disparita-salariali-la-chiave-e-la-conciliabilita
Marialuisa Parodi
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Al vice di Ursula von der Leyen il dossier ‘Svizzera’

Il vicepresidente della Commissione Ue, lo slovacco Maros Sefcovic, subentra all’austriaco Johannes Hahn. Sarà lui la persona di contatto di Ignazio Cassis
Svizzera
11 ore

Sconfitta Nestlé: forma capsule Nespresso non può essere protetta

Respinto un ricorso dell’azienda con sede a Vevey (Vd) contro una decisione della giustizia vodese
Svizzera
12 ore

Svizzeri fermati in Germania con Covid Pass falsi

È avvenuto lo scorso fine settimana ma la polizia lo ha reso noto solo oggi. Aperta indagine per falsificazione di documenti
Svizzera
14 ore

A Palazzo federale col certificato Covid, pronte le basi legali

La misura, su cui le Camere delibereranno la prossima settimana, permetterà ai parlamentari di svolgere il proprio ruolo senza mascherine e plexiglas divisori
Svizzera
14 ore

Più calma la situazione Covid in Svizzera, ma non in cure intense

L’età media dei contagiati più bassa e la diminuzione dei rientri dalle vacanze causano un calo dei ricoveri, ma le terapie intensive sono ancora sotto pressione
Svizzera
15 ore

Sul Glacier Express, ‘biglietti e certificato Covid, prego’

Il treno panoramico che collega Zermatt a St. Moritz attraverso le Alpi è considerato un ristorante e come tale sottostà alle relative regole
Svizzera
15 ore

In Svizzera 1’235 contagi in 24 ore, cala la pressione ospedaliera

Il tasso di riproduzione del virus si mantiene sotto l’1. Il livello dei contagi è inferiore rispetto a quello della scorsa settimana
Svizzera
15 ore

Svizzera campione mondiale dell’innovazione: lo dice l’Ompi

Per la graduatoria stilata dall’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, la Confederazione si mette di nuovo alle spalle Svezia, Usa e Regno Unito
Svizzera
17 ore

Turismo della spesa, si discute la riduzione della franchigia

Accolti agli Stati tre testi volti a risolvere per via fiscale il problema degli acquisti all’estero abbassando la soglia di esenzione
Svizzera
17 ore

Reddito di base incondizionato, spunta un altro progetto

L’iniziativa propone di inserire il principio di un reddito di base per tutti nella Costituzione ma lascia alla legge il compito di regolarne l’ammontare
Svizzera
17 ore

Nell’agricoltura svizzera si fa sempre meno uso di pesticidi

Emerge da un rapporto annuale dell’Ufficio federale dell’agricoltura (Ufag). Si stanno dimostrando efficaci le misure del piano d’azione del 2017
Svizzera
18 ore

Thomas Heiniger lascia la presidenza di Croce Rossa Svizzera

Le dimissioni motivate da ‘visioni divergenti sul modo di procedere’.
Svizzera
19 ore

Coop rafforza il suo impegno contro spreco alimentare

Entro il 2026 circa 500 supermercati entreranno nel circuito di Tavolino Magico e Tavola Svizzera per la donazione di cibo a persone indigenti
Svizzera
20 ore

Riforma Ministero pubblico e Autorità di Vigilanza, ok dal Nazionale

La proposta di legge mira a rafforzare e chiarire le competenze dell’Autorità indipendente rispetto al Ministero pubblico della Confederazione
Svizzera
20 ore

L’89% dei pazienti Covid in terapia intensiva non è vaccinato

L’Ufsp ha svolto il primo studio in tal senso in 21 ospedali svizzeri fra luglio e agosto. Il 68% dei pazienti in cure intense ha fra i 40 e i 79 anni
Svizzera
20 ore

Principio di sussidiarietà ticinese, per il Nazionale è conforme

Le modifiche costituzionali ticinesi hanno ricevuto anche dalla Camera del popolo la garanzia di conformità al diritto federale
Svizzera
21 ore

Il vaccino Johnson&Johnson in arrivo in Svizzera

La Confederazione ha avvisato i Cantoni di prepararsi all’arrivo di circa 150’000 dosi di vaccino monodose. Un’alternativa per molte persone ancora scettiche
Svizzera
1 gior

Quasi 43mila firme contro l’importazione di pellicce

Consegnata oggi a Berna una petizione che chiede il divieto di importare prodotti ottenuti infliggendo sofferenze agli animali
Svizzera
1 gior

Giovani e pubblicità del tabacco, ‘no’ all’iniziativa

Il testo è stato respinto anche dal Consiglio degli Stati. Stöckli (Ps): revisione della legge insufficiente, si deve andare a votare.
Svizzera
1 gior

Trasporto merci sotterraneo, legge approvata

Anche il Consiglio nazionale si esprime a favore del progetto ‘Cargo sous terrain’. La rete di tunnel dovrebbe essere terminata entro il 2045.
Svizzera
 
22.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 18:50

Disparità salariali, ‘la chiave è la conciliabilità’

Cresce in Svizzera il divario tra le retribuzioni di donne e uomini. L’economista Marialuisa Parodi: bisogna migliorare l’equilibrio tra lavoro e famiglia.

Le donne in Svizzera guadagnano mediamente il 19% in meno rispetto ai loro colleghi uomini, un divario che si sta approfondendo; la differenza ‘inspiegabile’, quindi discriminatoria (vedi infografia), è dell’8,1% (Ticino maglia nera: 11,2%), anch’essa in crescita. L’Unione sindacale svizzera ha definito “desolante” la situazione descritta nel rapporto finale dell’ultima analisi (2018) delle disparità salariali, pubblicato ieri dall’Ufficio federale di statistica (Ust). «Le cose non migliorano, purtroppo. E il fatto che siano cresciuti sia lo scarto salariale che la sua parte ‘non spiegata’, discriminatoria, deve farci riflettere», commenta l’economista Marialuisa Parodi, co-direttrice dell’associazione Equi-Lab, attiva nell’ambito della conciliabilità lavoro-famiglia.

Tre anni fa la quota ‘inspiegabile’ dello scarto salariale era del 55%. In pratica eravamo ai livelli del 2012 (56%). Le cose non sono migliorate, ma nemmeno peggiorate.

Ho le mie remore rispetto a questa distinzione tra ‘spiegata’ e ‘non spiegata’. Non possiamo stare tranquilli semplicemente perché in fondo ‘solo’ l’8,1% della disparità salariale è ‘non spiegata’, vale a dire non riconducibile a fattori ‘oggettivi’. La parte ‘spiegata’, infatti, non è determinata da scelte compiute dalle donne, come questa rappresentazione apparentemente innocua vorrebbe lasciar intendere.

In che senso?

Per semplificare: se le donne lavorano a tempo parziale, la differenza salariale statisticamente è spiegata. Il fatto è che le donne lavorano part-time perché sono sottoccupate, non perché lo vogliano. La disparità salariale è la conseguenza di una serie di lacune che il nostro sistema presenta. Sul piano della conciliabilità tra lavoro e famiglia, ad esempio. Ma penso anche alle pressioni sociali, alla scarsa abitudine a considerare le donne adatte a ruoli direttivi, o ancora alla scarsa protezione legale della maternità. Le condizioni quadro sono molto, molto deboli per le donne. Non a caso la Svizzera è quasi fanalino di coda tra i Paesi Ocse per quel che riguarda le strutture di accoglienza dell’infanzia, una cosa abbastanza incredibile considerato il nostro reddito pro capite.

Senza dimenticare poi che le donne in Svizzera sono svantaggiate anche a livello statistico. Sui giovani, ad esempio, si effettuano numerose indagini e abbiamo a disposizione molti dati, costantemente aggiornati. Sulle donne non c’è la stessa attenzione. Prova ne è che oggi, nel giugno del 2021, stiamo ragionando su dati del 2018.

Il Ticino è primo nel settore pubblico (3,1% di scarto salariale non spiegato), ma ultimo nel settore privato (11,9%). Come si spiega quest’ultimo dato?

Il Ticino ha per esempio una percentuale inferiore di partecipazione delle donne al mercato del lavoro e una quota maggiore di donne sottoccupate, o impiegate part-time. Parliamo di una serie di fragilità tipiche del lavoro femminile, accentuate rispetto al resto della Svizzera. Logico quindi che tutto ciò si rifletta sulla punta dell’iceberg, la differenza salariale. Del resto ne abbiamo avuto conferma durante la pandemia: lo scorso anno, ma anche nei primi mesi del 2021, la perdita di impieghi femminili in Ticino è stata davvero incredibile in alcuni trimestri, e comunque superiore che altrove in Svizzera.

Un dato che balza all’occhio nell’analisi dell’Ust è che le persone sposate sono maggiormente discriminate rispetto a quelle non sposate. Come lo spiega?

La mia ipotesi è che le persone sposate in genere hanno dei figli; e dal momento in cui una donna diventa madre, la sua situazione lavorativa peggiora drasticamente. Peggiora perché probabilmente sarà costretta – per accudire il nascituro – a ridurre il proprio tempo di lavoro; e perché c’è una cultura sociale che porta molti datori di lavoro a credere che una neo-madre sia meno motivata ad assumere ulteriori responsabilità, ad avanzare professionalmente. Ovviamente questo si ripercuote poi sul salario.

I dati sono del 2018, precedenti l’entrata in vigore della revisione di legge che impone a enti e aziende con più di 100 collaboratrici e collaboratori di effettuare un’analisi interna della parità salariale. Crede che queste verifiche spingeranno i datori di lavoro a riflettere sulle proprie pratiche e se del caso a correggere il tiro?

Non sarà questa revisione – talmente tormentata da essere l’ombra di sé stessa – a far muovere le acque. Mi spiego. La verifica non porta su un anno, ma su un solo mese. Le aziende hanno tempo fino a fine giugno per sceglierlo e realizzare l’analisi. Da lì in poi avranno un altro anno per sottoporla a un ente certificatore. Successivamente, avranno un ulteriore anno per comunicare i risultati ai dipendenti. Se usciranno disparità eclatanti, le aziende dovranno ripetere l’esercizio. Ma se le disparità non saranno così marcate, sono a posto in linea di massima per 12 anni. Capirà che durante questo lasso di tempo non ci si può aspettare granché dalla nuova legge, che oltretutto non prevede sanzioni. Quello che a mio avviso succederà, invece, è che le cose cambieranno grazie alla ‘spinta’ delle molte aziende virtuose che – anche perché hanno donne nei ruoli decisionali – possono vantare già da parecchi anni una certificazione della parità salariale. Ad ogni modo, la questione non è destinata a risolversi finché le lacune a livello di politica familiare non verranno colmate.

A cosa pensa, in particolare?

La chiave è la conciliabilità tra lavoro e famiglia. Il fatto che due giovani genitori siano costretti a considerare che, con un figlio all’asilo nido, devono mettere sul tavolo uno stipendio, è assurdo. Senza parlare di come è tassato attualmente il lavoro femminile! Se favoriremo la conciliabilità lavoro/famiglia, contribuiremo tra l’altro a evitare di sprecare tutti i talenti femminili che in Svizzera stiamo formando. Parlo di ragazze e donne che oggi – a causa di una politica familiare non all’altezza, improntata a una suddivisione tradizionali dei ruoli – trovano sbocchi insufficienti e spesso inadeguati sul piano professionale e sociale in generale. Penso anche alle opportunità offerte dallo smart working, che durante la pandemia non ha provocato scossoni sul piano della produttività aziendale, anzi. Un margine di manovra esiste pure a livello di promozione del part-time per gli uomini, che sono ancora penalizzati quando scelgono questa opzione. Si tratta insomma di superare schemi mentali che inducono certi datori di lavoro, pubblici e privati, a considerare ancora le competenze genitoriali – la maternità, la paternità – come non importanti, o addirittura penalizzanti, sul piano professionale e della produttività aziendale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved