CAL Flames
2
ANA Ducks
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
elettricita-pulita-e-sicura-non-c-e-tempo-da-perdere
Keystone
Simonetta Sommaruga
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
14 ore

Certificato Covid sulle piste da sci? Dubbi sulla fattibilità

Nulla di deciso per la stagione alle porte. Fa discutere l’applicabilità di una possibile imposizione da parte di Berna
Svizzera
15 ore

Rapperswil-Jona, trovati morti padre e figlia

La polizia sospetta che si tratti di un omicidio-suicidio. La ragazza aveva 12 anni, il padre 54
Svizzera
17 ore

Nei centri asilo federali violenze episodiche, non sistematiche

Queste le conclusioni del rapporto dell’ex giudice federale Oberholzer incaricato di verificare il ricorso a misure di coercizione sproporzionate
Svizzera
17 ore

In Svizzera 2’366 contagi nel weekend, 4 i decessi

Il tasso di replicazione del virus, il cui dato ha un ritardo di 10 giorni, torna a raggiungere la cifra di 1 che indica in genere un aumento dei contagi
Svizzera
19 ore

Sotto esame il discorso di un deputato Udc contro il Governo

La polizia esamina le dichiarazioni di David Beeler secondo cui ‘il Consiglio federale ha tradito il Paese" e ’in Svizzera c’è la legge marziale’
Svizzera
19 ore

Sul certificato Covid perplessità trasversali in Parlamento

Oltre l’Udc, anche esponenti del Centro e del Ps si esprimono a favore di allentamenti sul Covid Pass svizzero
Svizzera
20 ore

L’esercito sfora di 100 milioni il budget per l’informatica

Una delle ragioni chiave dello squilibrio è il progetto ‘Fitania’, che vorrebbe rendere le forze armate digitalmente adatte alle sfide future
Svizzera
22 ore

Due bambini muoiono in incendio nel canton Berna

Il rogo in una casa di Leuzigen, nel Seeland Bernese
Svizzera
23 ore

Sempre più vicina la terza dose in Svizzera

Il processo di approvazione da parte di Swissmedic sarebbe ‘nelle fasi finali’. Attualmente si stanno studiando i dati forniti da Pfizer e Moderna
Svizzera
1 gior

Parmelin invita a prepararsi a penuria di elettricità

Il ministro dell’economia: ‘Oltre alla pandemia, una carenza di energia è la più grande minaccia per l’approvvigionamento della Svizzera’
Svizzera
1 gior

Uri, auto contro camper sulla Axenstrasse. Cinque feriti

I contusi sono stati trasportati negli ospedali circostanti con un elicottero e con diverse ambulanze
Svizzera
1 gior

Berset e Ministero pubblico sollevati dalle accuse

È quanto avrebbe stabilito, stando alla ‘SonntagsZeitung’, l’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC)
Svizzera
1 gior

Situazione forniture: in Svizzera meglio che in Europa

Lo sostiene Rolf Galliker, presidente dell’omonima società di trasporti elvetica
Svizzera
1 gior

I presidenti del Parlamento condannano l’attentato ad Amess

In un tweet i due parlamentari svizzeri hanno espresso le loro ‘sentite condoglianze’ alla famiglia, agli amici e ai colleghi del deputato Tory
Svizzera
1 gior

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Coira

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. Il centauro 62enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale
Svizzera
18.06.2021 - 15:270
Aggiornamento : 16:51

Elettricità pulita e sicura, ‘non c’è tempo da perdere’

Il Consiglio federale vuole rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento e punta sulle ‘rinnovabili’ indigene. Previsto un ‘supplemento invernale’.

Berna – In Svizzera è necessario un forte e tempestivo potenziamento della produzione indigena di corrente da fonti rinnovabili. Ne è convinto il Consiglio federale, che oggi ha adottato il messaggio relativo alla legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro con le energie rinnovabili.

Il progetto - che comprende la revisione della legge sull'energia e della legge sull'approvvigionamento elettrico - mira a rafforzare il potenziamento delle energie rinnovabili indigene e la sicurezza di approvvigionamento in Svizzera, con un attenzione particolare ai mesi invernali, ha spiegato in conferenza stampa la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Datec), Simonetta Sommaruga.

"Vogliamo che venga prodotta in Svizzera molta più energia pulita", ha detto la consigliera federale illustrando i punti del progetto, assicurando inoltre che il processo di "decarbonizzazione" - soprattutto a medio e lungo termine - proseguirà. A suo avviso, la legge è completa, estesa a più ambiti e include numerosi aspetti. "È importante procedere con il potenziamento: rafforzando la sicurezza dell'approvvigionamento, rafforziamo anche la posizione della Confederazione", ha affermato, aggiungendo che "non c'è tempo da perdere".

Per raggiungere gli obiettivi della Strategia energetica 2050 e della strategia climatica della Svizzera a lungo termine, ha indicato il Consiglio federale in un comunicato, "serve un'ampia elettrificazione dei settori trasporti e calore". Inoltre, in futuro l'utilizzazione e il potenziamento delle reti elettriche deve diventare più efficiente sotto il profilo dei costi.

Obiettivi vincolanti per il 2035 e il 2050

In futuro, ha auspicato Sommaruga, la legge federale sull'energia comprenderà obiettivi vincolanti per gli anni 2035 e 2050: vi figurano ad esempio il potenziamento della forza idrica e di altre energie rinnovabili, ma anche la riduzione del consumo di energia (e anche di elettricità) pro capite.

Il progetto presentato dalla consigliera federale vuole prorogare fino al 2035 gli attuali strumenti di promozione, che scadono nel 2022 e nel 2030. A pochi giorni di distanza da una discussione in materia del Consiglio nazionale durante la sessione appena conclusasi, l'Esecutivo ha citato oggi in particolare il sostegno tramite gare pubbliche per grandi impianti fotovoltaici, l'introduzione di contributi di investimento al posto del sistema di rimunerazione per l'immissione di elettricità (Ric) e la maggiore disponibilità finanziaria per i grandi impianti idroelettrici. Il finanziamento degli strumenti di promozione, ha evidenziato il Consiglio federale, si baserà anche in futuro su un supplemento rete pari a 2,3 centesimi/chilowattora.

I timori sull'approvvigionamento

Per quanto riguarda il capitolo approvvigionamento, il progetto pone le basi sia per garantire la stabilità della rete a breve termine, sia per fornire una maggior sicurezza di approvvigionamento a lungo termine pure nei mesi invernali. "Sappiamo che ci serve molta più corrente in inverno", ha detto la ministra dell'energia.

L'abbandono delle discussioni sull'accordo istituzionale con l'Unione europea ha complicato i piani: "Probabilmente anche l'accordo sull'energia elettrica non potrà più essere concluso in tempo utile", ha spiegato Sommaruga a nome del Consiglio federale, che ora ha coinvolto diversi attori - fra i quali Datec, Swissgrid e la Commissione federale dell'energia elettrica (ElCom) - per analizzare le conseguenze a breve e medio termine per la sicurezza di approvvigionamento e la stabilità della rete, nonché per valutare possibili misure supplementari per garantire tale sicurezza a breve termine.

Sull'eventualità di ricorrere all'energia proveniente dal carbone per garantire la stabilità della rete a breve termine, il direttore dell'Ufficio federale dell'energia, Benoît Revaz, non si è sbottonato: ha comunque ribadito che con Swissgrid e la ElCom si stanno valutando diversi scenari, "ma è chiaro che senza alcun accordo con l'Ue o con i Paesi limitrofi la situazione è più complessa", ha precisato.

‘Supplemento invernale’

Oltre al mancato accordo quadro, pure l'abbandono del nucleare pone qualche quesito a livello di energia: per raggiungere e garantire l'autosufficienza dell'approvvigionamento in Svizzera, è necessario un incremento di 2 TWh della produzione di elettricità neutrale sotto il profilo climatico - oltre all'aumento mirato della produzione di elettricità rinnovabile (valore da raggiungere entro il 2050: 39 TWh contro l'attuale 24,2) - a cui si possa fare capo in modo sicuro anche nei mesi freddi.

Il Consiglio federale intende finanziare questi tipi di impianti - in particolare i grandi impianti ad accumulazione - attraverso un "supplemento invernale": verrà riscosso dai consumatori un importo massimo di 0,2 centesimi/chilowattora, oltre all'introduzione di una riserva strategica per garantire disponibilità di energia anche verso la fine dell'inverno. "Tale riserva deve essere impiegata solo e unicamente se c'è il rischio di un'interruzione dell'approvvigionamento elettrico", ha sottolineato Sommaruga.

Apertura del mercato elettrico

Secondo Sommaruga, l'apertura totale del mercato elettrico - che consente modelli commerciali innovativi vietati nell'attuale regime di monopolio - rafforzerà la produzione di elettricità a partire dalle fonti rinnovabili.

I consumatori finali che producono la propria elettricità (cosiddetti prosumer), i produttori e i fornitori di energia elettrica ottengono così libertà importanti sotto il profilo economico. Tuttavia, ha chiarito il governo, "al fine di proteggere i piccoli consumatori - come le economie domestiche - da abusi di prezzo, anche in futuro verrà mantenuto il regime del servizio universale. In esso sarà offerto un prodotto elettrico composto esclusivamente da energia rinnovabile indigena".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved