laRegione
situazione-non-rassicurante-i-cantoni-agiscano-subito
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Coronavirus: 90 militi in quarantena per variante inglese

Il caso è emerso durante un test in vista dello spostamento a Crans-Montana per fornire supporto alla Coppa del mondo di sci
Svizzera
4 ore

Lacune nella protezione giuridica dei più deboli

I conflitti nell'assistenza sociale possono sorgere a causa delle condizioni poste agli aiuti o dell'importo concesso.
Ginevra
5 ore

Importa carne e non paga dazi, fermato: era terzo tentativo

Fermato due volte al confine in auto con circa 20 kg di carne non dichiarati, multato, prende un bus pubblico: fermato in Svizzera recidivo del contrabbando
Svizzera
6 ore

Curaviva: priorità vaccini a case anziani, testare personale

L'associazione delle case di cura chiede che la Confederazione assuma i costi dei test preventivi al personale degli istituti, richiesta condivisa da Unia
Svizzera
7 ore

Task-force: la chiusura dei confini per ora non è prevista

Si valuta se ridurre arrivi da altri Paesi ma non è allo studio una chiusura con gli Stati vicini. 110'000 persone già vaccinate. 'Testare asintomatici'
Svizzera
8 ore

Aborto di una siriana respinta, nessun risarcimento

Perse il bambino dopo essere stata rimandata dal confine franco-svizzero a Domodossola. Il Dipartimento federale delle finanze sceglie la linea dura
Svizzera
11 ore

Consoliamoci: il 2020 ha portato 26 milionari in più

Per Swiss Lotto è stato l'anno del 50esimo, ma anche quello della seconda più grande vincita distribuita, 45 milioni di franchi.
Svizzera
11 ore

In Svizzera 2'260 nuovi casi e 75 decessi

Il tasso di positività sale superando nuovamente la soglia del 10%. 129 persone ricoverate
Svizzera
12 ore

Truffa per mestiere, assolto leader Tigri Tamil in Svizzera

Il Tribunale penale federale ha assolto l'uomo dopo l'accoglimento del ricorso al Tribunale Federale: non è provata l'astuzia necessaria al reato di truffa
Svizzera
12 ore

Postriboli limitrofi chiusi: a Berna le prostitute raddoppiano

La chiusura nei cantoni circostanti ha elevato il numero a 180. Condividono locali con altre colleghe: 'Problema igienico e di dignità', commenta la polizia.
Svizzera
13 ore

Dal 2022 addio a polizze di versamento rosse e arancioni

Le polizze saranno eliminate nel quadro del processo di armonizzazione e digitalizzazione dei pagamenti avviato da PostFinance
Svizzera
13 ore

Multa a mendicante, Corte diritti umani condanna la Svizzera

La Corte europea dei diritti umani (Cedu) ha accolto il ricorso di una donna rumena multata per 500 franchi per aver chiesto l'elemosina in strada a Ginevra
Svizzera
13 ore

A Basilea Campagna mascherine a scuola a partire dai 10 anni

La decisione motivata dall'aumento dei contagi nelle scuole elementari del Cantone e da un caso confermato di variante inglese
Svizzera
13 ore

Berna sblocca i fondi dell'ex presidente tunisino Ben Alì

L'ordinanza che congelava gli averi di Ben Alì e del suo entourage, circa 60 milioni di dollari, è scaduta a mezzanotte e non è stata rinnovata
Svizzera
15 ore

Dissimulazione del viso, iniziativa popolare ‘inutile’

Il Consiglio federale respinge la proposta e caldeggia il controprogetto. Si vota il 7 marzo.
Svizzera
04.12.2020 - 15:520
Aggiornamento : 18:37

'Situazione non rassicurante, i cantoni agiscano subito'

Berset ha parlato di 'sette cantoni' nei quali la situazione è preoccupante, ed esorta a prendere tempestivamente misure rigorose

Il Consiglio Federale ha deciso le nuove misure di contenimento della pandemia in vista delle festività natalizie. L'attenzione posta sui piani di protezione per la pratica degli sport invernali nelle stagioni sciistiche, sugli orari dei ristoranti, l'affollamento nei negozi e le raccomandazioni per gli incontri in famiglia. 

Severe condizioni per lo scii

Le stazioni sciistiche potranno rimanere aperte per la clientela indigena, ma solo se la situazione epidemiologica lo permetterà. Ciò significa che dal 22 dicembre i gestori degli impianti avranno bisogno di una autorizzazione rilasciata dal cantone rimanere aperti.

Questa sarà concessa solo se sono garantite capacità sufficienti negli ospedali, nel contact-tracing e per i test. I gestori delle stazioni sciistiche devono inoltre presentare piani di protezione rigorosi.

Non ci saranno limiti di capacità per le stazioni sciistiche. I mezzi di trasporto chiusi - come funivie o cabinovie - potranno però essere occupati solo nella misura dei due terzi dei posti (a sedere e/o in piedi). Le mascherine saranno obbligatorie su tutti gli impianti, comprese seggiovie e sciovie, e nelle file d'attesa.

I Cantoni sono tenuti a controllare il rispetto delle regole: se riscontrano problemi di rilievo,  devono ingiungere ai gestori dei comprensori sciistici di porvi rimedio e, se le irregolarità  persistono, revocare loro l’autorizzazione. I Cantoni devono inoltre riferire alla  Confederazione sul numero di controlli effettuati, di ingiunzioni emesse e di autorizzazioni  revocate e sul grado di occupazione degli ospedali.

Preoccupazione per l'evoluzione della situazione epidemiologica

Il consigliere federale Alain Berset lamenta il degrado piuttosto netto e inaspettato della situazione e il rischio di una risalita del numero dei casi, attualmente stabilizzato a un livello alto,  e annuncia contatti con i sette cantoni più colpiti e l'elaborazione, eventualmente, di nuove misure a livello federale per tutti per alcuni cantoni, soprattutto se essi non adottano misure più rigorose. Berset non ha comunque rivelato quali sono i cantoni sotto osservazione.

In alcuni Cantoni il numero delle infezioni da coronavirus ristagna a livelli elevati o ha ripreso a crescere. La situazione negli ospedali resta molto tesa: in alcune strutture gli interventi chirurgici non urgenti vengono rimandati e il personale sanitario continua a essere fortemente sollecitato.

«Non possiamo permetterci che arrivi una terza ondata» ha detto Berset. «Dobbiamo agire anche con misure rigorose, in alcuni cantoni si sta andando nella direzione sbagliata». Il consigliere federale ha inoltre ribadito l'invito al farsi testare ai primi sintomi.

Meno persone nei negozi 

Il periodo a ridosso dei giorni festivi, contraddistinto da un incremento degli spostamenti per  fare acquisti e da un aumento degli incontri privati, è fonte di ulteriori rischi. Dopo aver  consultato i Cantoni, il Consiglio federale ha perciò deciso di rafforzare i provvedimenti sul  piano nazionale e modificato di conseguenza l’ordinanza COVID-19 situazione particolare.  Per proteggere ancora più efficacemente le persone, il numero di clienti presenti  contemporaneamente in un negozio viene ridotto. Dal 9 dicembre e fino a nuovo avviso, la  capienza degli esercizi commerciali è ulteriormente limitata: nei negozi di dimensioni più  grandi, la superficie minima per persona passa dagli attuali quattro a dieci metri quadrati. 

Con questo provvedimento s’intende incentivare la popolazione a pianificare in modo più  strategico quando fare gli acquisti. 

Nuove regole per i ristoranti 

In tutta la Svizzera diventerà obbligatorio, com’è già il caso in diversi Cantoni, registrare i dati  di contatto di un ospite per tavolo. Nella notte di San Silvestro, inoltre, gli esercizi pubblici  non dovranno chiudere alle 23, ma potranno rimanere aperti, a titolo eccezionale, sino  all’una del mattino. Lo scopo di questo provvedimento è di ridurre i rischi connessi a incontri  spontanei in ambito privato. 

La pratica del canto è vietata al di fuori della cerchia familiare e della scuola dell’obbligo, sia  all’aperto sia nei locali chiusi. Il divieto si applica non soltanto ai cori, ma anche al canto in  comune durante i servizi religiosi o nel quadro di determinate usanze di Capodanno. 

Massimo due economie domestiche insieme, più telelavoro

Il Consiglio federale raccomanda vivamente di limitare a due economie domestiche gli  incontri in privato e al ristorante, in modo da ridurre il più possibile i contatti fra le persone. Il  limite delle dieci persone è mantenuto. Per ridurre ulteriormente il numero di contatti e i flussi  di persone va inoltre attuata in modo sistematico la raccomandazione sul telelavoro. Il  Consiglio federale esorta nuovamente i datori di lavoro a permettere, nel limite del possibile,  ai lavoratori di lavorare da casa. I lavoratori devono essere il più possibile agevolati nel  ridurre al minimo i loro contatti interpersonali a ridosso dei giorni festivi. Questa misura è  tanto più opportuna quanto più dovessero essere previsti incontri con persone a rischio.

 

 

 

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved