ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Impennata di casi di coronavirus

Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
9 ore

Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer

È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
12 ore

Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi

Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
13 ore

Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi

I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
13 ore

A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’

Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
13 ore

La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno

L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
13 ore

Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è

La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
15 ore

Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi

Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
18 ore

Il passaggio alle nuove polizze con QR è filato liscio

La Posta segnala pochi disagi. In molti hanno pagato le fatture nell’ultimo giorno di validità delle vecchie polizze
Svizzera
19 ore

Casse malati care, ma si risparmia con i giusti accorgimenti

Cambiare assicurazione, modificare la franchigia o scegliere un altro modello di cure può attenuare l’annunciato aumento dei premi
04.05.2021 - 17:13
Aggiornamento: 17:58

No al referendum obbligatorio sui trattati internazionali

Il Consiglio nazionale con 140 voti contro 50 ha deciso di non entrare in materia in un progetto di modifica costituzionale. Il dossier torna agli Stati

Ats, a cura de laRegione
no-al-referendum-obbligatorio-sui-trattati-internazionali
Uno dei Trattati Billaterali firmati con l'Unione Europea nel 2004 (Keystone)

"No" all'idea di sottoporre a referendum obbligatorio i trattati internazionali, che per la loro importanza si trovano allo stesso livello della Costituzione federale. È l'opinione del Consiglio nazionale che con 140 voti contro 50 ha deciso di non entrare in materia in un progetto di modifica costituzionale.

Attualmente sono sottoposti a referendum facoltativo i trattati internazionali di durata indeterminata e non denunciabili, quelli che prevedono l'adesione a un'organizzazione internazionale, oppure che includono disposizioni importanti che contengono norme di diritto o per l'attuazione dei quali è necessaria l'emanazione di leggi federali. Sottostanno a referendum obbligatorio, invece, l'adesione a organizzazioni di sicurezza collettiva, come la Nato, o a comunità sovranazionali, vedi l'Ue.

La maggioranza ha ritenuto queste disposizioni sufficienti. Inoltre, come spiegato dalla relatrice commissionale Greta Gysin (Verdi/TI), "il nostro sistema conosce da tempo un diritto costituzionale non scritto, il cosiddetto referendum sui generis, che ci dà, come Assemblea federale, la possibilità di sottoporre un trattato internazionale all'approvazione di popolo e cantoni" (come avvenuto nel 1992 con la votazione concernente l'Accordo sullo Spazio economico europeo SEE, n.d.r).

Se la proposta in discussione fosse accettata, ha proseguito Gysin, le discussioni sul se un trattato soddisfa o meno le condizioni per essere sottoposto al referendum obbligatorio rimarrebbero politiche. Il problema sta nel trovare una definizione soddisfacente dei trattati da sottoporre a votazione obbligatoria.

La proposta in discussione non potenzia quindi i diritti politici né la democrazia, ha sostenuto la ticinese. Il progetto rafforza invece il principio della maggioranza dei cantoni rispetto a quello della maggioranza del popolo, come se una decisione presa a doppia maggioranza fosse più democratica rispetto a una presa dalla maggioranza del popolo. Un ragionamento che Gysin ha definito sbagliato.

"Quella proposta non è certamente una soluzione adeguata: non aggiunge nulla allo status quo, anche se dobbiamo riconoscere che lo status quo non è soddisfacente", ha affermato da parte sua l'altro relatore commissionale, Gerhard Pfister (Centro/ZG). Insomma, il valore aggiunto portato del progetto è troppo esiguo per giustificare una modifica della Costituzione, ha sostenuto lo zughese.

Una minoranza, composta essenzialmente da UDC, ha chiesto di entrare in materia sostenendo che l'obbligatorietà del referendum permetterebbe di accrescere la certezza del diritto e la trasparenza, nonché di rafforzare la legittimazione democratica del diritto internazionale.

Il referendum sui generis non figura in alcun atto legislativo, ha sostenuto Gregor A. Rutz (UDC/ZH). La maggioranza delle nuove regole introdotte a livello federale hanno origine diretta o indiretta da norme internazionali, ha ricordato lo zurighese. La proposta in discussione, oltre a rafforzare la partecipazione al dibattito democratico, ha il merito di impedire che per motivi di opportunità politica si rinunci a prevedere il referendum obbligatorio, ha aggiunto Michaël Buffat (UDC/VD).

Anche il governo sosteneva la proposta: il progetto si basa sull'idea che ciò che secondo il diritto interno va disciplinato nella Costituzione sottostà obbligatoriamente a votazione e richiede l'approvazione del Popolo e dei Cantoni. Se un trattato internazionale prevede una norma analoga, va sottoposto a referendum obbligatorio allo stesso modo di una modifica costituzionale, ha affermato, invano, la consigliera federale Karin Keller Sutter.

Il dossier torna al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved