ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga

Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
3 ore

Treni fermi tra Landquart e Klosters

Fine pomeriggio di perturbazioni sulla rete ferroviaria dei Grigioni. Il guasto è stato localizzato tra Malans e Schiers
Svizzera
5 ore

Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider

Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
6 ore

In un comune su due installare pannelli solari non conviene

I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
6 ore

Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa

Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
7 ore

Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’

Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
7 ore

La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci

Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
8 ore

Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne

Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
8 ore

Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger

Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
Svizzera
8 ore

Le prestazioni complementari non compromettono il permesso C

Lo ha statuito il Tribunale federale, accogliendo il ricorso di uno spagnolo a cui in prima istanza le autorità avevano revocato lo statuto
Svizzera
11 ore

Per la Rega nel 2022 un numero da record di pazienti soccorsi

Le oltre 14’000 persone aiutate lo scorso anno sono la cifra più alta nei 70 anni di storia della Guardia aerea svizzera di soccorso
Svizzera
1 gior

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
1 gior

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
1 gior

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
1 gior

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
1 gior

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
1 gior

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
1 gior

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
22.10.2018 - 16:57

Educare i figli: 'L'alternativa al ceffone c'è'

La fondazione Protezione dell'infanzia lancia una campagna di sensibilizzazione dei genitori. Secondo uno studio il 44% ricorre a punizioni fisiche

a cura de laRegione
educare-i-figli-l-alternativa-al-ceffone-c-e
(foto Protezione dell'infanzia)

Un video, quanto mai eloquente, per un messaggio che intende entrare in punta di piedi nelle famiglie e far riflettere sulle pratiche educative. Con 'Idee di bambini forti per genitori forti: c’è sempre un’alternativa alla violenza', la fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera lancia, infatti, una campagna di sensibilizzazione pluriennale a livello svizzero. “I figli – si spiega in una nota – non si comportano sempre come vorrebbero i genitori e così nascono scenate, discussioni”: Di conseguenza, mamma e papà si mettono a urlare o peggio ancora. “In molte famiglie che vivono in Svizzera  – ricorda la fondazione –, le punizioni, che feriscono nel corpo e nella psiche, usate come metodi educativi sono all’ordine del giorno e purtroppo per molte di loro fanno ancora parte delle pratiche educative”.

Ecco che la campagna “si prefigge di stimolare il dibattito pubblico sull’argomento e di spingere l’opinione pubblica ad agire e a cambiare mentalità”. E lo fa prendendo spunto da un recente studio dell’università di Friborgo sul comportamento punitivo dei genitori che vivono nel nostro Paese e sui principi dell’educazione autorevole. Nel breve video proposto alcuni bambini che vivono in Svizzera raccontano come reagiscono i loro genitori quando non ubbidiscono o ne combinano una. “Si capisce subito che tuttora molti genitori infliggono regolarmente punizioni dolorose o umilianti quando, nello svolgere il loro compito educativo, si trovano confrontati con situazioni stressanti”. La sofferenza dei bambini è evidente.

 

Alternative per i genitori

Cambiando la prospettiva, la campagna di sensibilizzazione dà spazio alla presa di coscienza e a idee nuove. “I genitori – richiama la fondazione – si riconosceranno nelle testimonianze dei bambini, perché si riferiscono a situazioni stressanti che devono affrontare nella loro quotidianità educativa e che spesso li portano a confrontarsi con i propri limiti”. Ma come migliorare il proprio comportamento in queste situazioni?

Molti genitori si chiedono: «Come faccio, nel mio ruolo di madre o di padre, a non perdere il controllo e a evitare di usare parole inadeguate o di passare alle maniere forti?». Protezione dell’infanzia Svizzera lo ha chiesto ai bambini. Anche se apparentemente semplici, le 'Idee di bambini forti per genitori forti: c’è sempre un’alternativa alla violenza' sono molto efficaci: «Dai mamma, conta fino a dieci» oppure «Papà, mangia un po’ di cioccolata», sono proposte creative dei bambini, che mostrano ai loro genitori che fermarsi un momento può aiutarli a reagire in maniera tranquilla e ponderata. “L’obiettivo è indurre un cambiamento di prospettiva nella società, che migliori la consapevolezza di quello che provano i bambini e i genitori, e che fornisca a tutte le figure educative spunti per ridurre la tensione nelle situazioni difficili”.

«La campagna di sensibilizzazione vuole affrontare, senza giudicarla o criminalizzarla, la norma sociale al momento predominante in Svizzera secondo la quale 'quando ci vuole, ci vuole'. Dopo aver punito i propri figli, la maggior parte degli adulti è tutt’altro che serena e felice. Spesso i genitori si comportano così perché non sanno che altro fare. È proprio su questa difficoltà che la campagna intende intervenire. È giunto il momento di cambiare i valori una volta per tutte e di mostrare i vantaggi dell’educazione non violenta», afferma Xenia Schlegel, direttrice della fondazione Protezione dell’infanzia Svizzera.

Risultati scioccanti

Nell’ambito dello studio rappresentativo condotto dall’università di Friborgo, un campione di genitori che vivono nel nostro Paese sono stati interpellati sulle loro pratiche educative. Oltre a «sgridare» e «vietare l’uso dei media elettronici» - misure adottate molto spesso - sono stati elencati altri metodi educativi che per gli studiosi rientrano tra gli atti di violenza. È così risultato che il 44,4% dei genitori ricorre alla violenza fisica (per es. tirano i capelli ai propri figli, li picchiano, li sculacciano, fanno loro una doccia fredda). La frequenza e la forma di questi atti variano, però, parecchio da un caso all’altro: un genitore su venti (il 5,79%) ricorre spesso alla violenza fisica, mentre uno su tre la usa di rado. Di conseguenza, degli oltre 1,2 milioni di bambini tra uno e quindici anni che vivono in Svizzera, più di 550mila hanno già subito punizioni corporali.

La violenza psicologica (per es. rinchiudere un bambino in una camera, minacciarlo, negargli l’amore o urlargli contro) viene utilizzata molto più spesso come misura educativa: il 68,6% dei genitori interpellati vi ha già fatto ricorso, mentre il 25,15% ammette di ricorrervi regolarmente o molto spesso. Ne consegue, quindi, che in Svizzera 310mila bambini sono confrontati regolarmente con pratiche educative basate sulla violenza psicologica.

Gli esperti sono concordi nell’affermare che le cifre non registrate riguardanti la violenza fisica e quella psicologica perpetrate in Svizzera sono di gran lunga più elevate. Tutte le forme di violenza a cui i genitori ricorrono nell’ambito del loro compito educativo hanno conseguenze particolarmente negative, che pregiudicano la salute psicofisica e lo sviluppo dei bambini. Il mondo scientifico è concorde nell’affermare che a breve termine le punizioni potranno anche funzionare, ma a lungo termine producono gravi danni. Tutte le forme di violenza in ambito educativo, infatti, hanno in comune un fatto: violano i limiti del bambino, che in tal modo impara che non ci sono limiti. Di conseguenza, i bambini non sviluppano la capacità di riconoscere i loro limiti e quelli degli altri.

“Nella quotidianità con i bambini ci vuole carattere e costanza – conclude la fondazione –. Educare senza punire non significa che i bambini vengano abbandonati a se stessi o che possano fare tutto quello che vogliono. I bambini forti hanno bisogno di genitori forti, di genitori disposti a porre dei limiti ai propri figli amorevolmente e tenendo conto della loro età”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved