laRegione
accordo-quadro-consiglio-federale-tra-l-incudine-e-il-martello
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
DISTRUZIONI PER L'USO
12 ore

I libertari d’acqua dolce e le sciocchezze sul coronavirus

Per minimizzare la pandemia e screditare certe contromisure si continua a deformare la realtà. Ed è molto pericoloso
L'ANALISI
12 ore

Hacker russi, cinesi e iraniani contro le Presidenziali Usa

L'America è più protetta dagli attacchi informatici di quattro anni fa, ma le vulnerabilità permangono
Commento
1 gior

Caro Vescovo, e le messe online?

L’appello è rivelatore di quanto sia profondo il disorientamento che si sta manifestando anche in parte del popolo dei credenti.
L'analisi
1 gior

Ferocia jihadista contro la Francia laica

Dalle parole incendiarie di Erdogan all’attentato di Nizza. Fra silenzi e reticenze colpevoli, se non complici.
Commento
2 gior

Lo sport protesta ma non fa eccezione

Le misure del Consiglio federale contro gli assembramenti volte a contenere il numero dei contagi colpiscono duramente lo sport. Duro, ma comprensibile
Commento
3 gior

Ehi raga, okkio, arriva il rumorometro!

Così i rumoristi alla guida si divertiranno ancor più e chi continuerà a subire si arrabbierà ancora di più. A meno che...
Commento
4 gior

Regione che vai, Arp che trovi. Ticinesi trattati diversamente

Autorità regionali di vigilanza perennemente in affanno, con poco personale qualificato e cittadini che non vengono trattati allo stesso modo ovunque
Commento
5 gior

Covid, tante voci e il disorientamento aumenta!

Altro che lettere, l’autorità decida misure appropriate e soprattutto spieghi ai cittadini, convincendoli, perché è necessario fare anche nuovi sacrifici
L'analisi
5 gior

Di mascherine e di libertà

Rimaniamo vigili sul pericolo di una deriva anti-democratica, senza però mettere in pericolo la sicurezza di altri: una risposta alla filosofa Francesca Rigotti.
Commento
1 sett

Bellinzona e la Smart City: attenti al vecchio che resta

Il nuovo Quartiere Officine che rivoluzionerà il comparto sotto la stazione e la necessità di aiutare l'immediata periferia a modernizzarsi
Commento
1 sett

Lo slalom tra tamponi e rinvii dell'hockey

Mentre gran parte dello sport dilettantistico si mette in pausa, nel disco su ghiaccio si va avanti. Ma con calendari azzoppati
Commento
28.09.2020 - 06:000
Aggiornamento : 11:07

Accordo quadro, Consiglio federale tra l’incudine e il martello

Il progetto nel paese è inviso a tutti o quasi. Ma l’alternativa non sarà lo statu quo e rischia di costare cara alla Svizzera

Il netto ‘no’ (61,7%) uscito ieri dalle urne è la riprova che una buona maggioranza delle cittadine e dei cittadini di questo Paese apprezza la libera circolazione delle persone con l’Ue (misure d’accompagnamento incluse), reputa i suoi vantaggi superiori agli svantaggi, la ritiene in fondo più idonea di quegli strumenti di ‘gestione autonoma dell’immigrazione’ (contingenti, tetti massimi, preferenza indigena) cari all’Udc, e che pure approvò per un pelo nel 2014. Non solo. Il risultato del voto sull’iniziativa popolare ‘Per un’immigrazione moderata’ – che in virtù della clausola ghigliottina avrebbe finito per fare carta straccia anche degli altri sei accordi dei Bilaterali I – può essere letto più in generale come un ulteriore beneplacito alla via bilaterale, il prudente cammino che il Consiglio federale scelse di imboccare dopo il ‘no’ di 28 anni fa allo Spazio economico europeo.

Da oggi però si gioca tutta un’altra partita. Una partita importante, perché è difficile pensare che questa via, come l’abbiamo conosciuta sin qui, possa essere percorsa ancora a lungo senza scossoni (leggi: misure di ritorsione più o meno velate da parte dell’Ue). La Commissione europea lo ha ripetuto più volte: nessuna nuova intesa bilaterale, nessuna attualizzazione di quelle (statiche) esistenti, senza un accordo quadro tra Svizzera e Ue che faccia da cornice istituzionale (ripresa dinamica del diritto comunitario, composizione delle controversie, ecc.) ai cinque principali accordi di accesso al mercato esistenti e a quelli futuri. E l’esecutivo europeo ha già mostrato (vedi il temporaneo declassamento della Svizzera nei programmi europei sulla ricerca ‘Orizzonte 2020’ e sulla formazione ‘Erasmus+’) di non avere armi spuntate.

Il fatto è che l’attuale progetto di accordo non ha alcuna chance di ottenere una maggioranza in Parlamento. La stessa consigliera federale Karin Keller-Sutter (Plr) non nasconde il suo scetticismo nei confronti del testo sul tavolo dal dicembre 2018, frutto di cinque anni di trattative. Sulla ‘Nzz’ l’ex consigliere federale Johann Schneider-Ammann ha messo nero su bianco quel che molti pensano, ma che quasi nessuno osava dire: “L’equilibrio tra sovranità statale e accesso al mercato europeo è andato perduto a scapito della Svizzera”. E i partner sociali già a metà agosto hanno segnalato al Consiglio federale, in una lettera rivelata solo venerdì dalla Srf, che nella forma attuale questo accordo non può essere firmato.

Insomma, non si vede come potranno bastare quei “chiarimenti” richiesti dal Consiglio federale sui tre punti in sospeso (misure d’accompagnamento, aiuti statali, direttiva Ue sulla cittadinanza). Servirà con ogni probabilità ben altro: negoziati veri e propri, che facciano venire al pettine i nodi fondamentali (come quello del ruolo affidato alla Corte di giustizia dell’Ue nel previsto meccanismo di composizione delle controversie). L’Ue però non ne vuole sapere. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen lo ha ribadito ieri: chiarimenti sì, ma l’accordo è quello. Punto.

Il Consiglio federale si trova così tra l’incudine di un accordo quadro inviso a tutti o quasi e il martello di una via bilaterale destinata a illanguidire, se non a farsi accidentata. Il Governo prima o poi potrebbe anche optare per quest’ultimo scenario, nella speranza (quanto fondata?) di ricominciare un giorno la partita su un terreno meno scivoloso, su una base meno ambiziosa, magari con nuovi giocatori/negoziatori da mandare a Bruxelles. Il punto è: quale prezzo siamo disposti a pagare per uno statu quo che tale non sarà?

© Regiopress, All rights reserved