Sefcovic (Keystone)
Svizzera
18.06.2019 - 18:480

Ue, improbabile la proroga dell'equivalenza per la Borsa svizzera

La Commissione europea frustrata dalla 'mancanza di progressi' dopo 'innumerevoli trattative'

La Commissione europea ha constatato oggi "una mancanza di progressi" con Berna in merito al prospettato accordo istituzionale. Non vi è alcuna necessità immediata di prendere una decisione, ha dichiarato il vicepresidente Maros Sefcovic. L'equivalenza per la Borsa svizzera molto probabilmente non sarà prorogata.

Interrogato da un giornalista, il vicepresidente della Commissione europea ha dichiarato che l'equivalenza scadrà automaticamente il 30 giugno, a meno che Bruxelles non "decida esplicitamente il contrario". "Penso che sia una dichiarazione molto, molto, molto chiara", ha aggiunto.

'Innumerevoli trattive'

Sefcovic ha sottolineato che ci sono state "innumerevoli trattative" con Berna. Juncker ha parlato personalmente 23 volte con quattro presidenti svizzeri, ci sono stati 32 cicli di negoziati e il commissario europeo Hahn, responsabile della politica di vicinato e dei negoziati per l'allargamento, ha perso il conto degli incontri con i rappresentanti elvetici, ha detto. "Abbiamo fatto del nostro meglio", ha aggiunto.

Dal punto di vista dell'autorità di Bruxelles, l'accordo istituzionale è un'intesa equa, mentre "le misure adottate dalla Svizzera negli ultimi mesi sono chiaramente insufficienti", si legge in un documento interno all'UE della Commissione europea, che i giornalisti di Bruxelles hanno potuto visionare. Manca la volontà politica, si afferma nel testo.

L'accordo quadro 'non può essere migliore di così'

"L'eliminazione graduale dell'equivalenza borsistica potrebbe servire da pressante avvertimento", prosegue il documento. Soprattutto in relazione alla Brexit, l'Ue non può tollerare ulteriori "perdite di tempo e diluizioni delle norme sul mercato interno". Ciò che serve ora è un "chiaro messaggio" a Berna che l'accordo quadro "non può essere migliore di così".

Bruxelles è convinta che il Consiglio federale stia guadagnando tempo poiché non è disposto a "fare promesse prima delle elezioni nazionali dell'ottobre 2019". Se ci fossero impegni "credibili e duraturi" da parte di Berna, la Commissione europea sarebbe disposta a riesaminare la situazione. Sefcovic ha assicurato che le porte della Commissione rimangono aperte fino alla fine del mandato, che scade ufficialmente il 31 ottobre.

Esattamente una settimana fa, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si era detto pronto a fornire "chiarimenti" sull'accordo quadro istituzionale, a seguito della richiesta svizzera. Ma aveva indicato che la richiesta di precisazioni doveva giungere entro oggi, 18 giugno, data della riunione della Commissione europea.

Ultima chiamata

Non è ancora troppo tardi per estendere l'equivalenza borsistica. Secondo le informazioni fornite dalla Commissione, gli Stati membri potrebbero prendere una decisione entro cinque giorni, ma hanno bisogno di una raccomandazione positiva da parte dell'esecutivo Ue.

Nel dicembre 2017 l'Unione europea ha concesso per la prima volta alla Borsa svizzera l'equivalenza tecnica per un periodo di tempo limitato. Bruxelles ha legato la proroga all'avanzamento dei negoziati sull'accordo quadro tra la Svizzera e l'Ue. Nel 2018 la Commissione europea ha nuovamente prolungato tale equivalenza fino alla fine di giugno 2019.

Il Consiglio federale nel frattempo ha deciso di introdurre un nuovo obbligo di riconoscimento per le piazze commerciali estere, nel caso l'equivalenza concessa dall'Ue dovesse scadere.

Interpellato da Ats a Ginevra, in occasione della Conferenza del centenario dell'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), il consigliere federale Guy Parmelin si è limitato a dire che il Governo "ne discuterà venerdì" in occasione della sua seduta.

Potrebbe interessarti anche
Tags
accordo
commissione
equivalenza
ue
commissione europea
bruxelles
accordo quadro
berna
borsa svizzera
borsa
© Regiopress, All rights reserved