laRegione
berset-vittima-di-un-tentativo-di-estorsione
Il consigliere federale Alain Berset (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 min

8'782 contagi nel week-end in Svizzera,399 ricoveri, 195 morti

Il tasso di positività sale leggermente dal 15,7% di venerdi al 16% del week-end.
Svizzera
1 ora

'In Svizzera ci sono oltre 100mila persone da aiutare'

Caritas lancia la più grande campagna della sua storia
Svizzera
2 ore

Più affari per il commercio al dettaglio

In ottobre si registra un aumento di oltre il 2 per cento. A segnare una crescita annuale sono soprattutto i prodotti alimentari
Svizzera
13 ore

Sciare o non sciare? Sommaruga tratta con l'Italia

Germania, Francia e Roma premono per mantenere chiusi i comprensori invernali. Svizzera e Austria controcorrente
Svizzera
13 ore

Berna rimane saldamente rosso-verde, fallito assalto Plr-Udc

Lo sfidante sconfitto per la poltrona di sindaco è stato placcato dagli agenti e portato via con la forza: si rifiutava d'indossare la mascherina
Basilea Città
14 ore

Il governo di Basilea Città si sposta a destra

Nel ballottaggio, a sorpresa, Stephanie Eymann (Lpd) prende il posto della candidata verde Heidi Mück
Svizzera
16 ore

Il popolo vota sì, i cantoni no. È successo solo 10 volte

L'ultima fu nel 2013, con il decreto federale sulla politica familiare. Per trovare un'altro esempio bisogna tornare al 1994
Svizzera
18 ore

‘Qualcosa sta cambiando nel paesaggio politico svizzero’

Imprese responsabili, ‘straordinaria mobilitazione’ contro Governo, Parlamento ed Economiesuisse. L’analisi di Chantal Peyer del comitato d’iniziativa.
Svizzera
18 ore

‘Una delle campagne più difficili che abbia mai vissuto’

Iniziativa imprese responsabili, il consigliere nazionale Fabio Regazzi: per i promotori è stato ‘controproducente’ opporre ‘buoni’ e cattivi’.
Svizzera
18 ore

Materiale bellico, le reazioni dei comitati pro e contro

Partiti borghesi soddisfatti: 'Era una soluzione strema'. Il Gruppo per una Svizzera senza esercito invita a guardare al 40% di sì
Svizzera
22.11.2020 - 16:360
Aggiornamento : 17:15

Berset vittima di un tentativo di estorsione

Il caso è stato reso pubblico durante il fine settimana dalla "Weltwoche" ed è stato confermato dal Ministero pubblico della Confederazione

Nel dicembre del 2019 Alain Berset è stato vittima di un tentativo di estorsione da parte di una donna. Il consigliere federale ha sporto denuncia al Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Ciò ha portato a un arresto e all'apertura di un procedimento penale, conclusosi con una condanna definitiva lo scorso settembre.

Il caso è stato reso pubblico sabato dalla "Weltwoche" ed è stato confermato dal MPC. Stando a un decreto d'accusa datato 14 settembre 2020, la donna ha minacciato Berset di divulgare foto e corrispondenza privata tra lei e il ministro. In cambio voleva 100'000 franchi. Berset ha sporto denuncia e la donna è stata arrestata il 13 dicembre 2019.

Il giorno prima, la stessa ha inviato una lettera al consigliere federale nella quale affermava che ritirava la sua richiesta di 100'000 franchi e che la sua accusa non corrispondeva alla realtà. Restituiva inoltre gli originali dei documenti che gli aveva inviato per e-mail.

Secondo il MPC, questa rinuncia giustifica una riduzione della pena. La donna ha firmato una dichiarazione lo scorso giugno con la quale accettava di far cancellare completamente tutti i dati dagli apparecchi da lei usati.

È stata condannata per tentata d'estorsione a una pena pecuniaria di 150 aliquote giornaliere da 30 franchi, pari a 4500 franchi, sospesa per due anni. Deve inoltre pagare una multa di 900 franchi. Il decreto d'accusa è esecutivo. A suo carico anche le spese procedurali (2500 franchi) e legali (7615 franchi). Entrambe le parti hanno chiesto congiuntamente che il contenuto delle accuse sia tenuto segreto per questioni di privacy.

Cancellazione dati, prassi legittima

La cancellazione dei dati sui computer dell'autrice è una prassi del tutto legittima e assolutamente normale. Così come l'arma del delitto viene confiscata nel caso di un crimine violento o gli stupefacenti nei casi di droga, in vicende di questo tipo i dati vengono cancellati, ha indicato oggi all'agenzia Keystone-ATS l'Ufficio federale di polizia (Fedpol), in qualità di autorità esecutiva dell'MPC.

Secondo il Codice di procedura penale, l'MPC può ordinare il sequestro, la confisca o la distruzione - in questo caso la cancellazione - degli oggetti che sono stati utilizzati per commettere un reato. Fedpol ha precisato che i dati sono stati eliminati dai supporti solo quando non erano più rilevanti ai fini del procedimento.

Diversi passaggi del decreto d'accusa che condanna la donna sono stati anneriti in modo da essere illeggibili. Questa prassi è sostenuta dal Tribunale federale (TF) per proteggere la sfera privata degli interessati. Non si tratta in alcun modo di un trattamento speciale per il consigliere federale, hanno sottolineato oggi il MPC e l'avvocato di Berset, Patrik Eisenhut.

Il decreto d'accusa è stato pubblico per 30 giorni, come prevede la legge, ha affermato Eisenhut a Keystone-ATS. In base a una sentenza della TF del 2016, è consentito rendere anonimo un documento di questo tipo se sono lesi i diritti personali di terzi. Nel caso specifico, si tratta di quelli della vittima Alain Berset.

Oltre ai dati personali, sono state oscurate le dichiarazioni dell'autrice del ricatto, false e da lei ritrattate, ha spiegato l'avvocato. Se questo non fosse stato fatto, la diffamazione sarebbe stata ancora più grande, una prospettiva inaccettabile per la vittima. Eisenhut ha aggiunto che l'annerimento dei passaggi è conforme al codice di procedura penale e sarebbe stato applicato anche a un privato cittadino.

© Regiopress, All rights reserved