laRegione
Nuovo abbonamento
svizzera-via-il-limite-di-mille-persone-da-ottobre
La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga assieme ai colleghi di governo Alain Berset e Guy Parmelin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Sommaruga informerà l'Ue sull'esito della votazione

Il Consiglio federale non si esprime sulle prospettive del negoziato per l'accordo quadro
Svizzera
15 ore

Coronavirus, in Svizzera 782 nuovi casi in tre giorni

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 52'646. Durante il fine settimana si sono verificati altri due decessi e 26 ricoveri
Svizzera
16 ore

Jet da combattimento, le donne lo avrebbero abbattuto

Il 55% delle votanti ha infatti ieri deposto un "no" nell'urna, stando a un sondaggio di Tamedia. Esattamente opposta è stata invece la posizione degli uomini
Svizzera
17 ore

Incidente della circolazione con esito letale a Liestal

Morto un motociclista diciassettenne scontratosi frontalmente con un automobilista diciannovenne
Svizzera
17 ore

Deraglia un treno a Echallens: nessun ferito ma notevoli disagi

Fuori dai binari un convoglio regionale della linea Losanna-Echallens-Bercher. Ancora ignote le cause del sinistro
Svizzera
17 ore

Votazioni, uno schiaffo per i democentristi

All'indomani delle votazioni federali, la stampa svizzerotedesca e romanda usa toni forti per sottolineare la débâcle dell'Udc
Svizzera
1 gior

Sciaffusa, avanzano gli ecologisti alle cantonali

Hanno guadagnato un seggio anche gli evangelici del PEV mentre ne hanno perso uno ciascuno UDC, PS e PLR
Svizzera
1 gior

Dopo il voto sulla caccia è valzer di reazioni

Se Gysin (Verdi) è 'molto soddisfatta' e spera 'in un cambio di paradigma', Regazzi (Ppd) è 'preoccupato'. E dice: ‘Spero che non ci arrivi una fattura salata'
Svizzera
1 gior

Aerei da combattimento, il sì prevale per 10mila voti

I sondaggi della vigilia davano ampiamente vincente il credito da sei miliardi. Alla fine solo il 50,2% lo ha accettato
Svizzera
1 gior

Bocciata a fil di lana la legge sulla caccia

Il 51,93% dei votati ha respinto il testo in votazione che permetteva, a determinate condizioni, l'abbattimento dei grandi predatori tra cui il lupo
Svizzera
1 gior

Votazioni, risultati finali: sì solo a jet e congedo paternità

Bocciata l'iniziativa dell'Udc sulla fine della libera circolazione con l'Ue. No anche alla modifica della legge sulla caccia e alle deduzioni fiscali
Svizzera
1 gior

Argovia, No alla legge sull'energia, per riduzione CO2

Inoltre Svitto boccia le classi bilingui tedesco/inglese mentre a Nidvaldo l'imposta sugli utili delle imprese scende dal 6% al 5,1%
Iniziativa udc per la limitazione
1 gior

Le reazioni al voto: bene il no, ma i problemi rimangono

Il fronte sindacale chiede più protezione del mercato del lavoro ticinese. Vitta: 'Soluzioni per il Ticino concordate a livello nazionale'
Svizzera
1 gior

Berna pioniera nel finanziamento trasparente dei partiti

La città è la prima in Svizzera ad introdurre un regolamento sul finanziamento dei partiti politici, accolto oggi dall'88% dei votanti
Svizzera
1 gior

A Ginevra luce verde al salario minimo di 23 franchi l'ora

L'iniziativa dei sindacati è stata accolta dal 54,2% dei votanti ginevrini.
Svizzera
1 gior

A Lucerna i proprietari dovranno indicare la vecchia pigione

Votazione cantonale a Lucerna, il 50,11 % dei votanti accetta l'iniziativa dell'associazione dei locatari. È l'ottavo cantone a introdurre questa misura
Svizzera
1 gior

Votazioni: le prime proiezioni dicono 'no' all'iniziativa Udc

'Luce verde', stando ai risultati dell'istituto demoscopico Gfs.bern, al congedo paternità. Verso un rifiuto della modifica della legge sull'imposta federale diretta
Svizzera
1 gior

Votazioni federali, les jeux sont faits

Chiuse alle 12 le urne. La popolazione si è espressa su cinque oggetti, fra cui la libera circolazione, gli aerei da combattimento e la legge sulla caccia
Svizzera
1 gior

Equità per donne e minoranze, Maurer passava oltre

Il ministro democentrista delle Finanze voleva abolire i criteri per la garanzia di un equilibrio nell'Amministrazione federale
Svizzera
1 gior

Covid-19, procedure di vigilanza contro i medici scettici

Quattro cantoni sorveglieranno i professionisti che eludono o si oppongono alle misure di protezione adottate da Berna
Svizzera
1 gior

‘Il virus è sulla strada di una normale influenza’

Stupefacente cambio di rotta della Confederazione, che con il suo epidemiologo Salathé sgonfia la tensione che grava sul Covid-19
Svizzera
1 gior

Nidwaldo, fermato camionista con 1,4 per mille

Era alla guida di un camion lituano ed è stato fermato ieri sera dalla polizia cantonale nidwaldese
Svizzera
1 gior

In Svizzera una domenica alle urne

La popolazione ha ancora alcune ore per esprimersi sui cinque oggetti federali in votazione
Svizzera
2 gior

Berna non fa marcia indietro: Liguria zona a rischio

L'Ufficio federale della sanità pubblica ritiene impossibile distinguere tra province. Da lunedì, quarantena per chi rientra dalla regione italiana
Svizzera
12.08.2020 - 15:000
Aggiornamento : 18:45

Svizzera, via il limite di mille persone da ottobre

Il Consiglio federale ha prorogato fino a fine settembre il divieto di grandi manifestazioni. Ma l'ultima parola spetta ai cantoni

In Svizzera, a partire da ottobre sono nuovamente consentiti grandi eventi con più di mille persone. Lo ha deciso questa mattina il Consiglio federale, prorogando di un mese il divieto attualmente in vigore «per permettere ai Cantoni di prepararsi», ha precisato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga.

Gli eventi dovranno tuttavia disporre di severe misure di protezione ed essere approvate dai Cantoni. Nelle prossime due settimane la Confederazione intende collaborare con i Cantoni per elaborare criteri uniformi. «Non è un via libera a tutti – ha precisato Sommarigo –. Ogni allentamento porta a nuove responsabilità e in questo caso devono essere assunte dal settore dello sport e della cultura».

Un mese di divieto in più

«Abbiamo deciso di rimandare di un mese la fine del divieto di manifestazioni con al massimo mille persone perché le nuove infezioni in Svizzera mostrano cifre di una certa importanza – ha rilevato Alain Berset, capo del Dipartimento federale dell’interno (oggi l'aumento è stato di 274, ai livelli di metà aprile) –. La situazione è sotto controllo, ma dobbiamo evitare che esploda. Vogliamo vedere cosa succede con i numerosi ritorni dalle vacanze delle prossime settimane e con la riapertura delle scuole: il virus è sempre presente e la situazione resta fragile e incerta. C'è inoltre bisogno di tempo anche per prepararci bene con i cantoni a  questo passo». Da evitare, ha aggiunto Berset «quelle grandi manifestazioni con dei "grandi contaminatori". Vogliamo trovare un cammino per permettere di tenere queste manifestazioni, evitando però di mettere in pericolo quanto raggiunto nella lotta al Covid-19 con le dure misure di marzo e aprile. Tutto funzionerà se tutti rispetteranno le regole: tenere le distanze, indossare le mascherine se non si può stare lontani, mettersi in quarantena se si ritorna da paesi a rischio». 

La decisione odierna del Consiglio federale può far tirare un primo grosso sospiro di sollievo alle federazioni sportive professionistiche e al settore dell'organizzazione di eventi. Un mantenimento a lungo termine del divieto di organizzare manifestazioni con oltre mille partecipanti era stato criticato da chi opera nel settore, poiché avrebbe compromesso la capacità finanziaria degli attori in gioco.

Nei prossimi giorni, il Consiglio federale incontrerà «le grandi federazioni sportive (hockey e calcio in primis, ndr.) per discutere della situazione», ha aggiunto Berset, sollecitato sul fatto che i campionati di hockey e calcio dovrebbero riprendere a metà settembre, quindi due settimane prima della fine del divieto delle grandi manifestazioni. «Questi termini sono già abbastanza "sportivi" (rapidi, ndr.). Quello che conta per noi è che i concetti di protezione siano sviluppati e implementati in maniera efficace e che i cantoni abbiano abbastanza capacità di tracciamento per affrontare i casi peggiori».

Situazione epidemiologica determinante

Come detto, poter autorizzare eventi con più di mille partecipanti, i Cantoni devono tenere conto della loro situazione epidemiologica e delle loro capacità di ricostruire le catene di contagio. 

Con questo prudente allentamento, sostiene l'esecutivo, il Consiglio federale intende "evitare un peggioramento della situazione epidemiologica tenendo conto delle esigenze della popolazione e degli interessi economici delle società sportive e degli organizzatori di manifestazioni culturali".

Il governo ha difeso la propria posizione, affermando che non tutti i grandi eventi comportano gli stessi rischi dal momento che vi sono manifestazioni importanti in cui la distanza minima può essere ampiamente mantenuta.

Proroga fino a fine settembre

Gli eventi con più di mille persone sono stati vietati in Svizzera dal 28 febbraio 2020, nel tentativo di contenere la pandemia allora non sotto controllo. Il divieto, che si applica fino al 31 agosto, è stato prorogato di un mese fino alla fine di settembre in modo da permettere ai Cantoni di avere più tempo per preparare il regime di approvazione e, se necessario, aumentare le capacità di rintracciamento dei contatti.

Non si ascolta più la tark-force?

Settimana scorsa, il capo della task-force della Confederazione contro il Covid-19, Martin Ackermann, aveva criticato la riapertura delle grandi manifestazioni di fronte ai dati epidemiologici attuali. Aveva inoltre caldeggiato una diminuzione da mille a 100 persone il limite massimo di partecipanti, è stato fatto notare a Berset. «Non si ascoltano più gli esperti?», è stato chiesto al consigliere federale. «La politica fa della politica: cerchiamo di prendere decisioni ascoltando tutti, tentando di trovare il miglior percorso – ha commentato Berset –. Già nel pieno della pandemia alcuni esperti suggerivano di chiudere tutto per molto tempo. Abbiamo dimostrato che si può tenere sotto controllo la situazione pur senza mantenere» il lockdown. Dopo sei mesi di pandeimia «si impara a convivere con il virus», ha aggiunto.

Sugli aerei, obbligatoria la mascherina

Intanto da metà agosto sarà obbligatorio indossare una maschera anche sugli aerei. La misura riguarda tutti i voli di linea e charter che decollano o atterrano in Svizzera, indipendentemente dalla compagnia aerea.

Dal 6 luglio è già obbligatorio indossare una maschera nei trasporti pubblici.

Il Consiglio federale ha inoltre deciso che i diplomatici stranieri siano esentati dall'obbligo di quarantena se il loro ingresso è necessario per il corretto funzionamento delle ambasciate. Anche i diplomatici svizzeri sono ora esenti dalla quarantena per le necessarie attività ufficiali.

Chiesto un credito aggiuntivo di 31,6 milioni per le spese dell'Ufsp

La crisi del coronavirus, nel corso degli ultimi mesi, ha comportato spese e costi non indifferenti per tutti i settori. Anche l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) si è trovato confrontato con diverse spese, tra cui lo sviluppo dell'app SwissCovid, la gestione della hotline e l'allestimento delle campagne informative. Per questo motivo, il governo ha chiesto un credito aggiuntivo di 31,6 milioni di franchi per la gestione della pandemia di Covid-19.

Disoccupazione, da settembre restano solo poche misure straordinarie

Intanto, ha fatto sapere il consigliere federale Guy Parmelin, l'assicurazione contro la disoccupazione ha pagato una cifra record di indennità per lavoro ridotto a causa del Covid-19 e rischia di raggiungere il limite di indebitamento. Per evitare un aumento dei contributi salariali, il Consiglio federale chiede al parlamento un credito supplementare fino a 14,2 miliardi. Nel frattempo saranno abrogate la maggior parte delle disposizioni speciali relative alla disoccupazione.

Disposizioni speciali abrogate

A partire dal primo settembre gran parte delle misure straordinarie decise nel settore della disoccupazione e del lavoro ridotto saranno abrogate, come già annunciato il 20 maggio. In questo momento ci sono 50'000 disoccupati in più rispetto allo scorso anno, ma negli ultimi mesi la situazione si è stabilizzata, ha detto Parmelin. Le indennità per lavoro ridotto sono il principale strumento per stabilizzare il mercato del lavoro e funzionano bene, ha aggiunto.

In base alla vecchia ordinanza le imprese che tra il 1° marzo e il 31 agosto hanno subito una perdita di lavoro superiore all’85% potevano superare il limite dei quattro periodi di indennità per lavoro ridotto. Dal 1° settembre invece torna in vigore la regolamentazione usuale che non prevede eccezioni al limite. Inoltre il testo prevede la possibilità di richiedere le indennità di lavoro ridotto anche per i dipendenti che si sono dedicati alla formazione degli apprendisti, anche se formalmente non hanno interrotto il lavoro.

Il Consiglio federale propone infine di mantenere procedure sommarie per la richiesta del lavoro ridotto fino a fine anno. Questo facilita la vita nei cantoni che hanno dovuto affrontare una valanga di richieste, ha spiegato Guy Parmelin. Lascia un lasso di tempo supplementare per trovare soluzioni e tornare al regime ordinario nel 2021.

La modifica dell'ordinanza dovrebbe entrare in vigore il primo settembre, ma solo se il Parlamento adotterà la relativa legge, ha precisato ancora il consigliere federale.

© Regiopress, All rights reserved