenta il numero di contagi in Svizzera e maggiore è il rischio di danni a lungo termine, si legge sulla stampa domenicale
Svizzera
22 ore

L’onda d’urto dell’eruzione del Tonga arriva anche in Svizzera

Dai grafici dell’Ufficio federale di meteorologia e climatologia si vede una variazione netta e molto breve della pressione tra le 19.00 e le 21.00.
11.07.2021 - 11:570
Aggiornamento : 16:17

Energia, abbandono del nucleare a rischio

Nel nostro Paese è a rischio l'abbandono delle centrali. Sull'altro fronte, lo sviluppo delle rinnovabili va a rilento

L'abbandono del nucleare in Svizzera è a rischio, secondo Le Matin Dimanche. Dieci anni dopo l'annuncio da parte del Consiglio federale, è cambiato molto poco: la parte di energia prodotta dalle centrali nucleari è rimasta pressoché stabile e lo sviluppo delle energie rinnovabili è troppo lento.

Un terzo dell'energia prodotta dalle centrali atomiche

Attualmente quasi il 60% della produzione di elettricità proviene da impianti idroelettrici, ma il 33% è ancora fornito dal nucleare. La proporzione dell'atomo è rimasta praticamente invariata dal 2011.

Solo il 6,7 per cento di elettricità da rinnovabili

La percentuale di elettricità generata da fonti rinnovabili è aumentata, ma rappresenta ancora solo il 6,7% del totale, rispetto all'1% del 2011. Nel confronto internazionale, la Svizzera produce 311kWh di energia solare ed eolica pro capite, mentre per i danesi la quota si attesta a 3027kWh, per i tedeschi a 2232kWh e nel Regno Unito a 1304kWh.

Gli obiettivi della Confederazione per il 2035

La strategia energetica 2050 della Confederazione prevede la promozione dell'energia pulita. Entro il 2035, 37'400 GWh dovranno essere generati dall'energia idroelettrica - che già funziona a pieno regime - mentre 17'000 GWh dovranno provenire da altre energie rinnovabili. Queste ultime però hanno prodotto circa 4000 GWh nel 2019.

Se gli obiettivi del governo federale per il 2035 dovessero essere raggiunti, resterebbe comunque da compensare la metà dell'attuale produzione di energia nucleare. "Compensare l'abbandono del nucleare entro il 2035 è tecnicamente possibile con il fotovoltaico, ma il ritmo è stato troppo lento finora e ora sono necessari forti incentivi. Ci sono comunque motivi per essere ottimisti, non da ultimo il fatto che il costo dell'energia solare è diventato molto attraente", dice Felix Nipkow, responsabile del settore delle energie rinnovabili alla Fondazione svizzera per l'energia.

Abbandono compensato da 19mila campi di calcio di pannelli solari

Secondo i calcoli di Le Matin Dimanche l'equivalente di più di 19'000 campi di calcio dovrebbe essere coperto con pannelli solari entro il 2035 per compensare l'abbandono dell'energia nucleare, ma oggi la superficie è solo di circa 1800 campi. Ci vorrebbero inoltre quasi 6000 turbine eoliche e siamo solo a quota 42.

Per far fronte al previsto deficit di elettricità, l'Ufficio federale dell'energia prevede di prolungare la vita delle centrali nucleari da 50 a 60 anni, in contraddizione con le promesse fatte dieci anni fa. L'invecchiamento degli impianti pone però un problema di sicurezza dell'approvvigionamento. "Il funzionamento a lungo termine è tecnicamente sicuro grazie alla manutenzione continua, a nuovi equipaggiamenti e alla modernizzazione", sostiene Swissnuclear, l'associazione dei gestori di centrali nucleari. Per Philippe de Rougemont, presidente dell'associazione Uscire dal nucleare, invece "l'opzione dei 60 anni crea pigrizia" e "rallenta lo sviluppo dell'efficienza energetica, i cambiamenti nelle abitudini di consumo e la produzione di energie rinnovabili".
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved