riaperture-gastrosuisse-soddisfatta-usam-chiede-piu-velocita
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

E la Svizzera scopre la promozione diretta dei media online

È la novità del pacchetto in votazione il 13 febbraio. Ma molti Paesi europei la conoscono già da tempo.
Svizzera
14 ore

‘In Svizzera le misure di gestione del lupo sono efficaci’

Secondo uno studio l’abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le predazioni. Valutato positivamente anche l’impiego dei cani da pastore.
Svizzera
15 ore

Processo Vincenz: ‘Un Tour de Suisse nei locali a luci rosse’

È iniziata la requisitoria del Ministero pubblico al Tribunale distrettuale di Zurigo, dove da ieri è alla sbarra l’ex Ceo di Raiffeisen
Svizzera
16 ore

Più di 1’100 terremoti registrati lo scorso anno in Svizzera

Il Servizio sismico svizzero (Sed) fornisce cifre leggermente inferiori a quelle degli anni precedenti: ad aumentare, quelli mediamente forti.
Svizzera
18 ore

Lavoro ridotto, prorogate misure e tutela per soggetti al 2G+

Le aziende alle quali le autorità hanno imposto l’obbligo 2G potranno far valere il diritto all’indennità di lavoro ridotto
Svizzera
19 ore

Il Consiglio federale non andrà a Pechino per le Olimpiadi

A causa dell’incerta situazione pandemica, l’Esecutivo ha reso noto oggi di aver deciso di non presenziare ai Giochi olimpici e paralimpici invernali
Svizzera
19 ore

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione
12.05.2021 - 19:380

Riaperture, Gastrosuisse soddisfatta, Usam chiede più velocità

Gastrosuisse è 'sollevata' ma perplessa sulla tabella di marcia. Per Usam la nuova tappa è 'troppo esitante', critiche anche per il legame test-telelavoro

Gastrosuisse reagisce sollevata alla proposta del Consiglio federale di riaprire da fine mese gli spazi interni dei ristoranti, tuttavia avrebbe auspicato un'andatura più veloce. Anche l'Usam chiede un passo più rapido, mentre Economiesuisse auspica veder ricompensati coloro che contribuiscono a lottare contro la pandemia.

"Siamo sollevati", ha affermato il presidente dell'associazione Casimir Platzer davanti ai media. "Andiamo nella direzione giusta." L'organizzazione farà tutto il possibile per far rispettare il piano di protezione e per sensibilizzare ristoratori e clienti sulla raccolta di dati.

Il piano di protezione è la chiave per l'apertura, ha sostenuto anche il direttore di Gastrosuisse Daniel Borner. Esso verrà ancora lievemente adeguato dopo la proposta presentata dal governo. Già in autunno - e durante la stagione invernale negli alberghi e nei ristoranti aperti per i lavoratori agricoli, operai, artigiani e montatori - è stato dimostrato che la consumazione al ristorante è sicura anche negli spazi interni.

Secondo Borner sarà decisivo l'atteggiamento dei ristoratori e dei clienti, pertanto il direttore dell'associazione lancia un appello ad attenersi fermamente alle regole in materia di igiene e tracciamento. Mentre alla Confederazione chiede di realizzare una soluzione uniforme per il contact tracing nel rispetto della protezione dei dati.

A lasciare comunque un po' d'amaro in bocca è la tabella di marcia, ha detto Platzer. Se il Consiglio federale avesse deciso definitivamente il 19 invece del 26 maggio sarebbe stata possibile un'apertura a Pentecoste.

Ma "godiamoci per una volta la giornata", ha continuato il presidente di Gastrosuisse. L'associazione ringrazia il governo per la decisione; ora conta sul fatto che l'esecutivo la applichi nelle prossime due settimane fornendo così una prospettiva e sicurezza di pianificazione al ramo. Platzer si è detto convinto che la maggioranza dei Cantoni approverà i piani nel corso della consultazione.

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) ritiene che la nuova tappa sia troppo esitante, troppo lenta e non si spinga abbastanza in là. L'organizzazione è anche critica nei confronti del prolungamento delle restrizioni per il settore degli eventi. Ritiene infine totalmente inadatto alle PMI il fatto di legare la fine dell'obbligo di telelavoro ai test di depistaggio.

Reazione invece positiva agli annunci del Consiglio federale da parte di Economiesuisse. L'organizzazione vorrebbe però veder ricompensati coloro che contribuiscono a lottare contro la pandemia, i vaccinati, i guariti e chi ha test negativi: dovrebbero avere accesso agli eventi dall'inizio di giugno e poter viaggiare senza restrizioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved