per-la-svizzera-l-approvvigionamento-elettrico-e-fondamentale
© Ti-Press
Una veduta esterna della Sottostazione Elettrica di Magadino
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs

La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
1 ora

Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale

Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
2 ore

Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi

Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
3 ore

Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza

In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
5 ore

Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso

Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
8 ore

Due morti in un incidente stradale sul Bernina

Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
23 ore

Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale

Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior

Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo

Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior

Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese

I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior

Engadina, presenza quasi certa di tre orsi

Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
Svizzera
1 gior

Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil

L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
1 gior

L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’

Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
1 gior

Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago

Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
13.10.2021 - 14:44
Aggiornamento: 15:04
Ats, a cura de laRegione

Per la Svizzera l’approvvigionamento elettrico è fondamentale

Il Consiglio federale ha preso atto di due rapporti sul tema circa possibili misure su rete, consumo e produzione e scenari di collaborazione con l’Ue

La sicurezza dell’approvvigionamento elettrico per la Svizzera è di fondamentale importanza, anche vista l’incertezza riguardo alla conclusione di un accordo sull’energia elettrica con l’Ue. Il Consiglio federale ha preso atto oggi di due rapporti sul tema che serviranno da base per ulteriori decisioni. Intanto ha già annunciato l’elaborazione, entro novembre, di un piano per fronteggiare i picchi di carico con centrali a gas e un’analisi dei potenziali di efficienza elettrica fino al 2025.

In giugno, parallelamente all’approvazione del messaggio concernente la legge federale su un approvvigionamento elettrico sicuro con le energie rinnovabili, il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale dell’energia (Datec) di analizzare le ripercussioni del mancato accordo con l’Ue e di elaborare misure a breve e medio termine per garantire la stabilità della rete e la sicurezza dell’approvvigionamento.

Il primo rapporto, redatto dalla Commissione federale dell’energia elettrica (ElCom) e Swissgrid, elenca 80 possibili misure nei settori rete, consumo e produzione con priorità e orizzonti temporali diversi.

Il secondo analizza i possibili problemi legati al nuovo quadro normativo dell’Ue a partire dal 2025 ed è stato commissionato alla società di consulenza Frontier Economics. Dal 2007, anno dell’avvio dei negoziati per un accordo sull’energia elettrica, la regolamentazione del mercato interno europeo dell’elettricità si è evoluta notevolmente, con ripercussioni anche per la Svizzera, visto che la rete di trasporto elvetica è strettamente collegata ai Paesi limitrofi.

Lo scorso anno è entrata in vigore la regolazione Clean Energy Package, che impone ai gestori delle reti di trasporto europei di mantenere almeno il 70% delle capacità di rete transfrontaliere libere per il commercio di elettricità all’interno dell’Ue dal 2025. Questa disposizione potrebbe limitare notevolmente le capacità d’importazione della Svizzera e causare un aumento massiccio dei flussi non pianificati di elettricità tali da compromettere la stabilità della rete svizzera, spiega un comunicato.

Nello studio sono stati presi in considerazione tre scenari con diversi gradi di collaborazione possibili tra la Svizzera e l’Ue, ma tutti basati su “una situazione di stress particolarmente critica per la rete di trasporto svizzera”, ossia la mancata disponibilità dei due reattori della centrale nucleare di Beznau e di un terzo delle centrali nucleari francesi. “Questa situazione estrema, piuttosto improbabile, ma che non si può escludere del tutto, è l’esempio per la più grave di tutte le congestioni possibili nell’approvvigionamento”, spiegano gli esperti.

Il primo scenario analizza le ripercussioni in caso di assenza totale di collaborazione con l’Ue. Tenendo conto dell’ipotesi peggiore, i Paesi confinanti potranno rispettare la regola del 70% solamente limitando la capacità di trasporto da e verso la Svizzera. Questo comporterebbe una riduzione delle importazioni di oltre tre volte e delle esportazioni di oltre quattro volte. La situazione quindi diventerebbe critica verso la fine del mese di marzo: durante ben 47 ore potrebbe non essere disponibile una quantità di energia elettrica sufficiente a soddisfare la domanda interna. “Nelle ipotesi più estreme (ulteriori cali di produzione) l’approvvigionamento potrebbe essere interrotto addirittura fino a 500 ore”, afferma il rapporto.

Nel secondo scenario Swissgrid stipula accordi tecnici con i gestori delle reti di trasporto europei, così da garantire che la Svizzera venga considerata nell’applicazione della regola del 70% alle frontiere con il Norditalia, la Francia, la Germania e l’Austria. In questo caso la Confederazione disporrebbe in ogni momento di una quantità sufficiente di energia. “Al momento è tuttavia incerto, se sarà possibile concludere per tempo tali accordi”, aggiunge il comunicato.

Il terzo scenario prevede la conclusione di un accordo sull’energia elettrica che assicura alla Svizzera la partecipazione al mercato interno europeo dell’elettricità. Tutte le norme Ue in materia, incluse le disposizioni del Clean Energy Package, si applicherebbero anche alla Svizzera. “Questo scenario mostra la stretta collaborazione tra la Svizzera e i Paesi confinanti e offre una maggiore sicurezza di approvvigionamento e ulteriori vantaggi finanziari per la Svizzera”, secondo il rapporto.

Il Consiglio federale esaminerà in modo approfondito delle misure atte a rafforzare la sicurezza di approvvigionamento e la stabilità della rete basandosi sui due rapporti presentati e, al termine di un dibattito, se necessario definirà ulteriori mandati, conclude la nota.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
approvvigionamento elettrico consiglio federale energia elettrica svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved