elettricita-pulita-e-sicura-non-c-e-tempo-da-perdere
Keystone
Simonetta Sommaruga
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
13 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
14 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
14 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
15 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
15 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
16 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
17 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
17 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
20 ore

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
21 ore

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
1 gior

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
1 gior

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
1 gior

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
1 gior

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
1 gior

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
18.06.2021 - 15:27
Aggiornamento : 16:51

Elettricità pulita e sicura, ‘non c’è tempo da perdere’

Il Consiglio federale vuole rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento e punta sulle ‘rinnovabili’ indigene. Previsto un ‘supplemento invernale’.

Berna – In Svizzera è necessario un forte e tempestivo potenziamento della produzione indigena di corrente da fonti rinnovabili. Ne è convinto il Consiglio federale, che oggi ha adottato il messaggio relativo alla legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro con le energie rinnovabili.

Il progetto - che comprende la revisione della legge sull'energia e della legge sull'approvvigionamento elettrico - mira a rafforzare il potenziamento delle energie rinnovabili indigene e la sicurezza di approvvigionamento in Svizzera, con un attenzione particolare ai mesi invernali, ha spiegato in conferenza stampa la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Datec), Simonetta Sommaruga.

"Vogliamo che venga prodotta in Svizzera molta più energia pulita", ha detto la consigliera federale illustrando i punti del progetto, assicurando inoltre che il processo di "decarbonizzazione" - soprattutto a medio e lungo termine - proseguirà. A suo avviso, la legge è completa, estesa a più ambiti e include numerosi aspetti. "È importante procedere con il potenziamento: rafforzando la sicurezza dell'approvvigionamento, rafforziamo anche la posizione della Confederazione", ha affermato, aggiungendo che "non c'è tempo da perdere".

Per raggiungere gli obiettivi della Strategia energetica 2050 e della strategia climatica della Svizzera a lungo termine, ha indicato il Consiglio federale in un comunicato, "serve un'ampia elettrificazione dei settori trasporti e calore". Inoltre, in futuro l'utilizzazione e il potenziamento delle reti elettriche deve diventare più efficiente sotto il profilo dei costi.

Obiettivi vincolanti per il 2035 e il 2050

In futuro, ha auspicato Sommaruga, la legge federale sull'energia comprenderà obiettivi vincolanti per gli anni 2035 e 2050: vi figurano ad esempio il potenziamento della forza idrica e di altre energie rinnovabili, ma anche la riduzione del consumo di energia (e anche di elettricità) pro capite.

Il progetto presentato dalla consigliera federale vuole prorogare fino al 2035 gli attuali strumenti di promozione, che scadono nel 2022 e nel 2030. A pochi giorni di distanza da una discussione in materia del Consiglio nazionale durante la sessione appena conclusasi, l'Esecutivo ha citato oggi in particolare il sostegno tramite gare pubbliche per grandi impianti fotovoltaici, l'introduzione di contributi di investimento al posto del sistema di rimunerazione per l'immissione di elettricità (Ric) e la maggiore disponibilità finanziaria per i grandi impianti idroelettrici. Il finanziamento degli strumenti di promozione, ha evidenziato il Consiglio federale, si baserà anche in futuro su un supplemento rete pari a 2,3 centesimi/chilowattora.

I timori sull'approvvigionamento

Per quanto riguarda il capitolo approvvigionamento, il progetto pone le basi sia per garantire la stabilità della rete a breve termine, sia per fornire una maggior sicurezza di approvvigionamento a lungo termine pure nei mesi invernali. "Sappiamo che ci serve molta più corrente in inverno", ha detto la ministra dell'energia.

L'abbandono delle discussioni sull'accordo istituzionale con l'Unione europea ha complicato i piani: "Probabilmente anche l'accordo sull'energia elettrica non potrà più essere concluso in tempo utile", ha spiegato Sommaruga a nome del Consiglio federale, che ora ha coinvolto diversi attori - fra i quali Datec, Swissgrid e la Commissione federale dell'energia elettrica (ElCom) - per analizzare le conseguenze a breve e medio termine per la sicurezza di approvvigionamento e la stabilità della rete, nonché per valutare possibili misure supplementari per garantire tale sicurezza a breve termine.

Sull'eventualità di ricorrere all'energia proveniente dal carbone per garantire la stabilità della rete a breve termine, il direttore dell'Ufficio federale dell'energia, Benoît Revaz, non si è sbottonato: ha comunque ribadito che con Swissgrid e la ElCom si stanno valutando diversi scenari, "ma è chiaro che senza alcun accordo con l'Ue o con i Paesi limitrofi la situazione è più complessa", ha precisato.

‘Supplemento invernale’

Oltre al mancato accordo quadro, pure l'abbandono del nucleare pone qualche quesito a livello di energia: per raggiungere e garantire l'autosufficienza dell'approvvigionamento in Svizzera, è necessario un incremento di 2 TWh della produzione di elettricità neutrale sotto il profilo climatico - oltre all'aumento mirato della produzione di elettricità rinnovabile (valore da raggiungere entro il 2050: 39 TWh contro l'attuale 24,2) - a cui si possa fare capo in modo sicuro anche nei mesi freddi.

Il Consiglio federale intende finanziare questi tipi di impianti - in particolare i grandi impianti ad accumulazione - attraverso un "supplemento invernale": verrà riscosso dai consumatori un importo massimo di 0,2 centesimi/chilowattora, oltre all'introduzione di una riserva strategica per garantire disponibilità di energia anche verso la fine dell'inverno. "Tale riserva deve essere impiegata solo e unicamente se c'è il rischio di un'interruzione dell'approvvigionamento elettrico", ha sottolineato Sommaruga.

Apertura del mercato elettrico

Secondo Sommaruga, l'apertura totale del mercato elettrico - che consente modelli commerciali innovativi vietati nell'attuale regime di monopolio - rafforzerà la produzione di elettricità a partire dalle fonti rinnovabili.

I consumatori finali che producono la propria elettricità (cosiddetti prosumer), i produttori e i fornitori di energia elettrica ottengono così libertà importanti sotto il profilo economico. Tuttavia, ha chiarito il governo, "al fine di proteggere i piccoli consumatori - come le economie domestiche - da abusi di prezzo, anche in futuro verrà mantenuto il regime del servizio universale. In esso sarà offerto un prodotto elettrico composto esclusivamente da energia rinnovabile indigena".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
approvvigionamento consiglio federale elettrica energia progetto simonetta sommaruga
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved