covid-cantoni-e-usam-chiedono-allentamenti-piu-rapidi
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
1 ora

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
1 ora

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
3 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il Governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
4 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
4 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
Svizzera
5 ore

Pfister, ‘la comunità politica europea di Macron è un’opzione’

Per il presidente del Centro, il Consiglio federale dovrebbe approfondire il modello lanciato dal premier francese: ‘È un’opportunità’
Svizzera
18 ore

Vaccino Moderna ai bambini sotto i 5 anni? Swissmedic ci pensa

Coronavirus, secondo i dati dell’Ufficio federale della sanità pubblica, da inizio pandemia nella Confederazione sono morti cinque bimbi
Svizzera
19 ore

In Svizzera accolti oltre 50’000 rifugiati dall’Ucraina

Dei 50’172 che a oggi si sono annunciati, 48’574 hanno ottenuto lo statuto S (il 97,8% di quelli complessivi rilasciati dalla Confederazione)
Svizzera
23 ore

Società elettriche, ecco il piano di salvataggio

Consiglio federale pronto a mettere sul piatto fino a dieci miliardi di franchi per evitare il collasso del sistema
Svizzera
23 ore

A 229 km/h nel tunnel del Gubrist, ecco l’atto d’accusa

Nella sua folle corsa il pirata della strada aveva pure urtato altre auto, per poi finire la sua corsa tamponando la vettura che lo precedeva
Svizzera
1 gior

Il Consiglio federale corre ai ripari sulle forniture di gas

Adottato un piano per far fronte all’eventuale riduzione delle forniture dalla Russia: riserve stoccate in Paesi vicini e opzione per ulteriori forniture
Svizzera
1 gior

F-35A, si ratifichi subito l’acquisto. Senza passare dal voto

Il Consiglio federale sposa le raccomandazioni della Commissione di sicurezza degli Stati. Ma non sul tema dei Tiger, che vorrebbe pensionare
23.05.2021 - 11:16
Aggiornamento : 24.05.2021 - 20:41

Covid, cantoni e Usam chiedono allentamenti più rapidi

Criticati i limiti per i raduni, l'idea di condizionare la fine dell'obbligo del telelavoro a test regolari e l'uso di mascherine nei ristoranti

Ats, a cura de laRegione

I cantoni e l'Unione svizzera arti e mestieri (Usam) spingono per un allentamento delle misure per contrastare il coronavirus più rapido di quello previsto dal Consiglio federale. Sono criticate l'idea di condizionare la fine dell'obbligo del telelavoro a test regolari, i limiti previsti per i raduni e l'uso di mascherine nei ristoranti.

Al termine del periodo di consultazione, i cantoni che hanno espresso il loro parere sostengono in generale il piano del governo per la quarta fase di allentamento. Tuttavia, ritengono che l'evoluzione positiva della situazione sanitaria e il tasso di vaccinazioni possano giustificare passi più rapidi. Il Consiglio federale annuncerà la sua decisione mercoledì prossimo.

Ad eccezione del Giura, l'idea di vincolare l'abolizione dell'obbligo dell'home office a test regolari, complicati da eseguire per le Pmi, non viene ben vista dai cantoni e dall'Usam. Se questa condizione dovesse essere mantenuta, Vaud chiede che almeno coloro che sono stati vaccinati siano esentati.

Mascherina a tavola

Anche l'obbligo di indossare una mascherina all'interno dei ristoranti quando non si sta mangiando sembra difficile da attuare. Friburgo è favorevole a renderlo obbligatorio solo quando ci si alza da tavola.

Alcuni cantoni considerano il numero di quattro persone per tavolo troppo restrittivo. Vaud vorrebbe portarlo a sei, Berna a dieci. L'Usam chiede semplicemente la fine delle restrizioni.

Incontri e raduni

Diversi cantoni non trovano giustificato lo status quo proposto per gli incontri e i raduni. Friburgo e Vaud propongono che per gli incontri privati in luoghi chiusi possano riunirsi 15 persone invece di 10, Argovia 20. Berna vuole addirittura alzare l'asticella a 50. Per riunioni all'aperto, Friburgo è a favore di un massimo di 20 persone, Vaud, Argovia e Giura 30, e Berna di nuovo 50.

Per l'Usam, 100 persone all'interno e 300 all'esterno dovrebbero essere possibili per eventi privati, senza concetti di protezione.

I vaccinati devono essere privilegiati

Il Giura approva le proposte del Consiglio federale, ma si rammarica che non permetta allentamenti supplementari ai vaccinati, sottolineando la necessità urgente di un passaporto di vaccinazione.

Per quanto riguarda i raduni pubblici, Appenzello Interno, come l'Usam, raccomanda di ammettere fino a 300 persone in una sala invece delle 100 previste. Turgovia raccomanda un limite di 600 persone per gli eventi all'aperto invece di 300, mentre l'Usam di 1000.

Per Svitto, Lucerna e Glarona, il gran numero di regolamenti per i vari tipi di riunioni rende difficile una visione d'insieme, con un effetto negativo sull'accettazione da parte della popolazione.

Sul piano dell'istruzione, il cantone di Vaud si oppone ai test di massa degli studenti durante i periodi di esame. Si aspetta anche che il governo autorizzi l'insegnamento in presenza senza condizione all'inizio del nuovo anno scolastico a settembre.

Criticato il "trattamento iniquo"

Riguardo alle attività del tempo libero, Svitto chiede che le piscine siano messe sullo stesso piano dei bagni termali e possano essere aperte.

Il settore relativo all'organizzazione di eventi giudica "scioccante" l'ineguaglianza dei requisiti per l'industria della ristorazione e del cinema e il suo settore. Non c'è motivo per cui non possa anch'esso beneficiare dell'abbandono dei concetti di protezione con la presentazione di un passaporto Covid.

Il Giura osserva che i diversi controlli previsti richiederanno risorse importanti da parte dei cantoni. Questo è un problema per i cantoni delle sue dimensioni.

Per un "ritorno alla normalità"

Il cantone di Berna chiede al Consiglio federale di eliminare tutte le restrizioni a partire dal primo ottobre, a meno che non appaia una nuova variante contro la quale la vaccinazione non protegge.

L'Usam vuole andare più spedito. Secondo l'Unione svizzera arti e mestieri il modello proposto dal governo viola la legge Covid 19. Alla luce dei dati epidemiologici, la situazione particolare dovrebbe essere abrogata a partire dal primo giugno.

Anche l'UDC, l'unico partito a esprimersi di nuovo al termine della consultazione, chiede un "ritorno alla normalità", con l'abolizione dell'obbligo del telelavoro, della mascherina, della task force Covid e di tutte le restrizioni in generale.

Quando il 12 maggio è stato annunciato il piano del Consiglio federale, il PLR ha detto che gli allentamenti avrebbero dovuto essere fatti più rapidamente una volta che i gruppi a rischio fossero stati vaccinati. Il PS, i Verdi e il Centro si sono espressi a favore della prudenza.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
allentamenti cantoni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved