NJ Devils
1
PHI Flyers
0
1. tempo
(1-0)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
0
1. tempo
(0-0)
BOS Bruins
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
ANA Ducks
TOR Leafs
02:00
 
tentata-estorsione-a-berset-inchiesta-sul-ruolo-dell-mpc
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
consiglio di stato
7 ore

Friburgo: la destra mantiene la maggioranza

Dopo un primo turno favorevole a socialisti e Verdi, con quattro candidati tra i primi sette, alla fine il risultato è stato ribaltato
votazioni cantonali
7 ore

A Zurigo legge sull’energia pulita, in Vallese stop ai predatori

A Ginevra si potranno destituire i consiglieri di Stato, eredità del caso Maudet. A Basilea Campagna nuovo piano di integrazione per gli stranieri
Svizzera
8 ore

Sì a Legge Covid e cure infermieristiche. Giustizia, secco No

La modifica della Legge Covid passa con il 62%; 61% e maggioranza dei cantoni per le cure infermieristiche. No al 68,1% per il sorteggio dei giudici
Svizzera
11 ore

Nasce ‘Aufrecht Schweiz’, il movimento politico corona-scettico

Gli oppositori alle misure anti-Covid, fra cui gli ‘Amici della Costituzione’, si uniscono in un movimento con l’obiettivo di entrare nelle istituzioni
Svizzera
13 ore

Verso il Sì alla Legge Covid-19. Segui i risultati in diretta

Secondo le prime tendente, si profila un Sì per Legge Covid-19 e cure infermieristiche, No al sorteggio dei giudici federali
Svizzera
13 ore

Votazioni, polizia erige protezioni attorno a Palazzo federale

Nei giorni scorsi i contrari alle misure anti-Covid avevano lanciato sulle reti sociali appelli per una manifestazione davanti al Parlamento
Svizzera
15 ore

‘La nuova variante si diffonderà anche in Svizzera’

A dirlo è la presidente della task force Covid-19 del Consiglio federale Tanja Stadler
Svizzera
15 ore

Giornata di votazioni federali e cantonali

A livello svizzero gli oggetti in votazione sono la Legge Covid-19, l’iniziativa ‘Per cure infermieristiche forti’ e l’iniziativa sulla giustizia
Svizzera
16 ore

Svizzera, la maggioranza è a favore dell’obbligo di vaccinazione

Lo rivela un sondaggio pubblicato dal SonntagsBlick. Il 63% degli interrogati vorrebbe l’introduzione della regola 2G (vaccinato o guarito)
Svizzera
23.11.2020 - 13:580
Aggiornamento : 14:44

Tentata estorsione a Berset, inchiesta sul ruolo dell'Mpc

L'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico vuole chiarire se esso ha seguito le regole nel caso della denuncia del ministro dell'interno

a cura de laRegione

Un'inchiesta è stata aperta allo scopo di "chiarire la condotta del Ministero pubblico della Confederazione in questa vicenda", ha indicato il responsabile della segreteria dell'AV-MPC in una risposta al quotidiano vodese "24 Heures", di cui l'agenzia Keystone-ATS possiede una copia.

È attualmente difficile prevedere il tempo che occorrerà per ottenere i risultati dell'inchiesta, si legge sul sito internet di "24 Heures".

I chiarimenti dell'Autorità di vigilanza sono attesi con ansia anche dalla sottocommissione "Tribunali/MPC" delle Commissioni della gestione delle Camere federali. Dopo tali chiarimenti verrà deciso se sarà il caso di agire, ha dichiarato a Keystone-ATS la consigliera nazionale e presidente della sottocommissione Manuela Weichelt-Picard (Verdi/ZG). L'ecologista zughese ha peraltro confermato le informazioni diffuse oggi da "24 Heures".

La vicenda

Nel dicembre del 2019 Alain Berset è stato vittima di un tentativo di estorsione da parte di una donna. Il consigliere federale ha sporto denuncia al Ministero pubblico della Confederazione. Ciò ha portato a un arresto e all'apertura di un procedimento penale, conclusosi con una condanna definitiva lo scorso settembre.

Il caso è stato reso pubblico nel fine settimana dalla "Weltwoche" ed è stato confermato dallo stesso MPC. Stando a un decreto d'accusa risalente al 14 settembre 2020, la donna ha minacciato Berset di divulgare foto e corrispondenza privata tra lei e il ministro. In cambio voleva 100'000 franchi. Berset ha sporto denuncia e la donna è stata arrestata il 13 dicembre 2019.

Il giorno prima, la stessa ha inviato una lettera al consigliere federale nella quale affermava che ritirava la sua richiesta di 100'000 franchi e che la sua accusa non corrispondeva alla realtà. Restituiva inoltre gli originali dei documenti che gli aveva inviato per e-mail.

Secondo il MPC, questa rinuncia giustifica una riduzione della pena. La donna ha firmato una dichiarazione lo scorso giugno con la quale accettava di far cancellare completamente tutti i dati dagli apparecchi da lei usati.

È stata condannata per tentata d'estorsione a una pena pecuniaria di 150 aliquote giornaliere da 30 franchi, pari a 4500 franchi, sospesa per due anni. Deve inoltre pagare una multa di 900 franchi. Il decreto d'accusa è esecutivo.

A suo carico anche le spese procedurali (2500 franchi) e legali (7615 franchi). Entrambe le parti hanno chiesto congiuntamente che il contenuto delle accuse sia tenuto segreto per questioni di privacy.

Cancellazione dati, prassi legittima

La cancellazione dei dati sui computer dell'autrice è una prassi del tutto legittima e assolutamente normale. Così come l'arma del delitto viene confiscata nel caso di un crimine violento o gli stupefacenti nei casi di droga, in vicende di questo tipo i dati vengono cancellati, ha indicato ieri all'agenzia Keystone-ATS l'Ufficio federale di polizia (Fedpol), in qualità di autorità esecutiva dell'MPC.

Secondo il Codice di procedura penale, l'MPC può ordinare il sequestro, la confisca o la distruzione - in questo caso la cancellazione - degli oggetti che sono stati utilizzati per commettere un reato. Fedpol ha precisato che i dati sono stati eliminati dai supporti solo quando non erano più rilevanti ai fini del procedimento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved