ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

È corsa ai gadget per il risparmio energetico

In Svizzera è boom di vendite per misuratori di energia, timer, ciabatte con interruttori, soffioni doccia a risparmio idrico e candele
Svizzera
7 ore

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
9 ore

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
9 ore

‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’

Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
9 ore

Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia

L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
10 ore

Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta

Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
11 ore

La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale

Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
12 ore

La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà

Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
12 ore

Grigioni, passo avanti per il centro Sup

La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
12 ore

I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia

Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
13 ore

‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’

Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
Svizzera
14 ore

Il mercato del lavoro ha raggiunto il suo picco

Dopo mesi di forte crescita (+15% da inizio anno), le offerte di impiego sembrano essersi arrestate: 1% nell’ultimo trimestre
Svizzera
1 gior

Impennata di casi di coronavirus

Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
1 gior

Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer

È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
1 gior

Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi

Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
04.12.2020 - 15:52
Aggiornamento: 18:37

'Situazione non rassicurante, i cantoni agiscano subito'

Berset ha parlato di 'sette cantoni' nei quali la situazione è preoccupante, ed esorta a prendere tempestivamente misure rigorose

situazione-non-rassicurante-i-cantoni-agiscano-subito

Il Consiglio Federale ha deciso le nuove misure di contenimento della pandemia in vista delle festività natalizie. L'attenzione posta sui piani di protezione per la pratica degli sport invernali nelle stagioni sciistiche, sugli orari dei ristoranti, l'affollamento nei negozi e le raccomandazioni per gli incontri in famiglia. 

Severe condizioni per lo scii

Le stazioni sciistiche potranno rimanere aperte per la clientela indigena, ma solo se la situazione epidemiologica lo permetterà. Ciò significa che dal 22 dicembre i gestori degli impianti avranno bisogno di una autorizzazione rilasciata dal cantone rimanere aperti.

Questa sarà concessa solo se sono garantite capacità sufficienti negli ospedali, nel contact-tracing e per i test. I gestori delle stazioni sciistiche devono inoltre presentare piani di protezione rigorosi.

Non ci saranno limiti di capacità per le stazioni sciistiche. I mezzi di trasporto chiusi - come funivie o cabinovie - potranno però essere occupati solo nella misura dei due terzi dei posti (a sedere e/o in piedi). Le mascherine saranno obbligatorie su tutti gli impianti, comprese seggiovie e sciovie, e nelle file d'attesa.

I Cantoni sono tenuti a controllare il rispetto delle regole: se riscontrano problemi di rilievo,  devono ingiungere ai gestori dei comprensori sciistici di porvi rimedio e, se le irregolarità  persistono, revocare loro l’autorizzazione. I Cantoni devono inoltre riferire alla  Confederazione sul numero di controlli effettuati, di ingiunzioni emesse e di autorizzazioni  revocate e sul grado di occupazione degli ospedali.

Preoccupazione per l'evoluzione della situazione epidemiologica

Il consigliere federale Alain Berset lamenta il degrado piuttosto netto e inaspettato della situazione e il rischio di una risalita del numero dei casi, attualmente stabilizzato a un livello alto,  e annuncia contatti con i sette cantoni più colpiti e l'elaborazione, eventualmente, di nuove misure a livello federale per tutti per alcuni cantoni, soprattutto se essi non adottano misure più rigorose. Berset non ha comunque rivelato quali sono i cantoni sotto osservazione.

In alcuni Cantoni il numero delle infezioni da coronavirus ristagna a livelli elevati o ha ripreso a crescere. La situazione negli ospedali resta molto tesa: in alcune strutture gli interventi chirurgici non urgenti vengono rimandati e il personale sanitario continua a essere fortemente sollecitato.

«Non possiamo permetterci che arrivi una terza ondata» ha detto Berset. «Dobbiamo agire anche con misure rigorose, in alcuni cantoni si sta andando nella direzione sbagliata». Il consigliere federale ha inoltre ribadito l'invito al farsi testare ai primi sintomi.

Meno persone nei negozi 

Il periodo a ridosso dei giorni festivi, contraddistinto da un incremento degli spostamenti per  fare acquisti e da un aumento degli incontri privati, è fonte di ulteriori rischi. Dopo aver  consultato i Cantoni, il Consiglio federale ha perciò deciso di rafforzare i provvedimenti sul  piano nazionale e modificato di conseguenza l’ordinanza COVID-19 situazione particolare.  Per proteggere ancora più efficacemente le persone, il numero di clienti presenti  contemporaneamente in un negozio viene ridotto. Dal 9 dicembre e fino a nuovo avviso, la  capienza degli esercizi commerciali è ulteriormente limitata: nei negozi di dimensioni più  grandi, la superficie minima per persona passa dagli attuali quattro a dieci metri quadrati. 

Con questo provvedimento s’intende incentivare la popolazione a pianificare in modo più  strategico quando fare gli acquisti. 

Nuove regole per i ristoranti 

In tutta la Svizzera diventerà obbligatorio, com’è già il caso in diversi Cantoni, registrare i dati  di contatto di un ospite per tavolo. Nella notte di San Silvestro, inoltre, gli esercizi pubblici  non dovranno chiudere alle 23, ma potranno rimanere aperti, a titolo eccezionale, sino  all’una del mattino. Lo scopo di questo provvedimento è di ridurre i rischi connessi a incontri  spontanei in ambito privato. 

La pratica del canto è vietata al di fuori della cerchia familiare e della scuola dell’obbligo, sia  all’aperto sia nei locali chiusi. Il divieto si applica non soltanto ai cori, ma anche al canto in  comune durante i servizi religiosi o nel quadro di determinate usanze di Capodanno. 

Massimo due economie domestiche insieme, più telelavoro

Il Consiglio federale raccomanda vivamente di limitare a due economie domestiche gli  incontri in privato e al ristorante, in modo da ridurre il più possibile i contatti fra le persone. Il  limite delle dieci persone è mantenuto. Per ridurre ulteriormente il numero di contatti e i flussi  di persone va inoltre attuata in modo sistematico la raccomandazione sul telelavoro. Il  Consiglio federale esorta nuovamente i datori di lavoro a permettere, nel limite del possibile,  ai lavoratori di lavorare da casa. I lavoratori devono essere il più possibile agevolati nel  ridurre al minimo i loro contatti interpersonali a ridosso dei giorni festivi. Questa misura è  tanto più opportuna quanto più dovessero essere previsti incontri con persone a rischio.

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved