gli-stati-bocciano-il-sorteggio-per-i-giudici-federali
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Primo Sì al divieto nazionale per le terapie di conversione

La Comm. affari giuridici al Nazionale approva una mozione che vieta le terapie volte a modificare o reprimere orientamento sessuale o identità di genere
Svizzera
8 ore

Neomamme più protette dal licenziamento, no a proposta ticinese

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha respinto il testo che estendeva a 12 mesi, anziché 16 settimane, il periodo di protezione dopo il parto
Svizzera
12 ore

La Legge sugli embarghi non va modificata

È il parere della Commissione per la sicurezza del Consiglio degli Stati, che propone di respingere la riforma approvata dal Nazionale
Svizzera
12 ore

Tariffe forfettarie ambulatoriali sulla buona strada

Il documento elaborato da Ospedali svizzeri (H+) e assicuratori malattia santésuisse potrebbe diventare effettivo entro la fine del 2023
Svizzera
12 ore

I camper devono poter pesare di più. Fino a 4,25 tonnellate

Inoltrata alla Cancelleria federale una petizione che chiede di innalzarne il limite. Per poterli guidare, però, saranno necessari corsi ad hoc
Svizzera
14 ore

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese
Svizzera
14 ore

‘Il sondaggio non è stato condotto in maniera obiettiva’

Gli oppositori alla riforma Avs puntano il dito sulle risultanze dell’inchiesta. ‘Ignorato il divario pensionistico delle donne’
Svizzera
15 ore

Motociclista gravemente ferito sul Flüela

L’uomo, un 28enne austriaco, è stato tradito dall’asfalto scivoloso. Cadendo è andato a sbattere contro il guardrail
Svizzera
15 ore

Reti termiche, ecco la carta per il loro potenziamento

Direttori cantonali dell’energia, Associazione dei Comuni svizzeri e Unione delle Città svizzere gomito a gomito per promuovere il teleriscaldamento
Svizzera
16 ore

Produzione e fatturato in crescita per il settore secondario

L’incremento è stato del 4,1% rispettivamente del 9,5%. Prosegue il trend positivo ininterrotto dal primo trimestre del 2021
Svizzera
19 ore

Votazioni federali, maggioranza a favore della riforma Avs

Verso due chiari ‘sì’ (meno scontato per l’imposta preventiva) e uno più risicato per lo stop all’allevamento intensivo
10.06.2021 - 12:10
Ats, a cura de laRegione

Gli Stati bocciano il sorteggio per i giudici federali

Bocciata senza opposizioni l'iniziativa popolare, stop anche al controprogetto per la rielezione tacita ogni sei anni

I giudici federali non vanno eletti tramite sorteggio. Ne è convinto il Consiglio degli Stati, che oggi ha bocciato senza opposizioni l'iniziativa popolare che vuole introdurre questa procedura. Niente da fare nemmeno per un controprogetto con cui si mirava a rendere tacita la rielezione ogni sei anni.

Attualmente, i giudici federali appartengono generalmente a un partito politico e sono eletti dall'Assemblea federale riunita. Questa procedura non piace al comitato d'iniziativa, che l'ha definita indesiderabile dal punto di vista della separazione dei poteri e dell'indipendenza degli interessati.

L'iniziativa, la cui denominazione ufficiale è "Per la designazione dei giudici federali mediante sorteggio (Iniziativa sulla giustizia)", propone dunque di eleggere i giudici mediante sorteggio. L'ammissione all'estrazione a sorte sarebbe stabilita esclusivamente sulla base di criteri oggettivi di idoneità professionale e personale a esercitare la funzione di giudice del Tribunale federale (TF).

Essa sarebbe decisa da una commissione peritale, i cui membri, indipendenti da autorità e organizzazioni politiche, sarebbero nominati dal Consiglio federale per un mandato non rinnovabile della durata di 12 anni.

Sistema proposto non è migliore

Come la propria commissione preparatoria però, gli Stati credono che il sistema in vigore funzioni bene e che la modalità attuale sia democratica. Dello stesso parere è il Consiglio nazionale che in marzo ha respinto tacitamente l'iniziativa popolare, così come auspicato pure dal Consiglio federale.

"Il nostro sistema non è esente da critiche", ha ammesso Carlo Sommaruga (PS/GE) durante il dibattito odierno. È però "illusorio pensare che quello suggerito dai promotori sia più neutrale, dato che bisognerebbe comunque formare una commissione di esperti", ha aggiunto il "senatore" ginevrino. Una posizione di fondo condivisa dall'insieme dell'aula.

"L'iniziativa non porterebbe a un risultato finale migliore", ha per esempio argomentato Ruedi Noser (PLR/ZH), mentre il relatore commissionale Beat Rieder (Centro/VS) ha sottolineato come "in democrazia, a ogni livello, che si parli di Landsgemeinde o di Consiglio federale, per qualsiasi ruolo si viene eletti".

Per la consigliera federale Karin Keller-Sutter, "affidarsi al caso, in politica ma anche nella vita, è piuttosto rischioso". Senza dimenticare, ha inoltre fatto notare la ministra sangallese, che la soluzione avanzata dagli iniziativisti non permetterebbe più di considerare criteri come il sesso, la lingua o l'origine regionale nell'elezione dei giudici.

Senza scampo pure il controprogetto

Per una minoranza tuttavia, la rielezione sottopone i giudici a pressioni irragionevoli e nuoce all'indipendenza della giustizia. Essa perciò sosteneva un controprogetto, secondo cui questa riconferma doveva essere tacita ogni sei anni, a meno di opposizione da parte della commissione competente.

"Non va sottovalutato l'impatto sulla popolazione di un'iniziativa simile, anche se venisse respinta alle urne. La fiducia nella giustizia è irrinunciabile nel nostro sistema, ogni percentuale di favorevoli al testo è un problema di cui tenere conto", ha affermato Lisa Mazzone (Verdi/GE) a difesa del controprogetto. "Anche solo il 40% sarebbe troppo", si è detto d'accordo il suo collega di partito glaronese Mathias Zopfi.

Per la maggioranza però, già oggi esistono garanzie sufficienti per preservare l'indipendenza dei giudici. "Chi si candida deve saper resistere alla pressione e alla tensione del processo di selezione", ha ribattuto ai timori in proposito Thomas Minder (Indipendente/SH). "Una riflessione va fatta, ma con i tempi necessari e al di fuori del contesto di questa iniziativa", ha commentato Sommaruga dissociandosi dal controprogetto, infine affossato per 30 a 10 nel voto d'insieme.

Il dossier è ora ponto per le votazioni finali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giudici federali sorteggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved