era-tosta-gia-da-ragazzina-ma-sempre-con-il-sorriso
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
15 ore

Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati

Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
20 ore

Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni

Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
1 gior

Serena Williams, il tennis corpo a corpo

Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
Altri sport
1 gior

Mondiali di salto ostacoli, Svizzera ottava

Prestazione deludente della compagine elvetica a Herning, che manca pure un ticket per i Giochi olimpici di Parigi
calcio
1 gior

Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta

Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
1 gior

Kurashev prolunga con Chicago

Il 22enne centro svizzero ha firmato un rinnovo annuale con i Blackhawks
hockey
1 gior

L’Ambrì ne fa sei ai Rockets

L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
calcio
1 gior

Lionel Messi escluso dai candidati per il pallone d’oro

L’argentino fuori dai 30 papabili per la prima volta dal 2005
triathlon
1 gior

Julie Derron sesta nel triathlon

L’elvetica non ripete il successo dello scorso anno e manca di soli 48” una medaglia. Titolo alla britannica Stanford
nuoto
1 gior

Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso

Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
CALCIO
1 gior

Archiviata l’Europa, il Lugano riparte da Basilea

Dopo l’eliminazione in Israele dalla Conference League, i bianconeri pronti a raddrizzare una stagione iniziata con il piede sbagliato
pugilato
1 gior

Tyson Fury si ritira, di nuovo

Il pugile britannico annuncia l’addio al ring nel giorno del suo 34esimo compleanno
canottaggio
1 gior

Jeannine Gmelin messa ko dal Covid

La 32enne deve rinunciare alle semifinali europee nel canottaggio, a causa di un test positivo
22.11.2020 - 19:54
Aggiornamento: 21:20

'Era tosta già da ragazzina, ma sempre con il sorriso'

Edy Mottini ed Enzo Filippini (presidente onorario di TiSki) hanno visto crescere Doris De Agostini nello Sci Club Airolo e l'hanno aiutata a spiccare il volo

«Era tosta già da ragazzina, la Doris». Ad affermarlo all’unisono sono due persone che hanno conosciuto e cresciuto una giovane Doris De Agostini sulle piste della Leventina, i suoi primi allenatori Edy Mottini ed Enzo Filippini.

«Ricordo che la sorella maggiore di Doris, Daniela, faceva già parte del nostro sci club e un giorno mi disse di avere una sorellina di nove anni (a quei tempi si cominciava a 10) che era molto brava e che voleva già venire con noi – racconta emozionato Mottini, classe classe ‘43 ma ancora oggi attivo nello Sci Club Airolo –. In quegli anni avevamo un bel gruppo, si sciava tutto l’anno visto che in estate ci spostavamo con un piccolo scilift sulla Gönerli in Valle Bedretto, e le risposi che se mi avesse aiutato lei, avrebbe potuto aggregarsi anche la sorella. Inizialmente Doris faceva un po’ fatica in quanto era più piccola degli altri, però a lei non andava e ha sempre lottato per non rimanere indietro, tanto che capimmo rapidamente che aveva qualcosa in più degli altri. Questa sua tenacia le è sempre rimasta e le ha permesso di arrivare dove è arrivata. Anche perché non aveva propriamente un fisico da discesista: era alta, magra e molto agile, tanto che era brava anche nella ginnastica, ma non era compatta. Questo però come detto l’ha compensato dando sempre il massimo. Non si tirava mai indietro, di fronte a una pista difficile non si spaventava e anzi, era lei a far paura nel vederla venire giù “buttando” gambe e braccia da tutte le parti. Era il suo stile, tanto che anche negli anni a venire quando si rivedeva nei vecchi filmati si vergognava parecchio».

Uno stile forse non convenzionale, ma indubbiamente efficace… «Era veloce, più veloce di tutti i suoi coetanei (e non solo), maschi compresi. Per questi ultimi battere la Doris era ormai l’obiettivo di giornata, ricordo che si riunivano in fondo alla pista e quando lei finiva la sua discesa mi guardavano in attesa del responso cronometrico. Io ogni volta scuotevo la testa e dicevo loro: “Mi dispiace ragazzi, non c’è niente da fare, anche stavolta ha vinto lei”».

Vittorie che sono poi rapidamente arrivate anche lontano dalle piste ticinesi, ma che non hanno cambiato la genuinità della ragazza di Airolo, che negli anni ha sempre ricordato Edy Mottini… «Se non sbaglio è passata nei quadri nazionali a 16 anni e ha avuto la fortuna di parlare già il tedesco (grazie alla mamma), cosa che l’ha aiutata molto. Evidentemente ho sempre seguito con grande attenzione le sue gesta e siamo rimasti in contatto, per un certo periodo anche i suoi due figli Andrea e Alessia hanno fatto parte dello sci club ma poi si sono spostati più sul tennis. In ogni caso era sempre bello rivederci, l’ultima volta è accaduto in occasione dell’inaugurazione delle due nuove piste di Airolo-Pesciüm. Ci mancherà».

Filippini: 'È stata un'apripista per lo sci ticinese. E quel sorriso...'

Parole quelle di Mottini condivise anche da un Enzo Filippini particolarmente scosso, airolese pure lui (classe ‘51) e che prima di diventarne a sua volta allenatore, ha visto una giovane De Agostini... indicargli la via. «Quando io gareggiavo, lei ci faceva da apripista nelle competizioni regionali – ricorda con la voce spezzata dalla commozione il presidente onorario della Federazione ticinese di sci (oggi TiSki, di cui anche De Agostini era membro onorario), che ha diretto per ben 19 anni, dal 2001 allo scorso settembre –. Poi in un certo senso è diventata un’apripista anche per lo sport ticinese, visto che è diventata la prima ticinese a raggiungere certi livelli in Coppa del mondo. Le sue imprese, unite a quanto fatto in seguito anche da Michela Figini, hanno segnato l’inizio di un’era per lo sci ticinese attirando interesse, persone e anche finanziamenti. Basti pensare all’entusiasmo che si creò al suo ritorno in patria con la medaglia di bronzo dei Mondiali del 1978, portò il centro del mondo ad Airolo, fu davvero incredibile».

Un entusiasmo contagioso non solo per le gesta sportive… «La chiamavano “La Dura” ed effettivamente aveva una forza di volontà incredibile, sapeva esattamente quello che voleva e non mollava mai, ma ricorderò per sempre anche il suo sorriso. Più che allenatore quando ha iniziato a fare gare nazionali e internazionali sono diventato una sorta di suo accompagnatore (avevo circa 25 anni) e devo dire che è sempre stato un piacere poterlo fare. Sorrideva sempre, anche nei momenti difficili trovava il lato positivo ed è quel sorriso che non ha mai perso che mi porterò per sempre nel cuore».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
doris de agostini edy mottini enzo filippini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved