ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto

Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
10 ore

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
13 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
14 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
15 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
17 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
17 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
18 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
20 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
21 ore

Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto

Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
22 ore

Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura

Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
1 gior

Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’

La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
1 gior

Pensioni: novembre dal rendimento positivo, ma non nel 2022

Sarà difficile recuperare il rendimento negativo accumulato nei primi undici mesi. Dal 2006 solo tre anni con segno più
Svizzera
1 gior

Consiglio federale, la ripartizione dei dipartimenti

Ambiente, energia e comunicazioni ad Albert Rösti, Giustizia e polizia per Elisabeth Baume-Schneider
Svizzera
1 gior

Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes

La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
Svizzera
1 gior

Sfonda una siepe e finisce in una piscina: muore una 88enne

L’incidente, dai contorni piuttosto insoliti, è avvenuto a Clarens, nel Canton Vaud: vani i soccorsi per l’anziana conducente
30.11.2020 - 16:41
Aggiornamento: 16:58

Andreas Aebi nuovo presidente del Consiglio nazionale

Il 62enne bernese, esponente dell'Udc è stato eletto con 178 voti su 183 schede valide. Succede a Isabelle Moret

andreas-aebi-nuovo-presidente-del-consiglio-nazionale
(Andreas Aebi)

Il bernese Andreas Aebi è il nuovo presidente, per un anno, del Consiglio nazionale. Il democentrista è stato eletto oggi dal plenum con 178 voti su 183 schede valide. Succede alla vodese Isabelle Moret (PLR), che lo scorso anno aveva ottenuto un record di 193 voti.

Il 62enne è il 28mo rappresentante del canton Berna a ricoprire questo incarico, dopo Christa Markwalder (PLR) nel 2015/2016, e il 20mo membro del suo partito ad essere eletto primo cittadino del Paese. È stato preceduto da Jurg Stahl (ZH) nel 2016/2017.

Dopo i ringraziamenti di rito al plenum, al cantone, al partito e alla famiglia, nel suo discorso di investitura Aebi, visibilmente commosso, ha voluto puntare su tre parole chiave, che in tedesco iniziano con la lettera zeta: coesione, fiducia e soddisfazione (Zusammenhalt, Zuversicht, Zufriedenheit).

Esprimendosi in italiano, il neoeletto ha poi affermato che "la questione dei frontalieri in Ticino e la virulenza con cui la pandemia ha colpito il cantone a sud delle Alpi hanno mostrato che dobbiamo tener conto delle esigenze di tutte le regioni".

Aebi ha detto di sperare vivamente che nei prossimi giorni il Parlamento trovi soluzioni eque, efficaci e rapide per le aziende piombate nella crisi senza averne colpa. È il tempo della rinuncia e della solidarietà e non quello del piacere e del divertimento, ha avvertito, commemorando coloro che hanno perso i propri cari nella pandemia e chi teme di perdere l'impiego.

Qualsiasi siano le sfide, la gioia non deve andare perduta, ha proseguito, annunciando di voler esercitare il suo mandato in modo efficiente e imparziale, ponendo l'accento sull'incontro fra persone provenienti dalla città e dalla campagna. Aebi ha infine reso omaggio a Isabelle Moret, che lo ha preceduto, definendola "insegnante eccezionale".

A causa della pandemia, il neoeletto ha dovuto organizzare il suo debutto in modo diverso dal previsto. Invece del tradizionale aperitivo a Palazzo federale, ha distribuito buoni per un bicchiere di vino e un piatto di formaggio da riscattare durante la sessione invernale. È stato inoltre costretto a cancellare l'esibizione canora di sessanta ragazzi e ragazze della scuola del suo villaggio di provenienza.

Agricoltura, viaggi, uccelli

Come molti suoi colleghi, Aebi ha iniziato la carriera politica a livello comunale. Dal 1998 al 2008 è stato sindaco di Alchenstorf, località con poco più di 570 abitanti nell'Emmental. Nel 2007 accede al Consiglio nazionale, dove viene rieletto tre volte, ottenendo sempre ottimi risultati.

Oltre ad essere uomo politico, è agricoltore, banditore e proprietario di un'agenzia di viaggi. All'inizio dell'anno ha ceduto a suo figlio la gestione della fattoria di famiglia, anche se continua a dare manforte all'azienda.

In qualità di banditore, vende all'asta bestiame o materiale agricolo, un'attività che svolge da 23 anni sia in Svizzera che all'estero. La sua agenzia di viaggi non ha dipendenti né punti vendita. È a conduzione familiare e offre pochi viaggi all'anno.

Maggiore dell'esercito, egli ama definirsi sia agricoltore sia esperto di politica estera. Da molti anni è infatti membro della Commissione della politica estera, che ha anche presieduto, nel 2012 e nel 2013.

Interessato a scoprire il mondo, nel 1977 ha compiuto uno stage nella provincia canadese del Québec e in seguito ha soggiornato in Australia, Nuova Zelanda e negli Stati Uniti. In qualità di guida turistica, ha visitato molti altri Paesi.

Aebi è anche appassionato di ornitologia, tanto che ha partecipato alla creazione di un'associazione locale che invita popolazione e agricoltori a impegnarsi in favore della protezione degli uccelli e per il rafforzamento della biodiversità. La sua fattoria ospita rondini, gufi e falchi.

Il neoeletto non ha però mai voluto convertirsi all'agricoltura biologica, sostenendo che una fattoria di questo tipo non sia necessariamente più rispettosa dell'ambiente di un'altra che produce in modo integrato. Dal 2004 al 2013 è stato presidente di swissherdbook, la più grande federazione di allevatori di bestiame svizzera.

Nel 2012 non è riuscito ad assumere la presidenza dell'Unione svizzera dei contadini (USC). La scelta dell'assemblea dei delegati è caduta sul consigliere nazionale Markus Ritter (PPD/SG). Il bernese ha invece presieduto il comitato organizzatore della Festa federale di lotta svoltasi nel 2013 a Burgdorf (BE).

Al posto di Heinz Brand

L'accesso di Aebi alla presidenza del Consiglio nazionale non era prevista. Nel settembre 2018 il gruppo parlamentare dell'UDC aveva nominato Heinz Brand, consigliere nazionale grigionese. Questi non è però stato rieletto alle federali del 2019 e poco dopo Aebi è riuscito a spuntarla davanti a due colleghi in un'elezione interna.

Vicepresidenti

Nel pomeriggio il Nazionale ha eletto anche i suoi due vicepresidenti. La prima è l'argoviese Irène Kälin (Verdi), alla quale sono andati 137 voti su 168 schede valide. La 33enne siede alla Camera del popolo dal 2017 e dovrebbe assumerne la presidenza tra un anno.

È stata infine la volta del quarantenne grigionese Martin Candinas (PPD), eletto secondo vicepresidente con 154 su 170 schede valide. Membro del Nazionale dal 2011 e rappresentante della minoranza romancia, dovrebbe diventare presidente nel 2023.

Commiato Isabelle Moret

Nel suo discorso di commiato, Isabelle Moret ha voluto brevemente tornare sulla situazione sanitaria, che ha scombussolato anche i lavori del Parlamento. La vodese ha tenuto anche a ricordare la tournée estiva compiuta, assieme al presidente del Consiglio degli Stati Hans Stöckli, nei cantoni più colpiti dalla pandemia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved