nuova-autopostale-si-parte
La strada non è comoda
16.10.2018 - 14:10

'Nuova' AutoPostale, si parte

Terminata la procedura di consultazione sulla nuova organizzazione. Sessantasette dipendenti hanno espresso preoccupazioni e desideri

a cura de laRegione

La Posta ha discusso e approvato i risultati della procedura di consultazione relativa alla nuova organizzazione AutoPostale. Nel quadro della procedura di consultazione, i collaboratori e le collaboratrici hanno trasmesso 67 riscontri. Lo ha comunicato AutoPostale, secondo cui "oltre la metà delle proposte tiene conto e integra AutoPostale nella nuova organizzazione". Thomas Baur, responsabile AutoPostale ad interim, "ringrazia il personale per la sua collaborazione costruttiva e impegnata".

Il 10 settembre 2018 AutoPostale ha avviato la procedura di consultazione della durata di due settimane relativa alla nuova organizzazione in programma. I collaboratori che hanno sfruttato, entro il termine stabilito, la possibilità di presentare delle proposte, sono appunto stati 67. Oltre la metà di queste proposte possono essere integrate e ulteriormente concretizzate nell’ambito della nuova organizzazione di AutoPostale.

Tra le proposte figuravano ad esempio contributi relativi all’insediamento organizzativo di attività IT e affini all’interno del nuovo organigramma di AutoPostale. Nell’ambito della procedura di consultazione, i collaboratori hanno affrontato anche il tema dell’occupazione dei posti vacanti, richiedendo di attribuirli, ove possibile, a collaboratori interni. Sono state, inoltre, auspicate misure di attenuazione per i collaboratori interessati dai cambiamenti. Fra l'altro è emerso il desiderio di promuovere il lavoro in mobilità. "Queste proposte vengono supportate dalla direzione AutoPostale e saranno tenute in considerazione durante l’attuazione della nuova organizzazione", si legge nella nota.

Con la conclusione della procedura di consultazione e il via libera da parte del gruppo, la nuova organizzazione di AutoPostale "può ora essere attuata in modo definitivo" e dovrebbe concludersi entro il primo trimestre dell'anno prossimo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved