Hockey
01.02.2019 - 22:010
Aggiornamento : 02.02.2019 - 00:06

Il Lugano cala il poker

Tornano al successo i bianconeri, che alla Cornèr Arena rifilano un perentorio 4-0 al Davos

È una partenza a tambur battente quella del Lugano, che fin dai primi minuti aggredisce il Davos a tutta pista. E sfiora il vantaggio già dopo nemmeno mezzo minuto, quando Vauclair va a colpire il palo della porta difesa da Senn. Il gol arriva subito dopo, e lo segna Fazzini, ben abilmente servito da Lapierre. Al 6’44” arriva anche il raddoppio, stavolta propiziato da Klasen e firmato da Bürgler. Il Lugano continua poi a insistere sfiorando in più di un’occasione la terza rete, senza però trovarla. Alla prima pausa si va dunque sul 2-0 per gli uomini di Ireland. Meritato. Unica nota stonata del periodo iniziale è l’infortunio al volto di Sannitz dopo pochi secondi in un contrasto con Barandun.
Nel secondo tempo il Lugano smette di segnare, ma non di dominare l’avversario. I bianconeri infatti prendono quasi d’assedio Senn, che in un paio di circostanze compie autentici miracoli per tenere in partita i suoi. E al 36’59” Vitolins, per far rifiatare i suoi e per riordinare le idee, chiama pure il timeout. E così anche i secondi 20’ si chiudono sul 2-0 maturato già dopo nemmeno 7’ di gioco.
In avvio di terzo tempo il Davos prova a riaprire il match, ma la sfuriata dei grigionesi produce solo tanto fumo ma niente arrosto. Arriva invece il 3-0 del Lugano, siglato da Ulmer lesto a fiondarsi su un disco rimpallato da Senn. Bürgler completa poi la doppietta personale siglando il 4-0 che chiude definitivamente i conti.

Tags
lugano
senn
davos
© Regiopress, All rights reserved