suter-un-passo-nella-giusta-direzione-ma-si-apra-prima
Ti–Press
Massimo Suter
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
8 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
12 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
14 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
16 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
16 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
12.05.2021 - 16:29
Aggiornamento: 26.03.2022 - 14:55

Suter: ‘Un passo nella giusta direzione, ma si apra prima’

Il presidente di GastroTicino auspica la riapertura per il weekend di Pentecoste

«È sicuramente un passo nella giusta direzione. L’unica domanda che mi pongo è se ci sia la necessità di dover aspettare ancora fino al 31 di maggio», afferma Massimo Suter, presidente di GastroTicino riguardo all’annuncio del Consiglio Federale di possibili riaperture degli spazi interni dei ristoranti.

«Appoggiandomi sul fatto che adesso la situazione sanitaria lo permetterebbe, ma soprattutto anche in virtù delle chiusure prolungate che abbiamo avuto lungo svariati mesi, credo che si debba dare la possibilità di poter sfruttare i weekend lunghi che abbiamo davanti – prosegue Suter –. Forse aprire per quello dell’Ascensione sarebbe un azzardo, ma credo che il weekend lungo di Pentecoste lo si potrebbe già annoverare come momento per rendere fruibili gli spazi interni dei ristoranti. Se questo non fosse possibile, trovo comunque sensato permettere l’apertura il weekend del 29 di maggio e non aspettare lunedì 31 maggio. Non credo che il virus aspetti due giorni per addormentarsi del tutto, quindi credo che il venerdì o il sabato si possa tranquillamente riaprire».

Riguardo agli spazi pubblici esterni, di cui ristoranti e bar hanno potuto usufruire in questo periodo, Suter spiega: «Andavano a compensare in primis la riduzione dello spazio utilizzabile delle nostre terrazze dovuta ai piani di protezione, che richiedono distanze maggiori fra i tavoli e un massimi di quattro persone per tavolo». Alcuni ristoratori si sono organizzati con l’acquisto di gazebi e altro, un investimento che secondo il presidente di GastroTicino sarà ripagato col tempo: «Si va verso la bella stagione e gli spazi esterni acquisiscono maggiore attrattività. Non dimentichiamo che i piani di sicurezza saranno mantenuti ancora per diverse settimane se non addirittura mesi, quindi gli spazi saranno comunque sfruttabili meno rispetto a una situazione normale. Quindi gli spazi pubblici esterni serviranno sicuramente anche quando si potranno riaprire quelli interni».

L’appello passa ai Comuni, i quali concedono i permessi per poter usufruire del suolo pubblico da parte di bar e ristoranti: «Ringraziamo coloro che hanno aderito alla richiesta di maggiore flessibilità nei confronti di quella ristorazione che si trovava penalizzata da queste regole di distanziamento accresciute. Non sarà un esercizio fine a se stesso, poiché avrà ragione d’esistere anche nelle prossime settimane», conclude Suter.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aperture coronavirus gastroticino ristoranti suter
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved