in-svizzera-incertezza-su-variante-inglese-ma-la-strada-e-giusta
Patrick Mathys (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Parmelin invita a prepararsi a penuria di elettricità

Il ministro dell’economia: ‘Oltre alla pandemia, una carenza di energia è la più grande minaccia per l’approvvigionamento della Svizzera’
Svizzera
10 ore

Uri, auto contro camper sulla Axenstrasse. Cinque feriti

I contusi sono stati trasportati negli ospedali circostanti con un elicottero e con diverse ambulanze
Svizzera
11 ore

Berset e Ministero pubblico sollevati dalle accuse

È quanto avrebbe stabilito, stando alla ‘SonntagsZeitung’, l’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC)
Svizzera
13 ore

Situazione forniture: in Svizzera meglio che in Europa

Lo sostiene Rolf Galliker, presidente dell’omonima società di trasporti elvetica
Svizzera
13 ore

I presidenti del Parlamento condannano l’attentato ad Amess

In un tweet i due parlamentari svizzeri hanno espresso le loro ‘sentite condoglianze’ alla famiglia, agli amici e ai colleghi del deputato Tory
Svizzera
14 ore

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Coira

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. Il centauro 62enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale
Svizzera
15 ore

Vaud: 16enne morto in un incidente in moto a Bullet

Il ragazzo è deceduto sul posto, malgrado l’intervento dei soccorsi. È stata aperta un’inchiesta per determinare le circostanze del fatto
Svizzera
1 gior

Berna, sul lago di Bienne un motoscafo prende fuoco

I due occupanti - illesi - sono stati soccorsi da un equipaggio di un’altra imbarcazione
Svizzera
1 gior

Covid: la panne ha messo ‘k.o.’ soprattutto i pass esteri

La validità dei certificati svizzeri non è stata riconosciuta ieri sera fra le 19.30 e le 20.30, per i lasciapassare esteri invece fino alle 22.30
Svizzera
1 gior

Misure anti Covid, manifestazioni in varie città svizzere

Sabato di proteste a Baden, Rapperswil, Losanna, Berna. A Lugano il raduno ‘filosofia in piazza’ indetto dall’Associazione Amici della Costituzione
Svizzera
1 gior

I Verdi Liberali: ‘puntiamo a un seggio in Consiglio federale’

È questo l’obiettivo per il prossimo futuro annunciato da Jürg Grossen, presidente del partito, nel corso dell’assemblea di delegati
Svizzera
16.02.2021 - 15:240
Aggiornamento : 21:30

In Svizzera incertezza su variante inglese, ma la strada è giusta

La task-force federale mostra un prudente ottimismo, ma la flessione è meno netta del dovuto. Al momento non c'è il previsto raddoppio dei casi da variante

I dati su infezioni, ricoveri e decessi continuano a calare, ma non si può escludere un incremento delle infezioni nelle prossime settimane a causa soprattutto delle varianti del Covid-19.

Lo ha dichiarato oggi ai media Patrick Mathys dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sostenendo che i dati sulla variante inglese, quella più temuta, sono ancora incompleti. Insomma, è difficile fare previsioni al momento, regna molta "incertezza".

In generale, le cifre comunicate oggi ci inducono a un prudente ottimismo, anche se avremmo voluto una flessione più netta dei casi di nuove infezioni, ha spiegato Mathys. Il tasso riproduzione oscilla tra lo 0,88 e l'1. Si va nella giusta direzione, ma la diminuzione non è abbastanza veloce, secondo Mathys.

Incertezza su variante inglese

In merito alle pressioni che giungono soprattutto dal mondo economico, ma anche dai partiti, affinché il Consiglio federale allenti le misure protettive, Mathys ha diplomaticamente glissato su alcune domande poste a tale proposito. Il Consiglio federale si trova senz'altro di fronte a una "decisione difficile", ha affermato, aggiungendo che gli esperti possono solo esprimere raccomandazioni sulla base delle informazioni a disposizione.

Gli ultimi dati pubblicati dal Politecnico federale di Zurigo, ha spiegato l'alto funzionario dell'UFSP, non indicano chiaramente il raddoppio ogni 10 giorni del numero di infezioni dovuti alla variante inglese come previsto all'inizio.

I dati provenienti da Ginevra, ha asserito, lasciano pensare che di tutti i casi confermati, il 50% potrebbe essere dovuto alla variante britannica. Tuttavia, queste informazioni non possono essere estese a tutto il Paese, ha precisato. Attualmente, le varianti dovrebbero essere il 26-27%, se non superiori, del totale dei casi di infezione da Covid registrati.

Nelle settimane scorse, lo stesso Mathys aveva parlato di un raddoppio dei casi ogni settimana per la variante inglese e del pericolo che essa prenda il sopravvento. Ad ogni modo, Mathys ha precisato che entro la fine di questa settimana, si avranno dati più precisi che dovrebbero portare maggiore chiarezza al riguardo.

Vaccinazioni, prosegue campagna

Sul fronte della vaccinazioni, Virginie Masserey dell'UFSP, dove si occupa del controllo delle epidemia, ha dichiarato che le operazioni proseguono, anche se bisogna tuttavia fare i conti con problemi nelle forniture. Al momento, quasi 550 mila persone sono state vaccinate e 100 mila hanno ricevuto la seconda dose di uno dei due vaccini autorizzati finora, ossia quello di Moderna e di Pfizer/BioNtech.

In un raffronto con gli altri Paesi occidentali, ha aggiunto la funzionaria, con 6,3 dosi ogni 100 mila abitanti la Svizzera occupa una buon posizione, preceduta in Europa solo dalla Gran Bretagna e dalla Danimarca.

Stando a Masserey, nonostante le difficoltà di procurarsi i vaccini, entro la fine di aprile tutte le persone a rischio in Svizzera dovrebbero aver ricevuto almeno una dose di vaccino. Da maggio, il preparato potrà essere inoculato al resto della popolazione. Entro l'estate, come annunciato anche dal Consiglio federale, tutte le persone che lo desiderano dovrebbero essere immunizzate contro il Covid-19.

127'533 dosi vaccino somministrate la scorsa settimana

Sono state 127'533 le dosi del vaccino anti-coronavirus somministrate in Svizzera la settimana scorsa. Secondo i dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) pubblicati oggi, che arrivano fino a domenica compresa, il ritmo delle inoculazioni ha subito un'accelerata.

La media parla infatti di 18'219 somministrazioni quotidiane. Rispetto ai sette giorni precedenti, si tratta di un aumento del 29%.

In totale, le punture effettuate dall'inizio della campagna sono 541'231, il che significa 6,26 dosi ogni 100 abitanti. Da ricordare che una persona deve riceverne due per essere protetta al meglio contro il Covid.

I vaccini consegnati globalmente sono invece 782'675, ovvero 9,05 dosi per 100 abitanti. Ciò significa che sono 241'444 i preparati non ancora usati. Inoltre, ulteriori 23'350 dosi sono stoccate dalla Confederazione.

© Regiopress, All rights reserved