no-al-referendum-obbligatorio-sui-trattati-internazionali
Uno dei Trattati Billaterali firmati con l'Unione Europea nel 2004 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Vranckx, Ceo di Swiss: 'Di nuovo redditizi dall'estate'

La compagnia aerea a inizio mese aveva annunciato il taglio della propria flotta e una riduzione di 650 impieghi a tempo pieno
Svizzera
8 ore

Positivi dopo il vaccino: in Svizzera sono 129 su 1,2 milioni

Secondo la Nzz am Sonntag entro la fine di giugno Swissmedic potrebbe autorizzare i vaccini contro il Covid-19 per gli adolescenti
Svizzera
9 ore

Il Ps svizzero: più importanza alla base del partito

I due copresidenti Mattea Meyer e Cédric Wermuth vogliono creare un consiglio di partito di circa 80 membri responsabile della direzione strategica
Svizzera
1 gior

Nuove dosi Moderna in Svizzera

Dopo un inizio in sordina, ora il ritmo delle vaccinazioni sta aumentando. Lunedì arriverà anche Pfizer
Svizzera
1 gior

Ginevra, manifestazione di solidarietà verso la Palestina

Trecento persone si sono riunite per esprimere il proprio sostegno al popolo palestinese. Anche a Basilea si è svolto un ritrovo
Svizzera
1 gior

Vallese, caduta fatale sul ghiacciaio del Grenz. Morto 31enne

A circa 3'600 metri di quota, un ponte di neve ha ceduto, facendo precipitare la vittima
Svizzera
1 gior

Manifestazione non autorizzata in Appenzello Esterno

Diverse centinaia di persone si sono riunite per protestare, in maniera pacifica, contro le misure anti-covid
Svizzera
1 gior

"Un comitato direttivo paritetico per misure anti-pandemia"

È ciò che auspicano i Cantoni, la cui proposta è quella di creare un organo di gestione che valuti la situazione e reagisca rapidamente a livello nazionale
Svizzera
1 gior

Neuchâtel, positivo al covid il 23% degli allievi di una scuola

Si tratta, in totale, di 37 scolari e cinque insegnanti. Tutte le classi sono state messe in quarantena
Svizzera
1 gior

Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’

Le vodesi Jacqueline de Quattro (Plr) e Virginie Cavalli (Verdi liberali) si confrontano in un faccia a faccia sulle norme sottoposte a referendum il 13 giugno
Svizzera
04.05.2021 - 17:130
Aggiornamento : 17:58

No al referendum obbligatorio sui trattati internazionali

Il Consiglio nazionale con 140 voti contro 50 ha deciso di non entrare in materia in un progetto di modifica costituzionale. Il dossier torna agli Stati

"No" all'idea di sottoporre a referendum obbligatorio i trattati internazionali, che per la loro importanza si trovano allo stesso livello della Costituzione federale. È l'opinione del Consiglio nazionale che con 140 voti contro 50 ha deciso di non entrare in materia in un progetto di modifica costituzionale.

Attualmente sono sottoposti a referendum facoltativo i trattati internazionali di durata indeterminata e non denunciabili, quelli che prevedono l'adesione a un'organizzazione internazionale, oppure che includono disposizioni importanti che contengono norme di diritto o per l'attuazione dei quali è necessaria l'emanazione di leggi federali. Sottostanno a referendum obbligatorio, invece, l'adesione a organizzazioni di sicurezza collettiva, come la Nato, o a comunità sovranazionali, vedi l'Ue.

La maggioranza ha ritenuto queste disposizioni sufficienti. Inoltre, come spiegato dalla relatrice commissionale Greta Gysin (Verdi/TI), "il nostro sistema conosce da tempo un diritto costituzionale non scritto, il cosiddetto referendum sui generis, che ci dà, come Assemblea federale, la possibilità di sottoporre un trattato internazionale all'approvazione di popolo e cantoni" (come avvenuto nel 1992 con la votazione concernente l'Accordo sullo Spazio economico europeo SEE, n.d.r).

Se la proposta in discussione fosse accettata, ha proseguito Gysin, le discussioni sul se un trattato soddisfa o meno le condizioni per essere sottoposto al referendum obbligatorio rimarrebbero politiche. Il problema sta nel trovare una definizione soddisfacente dei trattati da sottoporre a votazione obbligatoria.

La proposta in discussione non potenzia quindi i diritti politici né la democrazia, ha sostenuto la ticinese. Il progetto rafforza invece il principio della maggioranza dei cantoni rispetto a quello della maggioranza del popolo, come se una decisione presa a doppia maggioranza fosse più democratica rispetto a una presa dalla maggioranza del popolo. Un ragionamento che Gysin ha definito sbagliato.

"Quella proposta non è certamente una soluzione adeguata: non aggiunge nulla allo status quo, anche se dobbiamo riconoscere che lo status quo non è soddisfacente", ha affermato da parte sua l'altro relatore commissionale, Gerhard Pfister (Centro/ZG). Insomma, il valore aggiunto portato del progetto è troppo esiguo per giustificare una modifica della Costituzione, ha sostenuto lo zughese.

Una minoranza, composta essenzialmente da UDC, ha chiesto di entrare in materia sostenendo che l'obbligatorietà del referendum permetterebbe di accrescere la certezza del diritto e la trasparenza, nonché di rafforzare la legittimazione democratica del diritto internazionale.

Il referendum sui generis non figura in alcun atto legislativo, ha sostenuto Gregor A. Rutz (UDC/ZH). La maggioranza delle nuove regole introdotte a livello federale hanno origine diretta o indiretta da norme internazionali, ha ricordato lo zurighese. La proposta in discussione, oltre a rafforzare la partecipazione al dibattito democratico, ha il merito di impedire che per motivi di opportunità politica si rinunci a prevedere il referendum obbligatorio, ha aggiunto Michaël Buffat (UDC/VD).

Anche il governo sosteneva la proposta: il progetto si basa sull'idea che ciò che secondo il diritto interno va disciplinato nella Costituzione sottostà obbligatoriamente a votazione e richiede l'approvazione del Popolo e dei Cantoni. Se un trattato internazionale prevede una norma analoga, va sottoposto a referendum obbligatorio allo stesso modo di una modifica costituzionale, ha affermato, invano, la consigliera federale Karin Keller Sutter.

Il dossier torna al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved