effetto-covid-finanze-dei-cantoni-migliori-del-previsto
Occhio però (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Il pacchetto dei media pronto per la votazione finale

I due rami del Parlamento si sono già messi d'accordo per quanto riguarda il sostegno ai giornali con riduzioni sulla spedizione
Svizzera
15 ore

Accordo commerciale al centro dell'incontro Biden-Parmelin

Per il presidente della Confederazione l'intesa permetterebbe a Berna e Washington di ampliare ulteriormente le loro 'fruttuose relazioni economiche'
Svizzera
16 ore

Politica europea, miliardo di coesione forse in autunno

Il Nazionale alle prese con la fine dell’accordo quadro e il futuro della via bilaterale. Il contributo svizzero potrebbe essere sbloccato dopo l’estate.
Svizzera
18 ore

Il presidente Usa Joe Biden è a Ginevra

Biden è atterrato con l'Air Force One intorno alle 16, accolto dal presidnete della Confederazione Guy Parmelin
Svizzera
20 ore

Il vaccino protegge per almeno un anno

Lo ha annunciato ai media Virginie Masserey dell'Ufsp. Resta l'incognita della variante Delta, tenuta attualmente sotto controllo
Svizzera
22 ore

In Svizzera 243 contagi giornalieri, 2 i decessi

Ancora in calo tutti gli indicatori della pandemia. Tasso di positività all'1,36%
Svizzera
22 ore

Casse malattia, 'riduzione riserve resti volontaria'

È quanto sostiene il Consiglio degli Stati che oggi ha respinto dieci iniziative cantonali in tal senso
Svizzera
1 gior

Swiss, 500 licenziamenti anziché i 780 previsti

La compagnia aerea comunica che a seguito della procedura di consultazione con i rappresentanti del personale è stato possibile ridurre la cifra
Svizzera
1 gior

In Svizzera oltre 2'000 morti l'anno per infortuni non lavorativi

570'000 persone ogni anno si feriscono in casa o nel tempo libero, 2'030 di esse perdono la vita, come comunica l'Ufficio prevenzione infortuni
Svizzera
1 gior

Perequazione, quasi 52 milioni al Ticino nel 2022

Si tratta di un aumento di 7,895 milioni rispetto al 2021. Il 60% dell'importo a carico della Confederazione, il 40% dai cantoni più 'ricchi'
Svizzera
1 gior

Le regole sulla trasparenza varranno anche per i ‘senatori’

L'iniziativa popolare esige che i partiti politici rendano pubbliche le donazioni superiori a 10mila franchi all'anno
Svizzera
02.04.2021 - 09:190
Aggiornamento : 17:22

Effetto Covid? Finanze dei Cantoni migliori del previsto

Nel 2020 in Svizzera si è riusciti a contenere i costi. Ma si invita alla prudenza: la crisi sanitaria lascerà il segno

Malgrado l'incidenza della pandemia da Covid-19 in generale i Cantoni sono riusciti a contenere i costi l'anno scorso. Tra i 20 Cantoni che hanno già pubblicato i bilanci del 2020, ben 17 hanno registrato risultati migliori del previsto. Le ragioni principali sono entrate fiscali e una quota dei benefici della Bns superiori alle previsioni. Per il momento solo Neuchâtel, Appenzello Esterno e Berna registrano utili inferiori a quelli preventivati. I conti neocastellani segnano un'eccedenza di 0,8 milioni di franchi secondo un risultato provvisorio, ovvero un calo di 4,6 milioni rispetto a quanto preventivato, mentre ad Appenzello Esterno - dove le entrate fiscali sono crollate a causa della crisi scatenata dalla pandemia - i conti si sono chiusi con 9,5 milioni di utile (-8 milioni).

A Berna si è registrato un attivo di 40 milioni di franchi: un risultato "peggio di quanto previsto nel preventivo, ma meglio di quanto temuto nel corso dell'anno", secondo il Consiglio di Stato. In effetti, il preventivo parlava di un attivo di 218 milioni, mentre dopo l'inizio della pandemia si pensava a un importante deficit.

Cifre rosse attese

Ginevra e Uri sono finora gli unici due cantoni a registrare cifre negative, anche se entrambi hanno avuto un deficit inferiore al previsto. Uri ha chiuso con una perdita di 8,2 milioni di franchi, contro i 13,8 milioni di franchi preventivati. Nella città lemanica, invece, il deficit è di 486 milioni, ovvero 87 milioni in meno del previsto, grazie a entrate supplementari per 445 milioni di franchi, a cui si aggiungono importanti transazioni immobiliari, adeguamenti fiscali per alcune persone fisiche e una quota aggiuntiva degli utili della Bns.

A Zugo è record

Nel 2020 il canton Zugo ha registrato il miglior risultato finanziario di sempre: 285,5 milioni di franchi. A questo risultato eccezionale - che supera di 136,8 milioni le previsioni - ha contribuito la nuova quota cantonale dell'imposta federale diretta, che ha portato nelle casse cantonali 85,3 milioni di franchi in più. La Riforma fiscale e finanziamento dell'Avs, entrata in vigore il 1° gennaio 2020, ha infatti aumentato la quota cantonale dal 17% al 21,2%. Ci sono stati anche tre effetti imprevisti con un impatto significativo: alcune aziende che hanno venduto proprietà intellettuali e diritti di partecipazione su larga scala e hanno ampliato la sede di Zugo, la distribuzione dell'utile da parte della Bns è stata quattro volte superiore al budget e le imposte cantonali hanno superato di 5 milioni di franchi le previsioni.

Vallese e Friburgo in equilibrio

In Vallese i conti per il 2020 risultano tutto sommato buoni, con un'eccedenza di 2,3 milioni di franchi (contro 0,1 milioni nel preventivo). Come per Berna, anche in Vallese è stato decisivo l'apporto della Bns, che ha raggiunto i 107,3 milioni, ovvero 80,8 milioni in più di quanto previsto. Il Cantone si è lanciato in diversi investimenti a sostegno dell'economia, ma anche per la rete stradale e lo sviluppo della strategia informatica.

Friburgo dal canto suo vanta un attivo di 0,8 milioni, contro gli 0,4 milioni previsti. Più consistenti i guadagni registrati a Zurigo 499 milioni (+438 milioni rispetto al preventivo), Basilea-Città 302 milioni (+286), Argovia 288,2 milioni (+236) e San Gallo 179 milioni (+153).

Prudenza

Diversi altri cantoni (Lu, So, Gl, Nw, Ow, AI) hanno registrato un utile, mentre si aspettavano cifre rosse. Ad esempio i conti di Lucerna mostrano un'eccedenza di 67,5 milioni di franchi, mentre in preventivo aveva una perdita di 51,4 milioni. Soletta è passata da un deficit di 10,4 milioni a un'eccedenza di 59 milioni.

Per l'anno in corso, la prudenza è d'obbligo. La pandemia rende difficili le previsioni, avverte Basilea Città, mentre il Vallese ritiene che le ripercussioni a medio e lungo termine della crisi sanitaria ed economica rimangono "incerte". Berna avverte che Covid-19 lascerà tracce "profonde" nei bilanci futuri e influenzerà fortemente le entrate fiscali nel 2021. Neuchâtel va oltre e prevede un deficit di 100 milioni tra il 2022 e il 2025.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved