laRegione
figini-e-gut-behrami-doris-un-esempio-per-noi
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
1 ora

Naomi Osaka diventa il personaggio di un nuovo manga per ragazze

La giapponese, attuale numero 3 al mondo, sarà la vedette di una nuova serie chiamata "Unrivaled Naomi Tenka-ichi", destinato a un pubblico femminile e giovane
Sci
1 ora

Marc Gisin si ferma: mai più come prima dopo la caduta in Val Gardena

Il 32enne fratello di Dominique e Michelle non ha più ritrovato la forma dopo lo spaventoso caduta del dicembre 2018
Formula 1
13 ore

Bahrein, la gratitudine di Grosjean: 'Devo la vita all'Halo'

Le prime parole del pilota ginevrino con licenza francese dopo il rogo in pista. 'Prima non ne ero entusiasta, ma senza di lui adesso non sarei qui'
Hockey
15 ore

Hcl a rischio quarantena: verifiche mediche

Dopo Zugo e Langnau anche i bianconeri potrebbero finire nuovamente in isolamento per il Covid. Risultati attesi nella giornata di lunedì
Calcio
15 ore

Caso Maradona, indagato il medico: 'omicidio colposo'

I magistrati non formulano accuse specifiche ma vogliono vedere chiaro sull'operato del neurochirurgo. Che si difende. 'Ho fatto più del dovuto, non meno'
Calcio
18 ore

Lugano, colpo da ‘grande’. Ce la meritiamo, questa classifica’

Vittoria 1-0 contro il Basilea e risultato utile numero 17 per i bianconeri. Decide Mattia Bottani allo scadere. ‘Un gol di cui avevo un gran bisogno’
Basket
19 ore

La Svizzera è una 'bomba' e il successo sulla Serbia è storia

La selezione di Gianluca Barilari supera i vice campioni olimpici nelle qualificazioni a Euro 2022 grazie al tiro da tre, con la tripla decisiva di Dusan Mladjan
Sci
22.11.2020 - 20:460
Aggiornamento : 21:19

Figini e Gut-Behrami: 'Doris un esempio per noi'

Le due sciatrici che hanno seguito le orme della De Agostini facendo la storia dello sport ticinese raccontano il loro rapporto con la campionessa scomparsa

Se Doris De Agostini è per certi versi stata un'apripista per lo sci ticinese, Michela Figini ne ha seguito a meraviglia la scia. Partita dalla Leventina pure lei, è arrivata a conquistare un oro (un anno dopo il ritiro della De Agostini, nella discesa delle Olimpiadi di Sarajevo del 1984) e un argento (a Calgary 1988 in supergigante) olimpici, tre medaglie mondiali (di cui una d'oro a Bormio nel 1985), sei coppe del mondo di specialità (4 in discesa, una in gigante e una in super-G) e due generali, nel 1985 e nel 1988. Prima di appendere gli sci al chiodo pure lei molto presto, a soli 24 anni.

«Conquistare una medaglia è il sogno di ogni sciatrice ed è stato bello vedere Doris riuscire a realizzarlo nel 1978 – ha affermato alla Rsi Figini riferendosi al bronzo mondiale in discesa –. Ho gareggiato con Doris per un anno, io ero agli inizi mentre lei a fine carriera ed è subito stata un grande esempio per me. Io forse avevo qualcosa in più tecnicamente, certe cose mi riuscivano più facilmente, ma proprio per questo soprattutto dal punto di vista del carattere mi ha dato tanto, ogni suo consiglio è stato prezioso. Per quel che riguarda invece l'approccio al contorno mediatico che ruota attorno al Circo Bianco eravamo molto simili, sapevamo che era utile e necessario, ma lo vivevamo a fatica: a noi importava gareggiare».

Lara Gut-Behrami: 'C'era nelle vittorie come nei momenti difficili, sono stata fortunata'

Nasceva invece un anno dopo il ritiro di "Michi" la terza atleta che ha finora riscritto la storia dello sci alpino ticinese, Lara Gut-Behrami, vincitrice a sua volta del grande globo di cristallo nel 2016, oltre a due coppe di specialità (super-G nel 2014 e 2016), un bronzo olimpico (in discesa a Sochi 2014) e cinque medaglie mondiali (3 argenti e 2 bronzi).

«Non ho vissuto Doris da atleta ma ho avuto la fortuna di conoscerla come persona e di scoprire l'incredibile persona che c'era dietro alla campionessa – ha dichiarato la 29enne in diretta Skype –. Quando ero bambina e mi allenavo con mio papà lei era sulle piste con i suoi figli e sono cresciuta un po' con lei e con Michela (Figini, ndr), visto che entrambe sciavano con mio padre e mio zio. Più volte al termine delle mie gare l'ho ritrovata al traguardo pronta ad abbracciarmi con il suo splendido sorriso, era quasi più felice di me. E anche quando le cose non andavano bene, trovava sempre il modo di essere presente, magari scrivendo a mio papà e facendo sentire la sua presenza con dolcezza. E io mi sentivo molto fortunata».

SPORT: Risultati e classifiche

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved