ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
49 min

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 ora

Il parlamento apre il paracadute per Axpo

Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
1 ora

Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali

Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
1 ora

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
4 ore

Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’

Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
5 ore

La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro

Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
7 ore

Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?

A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
9 ore

I ghiacciai svizzeri non si sono mai sciolti così tanto

A pesare è soprattutto lo scarso innevamento che ha fatto mancare lo strato protettivo contro le alte temperature dell’estate appena trascorsa
Svizzera
10 ore

Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare

Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
11 ore

‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’

L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
28.02.2021 - 12:06
Aggiornamento: 13:58

Allentamenti in vista per eventi culturali e sportivi

Berset intenderebbe autorizzarli entro breve, una decisione dovrebbe essere presa il 17 marzo. Rischio requisiti per i grandi eventi, meglio per i piccoli

Ats, a cura de laRegione
allentamenti-in-vista-per-eventi-culturali-e-sportivi
Ti-Press

Il ministro della sanità, Alain Berset, intende autorizzare nuovamente entro breve tempo gli eventi culturali e sportivi e persino le grandi manifestazioni in estate. Il Consiglio federale ne discuterà prossimamente, afferma la SonntagsZeitung, che ha ottenuto conferma dal responsabile della comunicazione del Dipartimento dell'interno, Peter Lauener.

La decisione dovrebbe essere presa nelle prossime settimane, al più presto il 17 marzo. Anche se il consigliere federale intende pigiare sull'acceleratore, la decisione potrebbe giungere troppo tardi per i grandi festival all'aperto. “Se il Consiglio federale o le autorità non danno un segnale entro dieci giorni, molti organizzatori dovranno annullare”, afferma Stefan Breitenmoser, membro del consiglio dell'Associazione degli organizzatori di concerti e open air SMPA, intervistato dal domenicale.

Gli organizzatori sono comunque scettici

Gli organizzatori però dovranno fare i conti con misure di protezione ben definite. “La prossima estate non sarà come quella del 2019”, precisa il portavoce di Berset. Se il governo deciderà di autorizzare di nuovo gli eventi su larga scala, dovrà essere fatta chiarezza per sapere “a quali condizioni tali eventi possono essere tenuti in estate”, aggiunge. Gli organizzatori di festival temono requisiti molto alti, come l'obbligo di presentare un test con esito negativo o un certificato vaccinale, e sono quindi scettici sulla possibilità di organizzare effettivamente gli eventi. Chiedono al Consiglio federale di coprire fino al 90% della perdita in caso di annullamento di un concerto, un open air o una fiera a causa della pandemia. Una simile proposta è al vaglio della competente commissione del Nazionale che deciderà giovedì.

Meglio per i piccoli eventi con un massimo di 300 persone

Per i piccoli eventi culturali, con un massimo di 300 spettatori, le prospettive sono migliori visto che saranno di nuovo ammessi a partire dalla fine di marzo. “Nel quadro della seconda tappa di apertura del 22 marzo, il Consiglio federale vorrebbe - se la situazione sanitaria lo consente - autorizzare di nuovo eventi culturali come concerti o spettacoli teatrali con un numero limitato di spettatori”, afferma Lauener precisando che sarà sempre in vigore l'obbligo di indossare la mascherina e di mantenere le distanze sociali.

Gli ambienti culturali chiedono regole chiare

Il settore culturale intanto chiede alla Confederazione direttive chiare già nei prossimi giorni per permettere agli organizzatori di pianificare l'attività. “Le associazioni culturali sono pronte a discutere con le autorità federali per determinare i prossimi passi concreti e stabilire le linee guida”, afferma la Taskforce Cultura in un comunicato. La riapertura deve rispondere a criteri pratici, ma non deve però essere un obbligo poiché molte aziende non posso permettersi di riaprire in condizioni molto restrittive che non consentirebbero loro di coprire i costi.

Indipendentemente dal calendario di riapertura, è necessario tener presente che le conseguenze della crisi avranno effetti ancora a lungo tempo. I ritardi nella produzione dovuti alla chiusura dell'anno scorso, i numerosi rinvii e i lunghi tempi di pianificazione necessari per i grandi eventi interromperanno il normale ritmo del settore culturale per molti mesi a venire, scrive ancora la Taskforce creata dagli ambienti culturali.

Il settore lancia quindi un appello al Parlamento, che inizierà domani la sessione primaverile, e all'amministrazione, affinché colmino le lacune negli aiuti e a semplifichino le procedure per fare in modo che i sostegni finanziari arrivino a destinazione al più presto.

La modifica della legge Covid-19 non “permette un eccesso di ottimismo”, prosegue la nota. Gli ambienti culturali sono soddisfatti della proposta per una compensazione retroattiva delle perdite finanziarie, ma ritengono che il messaggio del Consiglio federale non tenga conto di molte altre richieste del settore, in particolare della possibilità di accedere alle indennità di perdita di guadagno per gli indipendenti e gli intermittenti dello spettacolo.
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved