taglio-di-500-dipendenti-per-postfinance
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

‘In Ucraina le infrastrutture di base sono duramente colpite’

Guerra, emergenza umanitaria, ricostruzione: intervista a Martin Schüepp, Direttore delle Operazioni del Comitato internazionale della Croce Rossa
Svizzera
15 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
15 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
20 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
20 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
21 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
1 gior

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
1 gior

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior

Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio

Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
05.06.2018 - 10:37
di Ats

Taglio di 500 dipendenti per PostFinance

Secondo la filiale della Posta attiva nei servizi finanziari 'ristrutturazione necessaria per contrastare l’erosione dei margini e la conseguente riduzione dei ricav'i

PostFinance intende sopprimere fino a 500 impieghi a tempo pieno entro il 2020. La ristrutturazione si rende necessaria per contrastare l’erosione dei margini e la conseguente riduzione dei ricavi, ha indicato la filiale della Posta attiva nel settore dei servizi finanziari. Due terzi dei posti cancellati saranno assorbiti dalla naturale fluttuazione del personale.

A causa dell’automazione a della digitalizzazione delle attività, del nuovo orientamento della consulenza per i clienti privati e commerciali e dell’esternalizzazione di alcune attività aziendali, PostFinance avrà bisogno di un organico inferiore a quello attuale, spiega l’azienda in un comunicato. Il ridimensionamento sarà gestito – oltre che con le normali partenze – con il mancato rinnovo dei contratti di lavoro a tempo determinato in scadenza e con prepensionamenti. "Non potremo tuttavia fare a meno di ricorrere anche ai licenziamenti", afferma il presidente della direzione Hansruedi Köng, citato nella nota. "Si tratta di una scelta dolorosa ma assolutamente inevitabile per far sì che PostFinance resti competitiva a lungo termine". Secondo i vertici dell’impresa PostFinance si trova all’interno di un trend negativo "dimostrato chiaramente anche dal risultato d’esercizio in forte calo nel primo trimestre 2018" (che è stato di 96 milioni di franchi, più di un milione al giorno quindi, contro i 236 dei primi tre mesi del 2017). Una tendenza destinata a proseguire: "non possiamo certo stare con le mani in mano", sostiene Köng. PostFinance – argomenta l’azienda – opera in un contesto di mercato estremamente difficoltoso. La rivoluzione digitale nel settore bancario procede a ritmi molto serrati e induce profondi cambiamenti nel comportamento dei clienti mentre, contemporaneamente, nuovi concorrenti appartenenti ad altri settori e paesi si affacciano sul mercato. Allo stesso tempo, in particolare a causa del divieto di concedere crediti e ipoteche, nell’attuale fase di interessi negativi i margini si riducono progressivamente, provocando significative flessioni dei ricavi nelle operazioni su interessi, si lamentano i vertici. PostFinance ha avviato la consultazione sulla soppressione di impieghi e promette di assumersi la sua responsabilità sociale. Sono state definite diverse offerte di accompagnamento individuale per le persone interessate dalla ristrutturazione. L’impresa punta nel contempo ad affermarsi entro la fine del 2020 come la principale banca digitale in Svizzera. Di conseguenza investirà anno dopo anno circa 250 milioni di franchi nel rinnovamento e nello sviluppo della sua attività commerciale, potenziando ad esempio il settore degli investimenti digitali e individuando nuove fonti d’introiti indipendenti dai tassi d’interesse. In questi ambiti PostFinance creerà in futuro nuovi posti di lavoro che, dove possibile, andrà a coprire con i collaboratori già in organico.

Secondo il sindacato syndicom 'il fatto che la procedura di consultazione coincida col periodo in cui molte persone interessate hanno pianificato le vacanze è seccante e mostra il comportamento sprezzante di PF nei confronti della procedura di consultazione e dei collaboratori. Ciononostante syndicom metterà in campo ogni ragionevole sforzo per collaborare attivamente insieme ai collaboratori interessati nell'ambito della procedura di consultazione. Di contro, si richiede a PostFinance di prendere sul serio le richieste dei collaboratori. Ricorrere ad alibi come nell'ultimo anno non verrà accettato'.

© Regiopress, All rights reserved