laRegione
giovani-andate-a-scoprire-che-modello-era-la-doris
Ti-Press
Doris De Agostini, Mauro Pini, Michela Figini
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio regionale
11 min

La Seconda Lega ai raggi X: statistiche e curiosità

Allenatori vincenti, record di cartellini, punti in rimonta, chi rende meglio in trasferta e tanto altro. La Seconda Lega in numeri
Tennis
1 ora

Naomi Osaka diventa il personaggio di un nuovo manga per ragazze

La giapponese, attuale numero 3 al mondo, sarà la vedette di una nuova serie chiamata "Unrivaled Naomi Tenka-ichi", destinato a un pubblico femminile e giovane
Sci
2 ore

Marc Gisin si ferma: mai più come prima dopo la caduta in Val Gardena

Il 32enne fratello di Dominique e Michelle non ha più ritrovato la forma dopo lo spaventoso caduta del dicembre 2018
Formula 1
14 ore

Bahrein, la gratitudine di Grosjean: 'Devo la vita all'Halo'

Le prime parole del pilota ginevrino con licenza francese dopo il rogo in pista. 'Prima non ne ero entusiasta, ma senza di lui adesso non sarei qui'
Hockey
15 ore

Hcl a rischio quarantena: verifiche mediche

Dopo Zugo e Langnau anche i bianconeri potrebbero finire nuovamente in isolamento per il Covid. Risultati attesi nella giornata di lunedì
Calcio
15 ore

Caso Maradona, indagato il medico: 'omicidio colposo'

I magistrati non formulano accuse specifiche ma vogliono vedere chiaro sull'operato del neurochirurgo. Che si difende. 'Ho fatto più del dovuto, non meno'
Calcio
18 ore

Lugano, colpo da ‘grande’. Ce la meritiamo, questa classifica’

Vittoria 1-0 contro il Basilea e risultato utile numero 17 per i bianconeri. Decide Mattia Bottani allo scadere. ‘Un gol di cui avevo un gran bisogno’
Basket
19 ore

La Svizzera è una 'bomba' e il successo sulla Serbia è storia

La selezione di Gianluca Barilari supera i vice campioni olimpici nelle qualificazioni a Euro 2022 grazie al tiro da tre, con la tripla decisiva di Dusan Mladjan
GALLERY
Formula 1
20 ore

Grosjean va a fuoco, mentre Hamilton trionfa ancora

Alla fine vince ancora il britannico, in un pomeriggio segnato dallo spettacolare incidente che ha visto coinvolto il ginevrino della Haas. 'Sta bene'
Sci di fondo
20 ore

Cologna e compagni distanti dai migliori a Kuusamo

Nell'inseguimento che ha chiuso il Minitour di Coppa del mondo il grigionese ha perso ulteriore terreno chiudendo 30esimo. Tra le donne 24esima Nadine Fähndrich
Sci
22.11.2020 - 18:450
Aggiornamento : 19:04

‘Giovani, andate a scoprire che modello era la Doris’

Mauro Pini ricorda De Agostini. Donna ‘sensibile e mai sopra le righe’, l'ex campionessa ‘è un esempio ancora attuale'

«La personalità che De Agostini ha trasmesso a diverse generazioni, rimane un esempio attuale. Anzi, forse lo è ai giorni nostri ancor più che in passato». Mauro Pini - già allenatore in Coppa del Mondo e attuale direttore della Valbianca Sa - ne è convinto: anche per un giovane d’oggi, che ‘la Doris’ probabilmente non ha idea di chi fosse, «è un modello da seguire e copiare. A un ragazzo o una ragazza direi di andare a scoprire chi è stata e, soprattutto, quale tipo di rappresentazione abbia dato». Al Ticino, ma pure ben oltre i confini cantonali. «Credo che la sua genuinità avesse colpito l’intero universo dello sci. Era diventata un’icona, la Doris». Lo sanno quelli dai trenta-quarant’anni in su, che dell’airolese ricordano sì le gesta sportive, «ma forse soprattutto proprio l’immagine che ha dato di sé».

Nella sua capacità, partendo da una piccola e periferica realtà, di arrivare sul palcoscenico mondiale in anni in cui le opportunità e le strutture erano ben diverse rispetto a oggi, «sta l’esempio del suo successo. Un modello di forza di volontà, eredità che lascia a tutti. Capace com’è stata di dimostrare, più a se stessa che agli altri, che con l’impegno e il carattere anche lei ce la poteva fare». Perché per i ‘canoni’ di allora, in cui si privilegiava la forza pura e fisici più robusti, lei alta, snella e slanciata era il contrario di ciò che una sciatrice doveva essere. Eppure la Doris, con quel corpo più da pallavolista o anche modella, si è ritagliata il suo spazio. 

Icona suo malgrado

Prima donna ticinese a raggiungere questi livelli, come l’altra campionessa Michela Figini ha lasciato presto le competizioni e ha poi condotto una vita lontana dai riflettori; eppure non è caduta nel dimenticatoio. «Doris è sempre stata capace di dare allo sport lo spazio che meritava, ma di scinderlo dalla vita privata. Ha dato molto allo sci; però, una volta chiuso il capitolo, non ha cercato di ‘camparci sopra’. Con molta discrezione e dignità, ha trasmesso il messaggio che sì, ha ottenuto dei successi ma in fondo è stato ‘solo’ sport, un divertimento». Per certi versi è dunque diventata un’icona suo malgrado «e penso che la si ricordi proprio per questo. Per com’era lei, non per come avrebbe potuto farsi conoscere». Perché la Doris era esattamente come tutti l’avevano conosciuta. «Riservata, mai sopra le righe e donna molto sensibile. Genuina e posata, aveva al contempo una giusta cocciutaggine e la capacità di dire le cose al momento opportuno. In questo, trovo che esprimesse appieno la cultura alpina, vallerana».

Ed è in mezzo alle loro montagne, che sono incastonati due tra i più preziosi ricordi che Mauro Pini conserva della Doris. Il primo «è il suo ritorno ad Airolo, dopo la medaglia di bronzo in discesa ai Campionati del Mondo di Garmisch-Partenkirschen nel 1978. Venne accolta alla stazione da una marea di gente. Lei aveva sei anni più di me e ai miei occhi, ma direi a quelli di tutti i ragazzi della mia età, era un esempio incredibile». Il secondo risale all’ultimo inverno, in occasione dell’inaugurazione di due nuove piste ‘nere’ ad Airolo Pesciüm, dedicate una proprio a Doris De Agostini e l’altra a Michela Figini. «Una giornata splendida, una festa sulle nevi. È stato un bel momento di condivisione, con lei che mi rivedo felice e orgogliosa».

SPORT: Risultati e classifiche

Ti-Press
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved