test-a-pagamento-sotto-tiro-in-svizzera
Keystone
Decisione attesa per venerdì
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
53 min

Stadler si aggiudica la commessa più importante della sua storia

Il costruttore ferroviario turgoviese ha siglato un contratto che potrà raggiungere i 4 miliardi di euro per un consorzio austro-tedesco
Svizzera
1 ora

Violò quarantena, lascia il presidente del CdA di Credit Suisse

António Horta-Osório, in carica da meno di un anno, non aveva rispettato gli obblighi di quarantena al rientro da un viaggio all’estero
Svizzera
15 ore

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia
Svizzera
15 ore

Grigioni, sciatore 23enne muore a Grüsch

Il giovane si era avventurato con un amico in una zona ripida e boscosa attorno alle 22.30 di sabato. È stato trovato senza vita nel Pendlatobel
Svizzera
16 ore

Appenzello Esterno: si addormenta in auto e finisce sui binari

Il giovane, un 22enne, era ubriaco. Nessuno è rimasto ferito ma i danni sono ingenti, ha comunicato oggi la polizia cantonale
Svizzera
19 ore

Grigioni, automobilista ubriaco causa incidente

Il fatto è successo stamattina a Coira. Un allievo conducente ha perso il controllo del suo veicolo uscendo da una rotatoria
Svizzera
19 ore

Sostegno ai media, diverse personalità si attivano per il ‘sì’

Sono oltre 100 i personaggi che hanno accolto ‘l’Appello urgente’ per una democrazia non fatta solo di opinioni, ma anche di conoscenze
Svizzera
21 ore

Cassis a Berlino per incontrare Scholz, Baerbock e Steinmeier

Il presidente della Confederazione giovedì sarà in Germania per dialogare con i vertici del Governo tedesco
Svizzera
23 ore

Gli esperti: ‘Un registro anche per i casi di long-Covid’

Più aumenta il numero di contagi in Svizzera e maggiore è il rischio di danni a lungo termine, si legge sulla stampa domenicale
Svizzera
23 ore

L’onda d’urto dell’eruzione del Tonga arriva anche in Svizzera

Dai grafici dell’Ufficio federale di meteorologia e climatologia si vede una variazione netta e molto breve della pressione tra le 19.00 e le 21.00.
Svizzera
1 gior

Verdi: più collaborazione con l’Europa per il clima

Il presidente ecologista Glättli ha inoltre chiesto un nuovo patto verse: ‘Un Green New Deal, che protegga il clima producendo energia in modo diverso’
Svizzera
1 gior

L’Alleanza di Centro chiede soluzioni pragmatiche con l’Ue

Il partito di Pfister vuole un approccio che preservi la competitività dell’economia elvetica e che tenga conto della sua sovranità
Svizzera
1 gior

Grigioni: dipendente della funivia gravemente ferito

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava effettuando dei lavori di servizio su un pilone della funivia che porta all’Alp Trida Sattel
Svizzera
1 gior

Marco Chiesa critica la politica energetica svizzera

Durante l‘assemblea dei delegati, il presidente dell’Udc ha messo nuovamente in guardia da una ’catastrofe energetica’
coronavirus
 
22.09.2021 - 21:450

Test a pagamento sotto tiro in Svizzera

La Commissione sanità del Nazionale chiede al Consiglio federale di fare marcia indietro. Il ‘Blick’: il Governo starebbe cercando una via mediana.

a cura de laRegione

Visto che la vaccinazione è gratuita, non spetta alla collettività assumere i costi dei test Covid per le persone non immunizzate. È questa la ragione ufficiale che ha spinto il Consiglio federale ad annunciare, poco meno di un mese fa, che dal 1° ottobre chi si sottoporrà al test per ottenere un certificato Covid dovrà pagarlo di tasca propria. A fine agosto però il ‘pass’ era obbligatorio soltanto per discoteche, club e grandi eventi. Nel frattempo l’obbligo è stato esteso: dal 13 settembre vale per quasi tutti gli spazi e gli eventi al chiuso. E così, negli ultimi dieci giorni, da più parti si sono levate voci affinché il Consiglio federale faccia marcia indietro. La richiesta è giunta oggi via lettera anche dalla Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale (Csss-N), nonché dagli oltre 260mila firmatari di una petizione consegnata alla Cancelleria federale. Una decisione è attesa venerdì. Stando al ‘Blick’, l’esecutivo potrebbe ammorbidire la sua posizione e optare per una sorta di “compromesso”.

‘Sotto una nuova luce’

A fare dietrofront per ora è la Csss-N. Il 20 agosto la commissione aveva fatto sapere di ritenere “giusto” che la Confederazione non assumesse più i costi dei test per le persone senza sintomi a partire dal 1o ottobre. Ieri invece si è pronunciata a larga maggioranza (16 voti contro 6 e 3 astensioni) contro la fine della gratuità dei test antigenici rapidi e di quelli antigenici ‘fai da te’. L’estensione dell’obbligo del certificato mette “sotto una nuova luce” la decisione governativa, si legge in una nota. La Csss-N chiede in una lettera al Consiglio federale di “ritornare sulla sua decisione”. A suo avviso, per evitare il sovraccarico del sistema sanitario “sono essenziali non solo le vaccinazioni ma anche i test”. Si tratta anche di evitare “di limitare il diritto all’istruzione” per gli studenti sprovvisti di certificato Covid, che in quasi tutti gli atenei e le scuole universitarie professionali possono partecipare alle lezioni in presenza solo se in grado di pagare i test (che costano attorno ai 50 franchi). La Commissione chiede inoltre al Consiglio federale di definire “una serie di criteri oggettivamente misurabili sulla base dei quali eliminerà l’obbligo del certificato”.

La presa di posizione della Csss-N non sorprende. In Parlamento tutti i partiti, tranne il Plr, si sono espressi ormai a favore del mantenimento della gratuità dei test. La pensano allo stesso modo le oltre 260milla persone che hanno sottoscritto una petizione per rivendicare test “gratis, esattamente come i vaccini”: questa, a loro dire, è l’unica soluzione se si vuole rendere accettabile l’obbligo del certificato. Di parere contrario è una maggioranza dei cantoni, che vedono nei test a pagamento un efficace mezzo per incoraggiare chi non si è ancora vaccinato a farlo. Il Consiglio federale si ritrova dunque tra l’incudine e il martello. Una posizione scomoda, anche perché a fine novembre il popolo sarà chiamato ad esprimersi sulla legge Covid-19, in una votazione destinata a trasformarsi in un plebiscito sul pass obbligatorio.

Via di mezzo

La settimana scorsa, il ministro della sanità Alain Berset (Ps) ha dichiarato che il Consiglio federale avrebbe affrontato nuovamente la questione. Il Governo lo farà con ogni probabilità venerdì. Stando al ‘Blick’, che cita “più fonti” vicine all’esecutivo, l’impostazione rimarrebbe la stessa. Il ministro delle finanze Ueli Maurer (Udc), che ora sarebbe contrario ai test a pagamento, si accingerebbe a presentare una proposta affinché restino gratuiti. Ma in Governo l’opinione dominante sarebbe “chiara”: chi vuole un certificato, alla fine dovrà farsi vaccinare. Da lì in poi, però, si è pronti a discutere: ad esempio sulla data a partire dalla quale far pagare i test, oppure su chi potrebbe – almeno temporaneamente – continuare a non pagarli.

Il Consiglio federale cercherebbe una “via di mezzo”, scrive il ‘Blick’. Svariate le opzioni sul tavolo: prorogare di alcune settimane il termine stabilito per la fine dei test gratuiti, fissare un limite mensile al numero di test gratuiti che una persona può fare, oppure ancora definire eccezioni alla regola del pagamento per determinati gruppi (per esempio: chi ha avuto solo la prima dose ed è in attesa della seconda; o chi è allergico ai vaccini mRNA utilizzati finora in Svizzera e aspetta quello tradizionale di Johnson&Johnson). Cosa deciderà il Governo, lo sapremo verosimilmente venerdì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved