ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
27 min

Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
1 ora

Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe

Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
2 ore

Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli

Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
3 ore

Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto

Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
4 ore

L’imposizione individuale è stata messa in consultazione

Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
5 ore

Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera

Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
6 ore

I cyberattacchi a infrastrutture critiche andranno notificati

Il Consiglio federale intende creare un Centro nazionale per la cybersicurezza come servizio centrale per le segnalazioni di attacchi informatici
Svizzera
7 ore

Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino

Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
28.04.2021 - 20:52
Aggiornamento: 21:28

Una strategia nazionale sulla parità tra donne e uomini

L’ha adottata oggi il Consiglio federale. Abbraccia quattro campi: vita professionale, conciliabilità famiglia/lavoro, violenza e discriminazione.

una-strategia-nazionale-sulla-parita-tra-donne-e-uomini
Keystone
Rivendicazioni di lunga data e sempre attuali

Berna – La parità tra i sessi in Svizzera, nonostante sia sancita dalla Costituzione federale dal 1981, non è ancora raggiunta. Per colmare le lacune, il Consiglio federale ha adottato oggi la "Strategia per la parità tra donne e uomini 2030", che mira a promuovere l'uguaglianza in tutti i suoi aspetti focalizzandosi su quattro campi d'azione: promozione della parità nella vita professionale, miglioramento della conciliabilità tra famiglia e lavoro, prevenzione della violenza e lotta alla discriminazione.

Entro la fine dell'anno dovrà essere stilato un piano di provvedimenti dettagliato, indica una nota governativa odierna. La strategia si estende su quasi dieci anni, ma i provvedimenti prioritari dovranno essere adottati o attuati già entro il 2023, mentre alla fine del 2025 sarà tracciato un primo bilancio.

Azzerare la discriminazione salariale

Per promuovere ulteriormente la parità professionale, l'Esecutivo intende azzerare la discriminazione salariale - le donne guadagnano mediamente il 19% meno degli uomini - sia nel settore pubblico, sia in quello privato e raggiungere una partecipazione (e una rappresentanza) più equilibrata ed equa di donne e uomini nel mondo del lavoro. Ad esempio, spiega il Consiglio federale, attraverso una maggior quota di donne in funzioni dirigenziali nelle scuole universitarie e di uomini nelle professioni sanitarie ed educative. Attraverso congedi parentali e orari di lavoro più flessibili, il governo intende anche continuare a promuovere la conciliabilità tra famiglia e lavoro.

Il Consiglio federale sostiene che la mancanza di un'imposizione individuale e la difficoltà di conciliare famiglia e lavoro, spesso scoraggino le donne dall'esercitare un'attività e impediscano a molti uomini di assumere più compiti familiari.

Violenza sulle donne, puntare sulla prevenzione

Per quanto riguarda la violenza e le discriminazioni, il comunicato governativo ricorda che in ambito domestico sono commessi ogni giorno più di 55 reati e nel 70% dei casi la vittima è di sesso femminile. L'Esecutivo mira pertanto a migliorare la sicurezza personale delle donne, anche tramite un inasprimento delle sanzioni e delle pene nei confronti degli autori di violenze. Il Consiglio federale intende puntare molto sulla prevenzione, nonché sull'eliminazione di sessismo e discriminazioni, anche all'interno delle disposizioni del diritto federale.

Per ogni campo d'azione il Consiglio federale prevede una serie di provvedimenti a livello nazionale e internazionale. La strategia - la prima di questo tipo nella Confederazione - è stata elaborata coinvolgendo i Cantoni, i Comuni e diversi gruppi d'interesse, precisa l'Esecutivo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved