laRegione
Nuovo abbonamento
senza-accordo-quadro-accesso-al-mercato-solo-se-serve-all-ue
Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Ue (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Ecco cosa ha in mente il governo per alleggerire Via Sicura

La revisione proposta oggi garantirebbe maggiore autonomia ai giudici e punta al rispetto del principio di proporzionalità.
Svizzera
7 ore

Aeroporto di Zurigo, passeggeri in calo del -78%

Effetto Covid, su base annua drastico calo di chi parte, arriva o transita. Va meglio con le merci. Luglio traffico triplicato rispetto a giugno
Svizzera
9 ore

Sette morti per avvelenamento in Svizzera nel 2019

Secondo i dati di tox info suisse, cinque persone sono decedute per droga, una a causa di un erbicida, mentre l'ultimo caso è legato a un cosmetico
Svizzera
9 ore

Trasporti pubblici, da Berna una stampella da 700 milioni

Il Consiglio federale vuole aiutare le imprese di trasporto a coprire i deficit dovuti al calo di domanda dovuta al coronavirus
Berna
9 ore

Berna, cadavere di una 22enne nel fiume Aare

Il corpo senza vita di una ragazza eritrea è stato rinvenuto ieri. Potrebbe trattarsi di un annegamento.
Svizzera
11 ore

Svizzera, via il limite di mille persone da ottobre

Il Consiglio federale ha prorogato fino a fine settembre il divieto di grandi manifestazioni. Ma l'ultima parola spetta ai cantoni
Svizzera
11 ore

Covid, la Confederazione prevede un deficit di 3,1 miliardi

Le stime di Berna per il 2020 vedono calare le entrate di 5,2 miliardi. La pandemia dovrebbe costare all'erario 17,8 miliardi
Svizzera
14 ore

Coronavirus, in Svizzera balzo dei contagi: 274

Nelle ultime 24 ore si sono registrate anche 12 nuove ospedalizzazioni. Un ulteriore decesso.
Svizzera
17.01.2019 - 18:450

Senza accordo quadro, accesso al mercato solo se serve all'Ue

È quanto prevede una direttiva interna alla Commissione europea risalente a una settimana fa

Quanto annunciato a metà dicembre dal commissario europeo Johannes Hahn è ora confermato per iscritto: secondo una direttiva interna della Commissione europea, in futuro in assenza di un accordo quadro con la Svizzera le intese di accesso al mercato saranno attualizzate solo se nell'interesse dell'Ue.

È quanto emerge da una missiva interna, riferisce oggi la 'Neue Zürcher Zeitung', scritto di Keystone-Ats ha una copia.

La direttiva, firmata da Martin Selmayr, segretario generale della Commissione Ue, e Clara Martinez, capo di gabinetto del presidente della Ue Jean-Claude Juncker, risale a una settimana fa, il 10 gennaio.

Il testo invita i direttori generali nonché i capi di gabinetto e di servizio, a non avviare "alcun nuovo negoziato" sui dossier che consentono alla Svizzera di accedere al mercato interno dell'Ue, sia per quanto riguarda nuove intese che per l'attualizzazione di quelle vecchie. Ad essere interessati sono gli accordi sulla libera circolazione delle persone, sull'agricoltura, sulle barriere non tariffarie e sui trasporti terrestri e aerei. Nella direttiva sono esplicitamente menzionate anche le decisioni sull'equivalenza borsistica, importanti per il settore dei servizi finanziari.

"I colloqui e i negoziati in corso vanno sospesi o rinviati fino a quando non sarà stato trovato un risultato soddisfacente per l'accordo quadro", si legge nella lettera. Eccezioni sono possibili solo in caso sussista un interesse superiore dell'Ue o un obbligo giuridico.

Già a metà dicembre scorso Hahn aveva escluso, parlando coi media, ulteriori trattative. Ieri il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione sulla bozza di accordo. In primavera prenderà una decisione.

Rapporto del Consiglio federale

In un rapporto esplicativo pubblicato oggi, il Consiglio federale cerca di fare chiarezza sul tema: "per l'Ue non è fattibile sospendere o rinviare i negoziati (...) In futuro, negoziati istituzionali non saranno certo esclusi, ma necessiteranno da parte dell'Ue di un nuovo mandato negoziale, e non potranno partire prima della metà del 2020".

In questo caso, potrebbe essere necessario partire da zero. "Non c'è nessuna garanzia che l'Ue sia pronta a riprendere il progetto d'accordo esistente come punto di partenza per i futuri negoziati", scrive il governo.

Il Consiglio federale nel suo rapporto elenca le conseguenze negative in caso di bocciatura dell'intesa raggiunta: rottura dei negoziati in corso su dossier relativi ad argomenti come l'elettricità, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare, così come la "reticenza a rinnovare il riconoscimento dell'equivalenza borsistica", che scade a fine giugno. Se gli accordi esistenti non vengono aggiornati regolarmente, esiste poi il rischio di incertezze giuridiche.

© Regiopress, All rights reserved