autopostale-una-riorganizzazione-da-40-a-60-posti-in-meno
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 min

Disoccupazione cala al 2%, minimo da oltre 20 anni

In Ticino si contano 3’879 persone senza lavoro: il tasso è del 2,3%. I dati Seco, però, non tengono conto di chi ha esaurito il diritto alle prestazioni.
Svizzera
3 ore

‘In Ucraina le infrastrutture di base sono duramente colpite’

Guerra, emergenza umanitaria, ricostruzione: intervista a Martin Schüepp, Direttore delle Operazioni del Comitato internazionale della Croce Rossa
Svizzera
17 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
17 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
21 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
22 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
23 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
10.09.2018 - 11:42
di Ats/Red

Autopostale, una riorganizzazione da 40 a 60 posti (in meno)

Per Syndicom, preso atto della bontà della scelta di rivedere le strutture, i licenziamenti sono un annuncio 'totalmente incomprensibile'

Dopo lo scandalo delle sovvenzioni, AutoPostale procede a una riorganizzazione che porterà fra le altre cose alla soppressione di 40-60 impieghi, circa il 2% degli effettivi. L’impresa punta su fluttuazioni naturali e prepensionamenti, ma non esclude licenziamenti. I tagli non sono legati a ragioni economiche, si legge in un comunicato odierno dell’azienda, ma piuttosto ad una riorganizzazione strategica in seguito alla quale verranno meno alcuni settori di attività e vi sarà uno "sfruttamento delle sinergie".

La riorganizzazione comporta diversi cambiamenti per i collaboratori: a causa di un rafforzamento della presenza nelle regioni, è possibile che nei settori amministrativi si verifichino modifiche nei profili e nelle competenze, così come nelle condizioni d’impiego. Per i dipendenti cambierà poi il datore di lavoro giuridico, in seguito allo scioglimento della struttura holding e dell’accorpamento delle attuali cinque società di AutoPostale in un’unica unità (AutoPostale SA). La consultazione prescritta per legge verrà condotta a partire da oggi fino al 23 settembre. I collaboratori interessati hanno il diritto di sottoporre proposte "per evitare eventuali disdette del rapporto di lavoro o altre modifiche alle condizioni d’impiego, limitarne il numero o attenuarne le conseguenze". Potranno anche avanzare proposte sulla futura struttura dell’azienda. A ottobre verranno prese le decisioni finali. "Siamo consapevoli del fatto che le modifiche previste possono dare adito a incertezze e timori tra i collaboratori. Ma è nostra premura condurre il processo in modo rapido e trasparente", ha detto il responsabile ad interim di AutoPostale Thomas Baur, citato nella nota. La società "prende molto sul serio la responsabilità sociale legata ai cambiamenti previsti e intrattiene un dialogo intenso con i collaboratori e le parti sociali", ha aggiunto.

Syndicom: 'Un po' di stima, anziché minacce di licenziamento'

Il fatto che AutoPostale voglia rivedere le strutture e aumentare la presenza nelle regioni è positivo, se questo condurrà ad un aumento della trasparenza, ha affermato Syndicom. Tuttavia, il sindacato si dice irritato dal fatto che l’azienda non escluda licenziamenti. In un comunicato l’organizzazione sottolinea che il 2% di impieghi che sembrano essere a rischio possono essere assorbiti da una buona pianificazione. Nel corso della consultazione si farà quindi pressione affinché nessun licenziamento venga pronunciato. "La direzione di AutoPostale farebbe bene a vivere realmente la responsabilità sociale nei confronti del personale anziché ribadirla solo a parole. Questa è l’unica maniera per recuperare una fiducia ormai incrinata dei suoi dipendenti", ha detto Sheila Winkler, segretaria centrale e responsabile del dossier di AutoPostale presso Syndicom, citata nel comunicato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved