formula-1-a-baku-bisogna-saper-perdere
+1
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
2 ore

In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’

A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
CICLISMO
3 ore

In Italia esce il film su Pantani. ‘La gente capirà chi era’

Parla Tonina, la madre del ciclista trovato morto 17 anni fa in un residence di Rimini. ‘Rabbia? Le promesse non mantenute. Promesse, solo promesse’
VOLLEY
4 ore

Il Lugano ci prova, ma a far festa e lo Cheseaux

Se prive della forte attaccante argentina Camila Hiruela, le ragazze di Salomoni sfiorano il successo dopo un’entrata in materia difficoltosa
MOTOCICLISMO
5 ore

Supersport, il nuovo campione è Dominique Aegerter

Con due gare d’anticipo, in Argentina il bernese mette le mani sul titolo. È il secondo pilota elvetico a riuscirci, dopo Randy Krummenacher nel 2019
Calcio
5 ore

Al Letzigrund il Lugano non ha tenuto Botta

Contro lo Zurigo ai bianconeri privi del loro numero 10 sono mancate le idee e forse anche un po’ di coraggio. A Croci-Torti di trovare soluzioni...
Basket
5 ore

Per la Sam un ultimo quarto quasi perfetto, Tigers mansueti

La Spinelli Massagno sbanca Ginevra mentre il Lugano è stato annientato da un Nyon per nulla eccelso
Altri sport
7 ore

Mondiale di calcio ogni due anni, l’idea preoccupa il Cio

Il comitato olimpico internazionale vi vede il rischio che si attenti allo sviluppo di altre non meno importanti discipline sportive
Altri sport
8 ore

Olimpia, l’accensione della torcia a porte chiuse

Cerimonia senza pubblico per le restrizioni causate dalla pandemia di coronavirus. Modificata la staffetta, solo due i tedofori
Calcio
10 ore

Chiasso, è un compleanno decisamente amaro

Rossoblù costretti al pareggio dal Brühl fanalino di coda del campionato. Squadra e mister Raineri contestati a fine partita
Sci
14 ore

Il sorriso resiliente di Mélanie Meillard

Tre gravi infortuni e quasi 4 anni passati a ricostruirsi come atleta non hanno scalfito la passione e l’ambizione della 23enne di Hérémence
Calcio
1 gior

L‘Acb si ripete. ’Ma possiamo ancora crescere’

Terzo successo consecutivo in Promotion League per i granata. Jean-Michel Aeby: ‘Non abbiamo giocato benissimo, ma per noi era importante il risultato’
Automobilismo
 
04.06.2021 - 17:080
Aggiornamento : 19:16

Formula 1, a Baku bisogna saper perdere

Un po' di nervosismo in casa Mercedes in vista del secondo Gran Premio cittadino di fila, dopo Montecarlo, vinto da Verstappen, rivale di Hamilton

Wolff si aggira nel paddock con aria spesso sorridente, ma non qui a Baku, non questa volta. La tensione tradisce che il fastidio generato dal dominio temporaneo di Red Bull sia molto mal digerito, anche in considerazione di quanto un secondo tracciato cittadino possa essere indigesto al team e a Hamilton. Il campione del mondo non ama questo tipo di circuiti. In settimana e a Montecarlo non ha mancato di esternare dei rimbrotti alla squadra, la stessa che nel tempo gli ha permesso di essere chi è divenuto non solo per meriti individuali.

Le ali flessibili sono il tema del contendere, anche per Aston Martin, in realtà team satellite: flettono sotto la pressione aerodinamica, aumentando la portanza. Questo, secondo i detrattori, sarebbe l'asso nella manica della Red Bull e della Rossa. È in arrivo una richiesta formale alla Fia di chiarimento e indicazione chiara della politica di regolamentazione. Seguiremo la questione, ma anche nelle libere di oggi si confermano le buone prestazioni dei team oggetto di critica.

Ferrari in crescita

La Ferrari prosegue il suo percorso di miglioramento, dichiarando con chiarezza di puntare maggiormente al 2022, pur volendo usare già questa stagione sia per non sfigurare sia per apprendere. Il tema è la velocità: la monoposto è assai migliorata sul piano della performance di aerodinamica rispetto alla critica stagione 2020, pur continuando a essere meno veloce della concorrenza. Lavori in corso.

Alfa Romeo Racing tiene duro: è ormai stabilmente a centro classifica, ovviamente con alti e bassi dettati dal cronometro e dai centesimi, benché i distacchi non siano più irrecuperabili. Giovinazzi domina spesso Raikkonen che a dire il vero ha dato segni di risveglio. I tempi sono comunque sempre vicini l'uno all'altro.

Verstappen continua a mostrare una forma invidiabile, frutto anche di una perfetta simbiosi con la sua macchina, alla quale Perez peraltro si è abituato decisamente in tempi brevi, nonostante tutto.

Vettel è apparso sereno e ha giocato molto con i giornalisti in conferenza stampa, evitando sempre di chiamare la Ferrari con il suo nome, ma definendola semplicemente la Rossa. Una ferita che, come il tedesco ha lasciato chiaramente intendere, non è in alcun modo digerita o perdonata, lui che aveva in cameretta le immagini di Schumacher e del team tutto come mito. Lui che appena entrato a Maranello ha iniziato a comperare auto del Cavallino storiche.  Lui che si è studiato la storia di von Trips a menadito. A Baku il tedesco è sempre giunto al traguardo e mai sotto il quarto posto. Vedremo se dopo il risultato di Montecarlo saprà ripetersi.

L'importanza delle scie

Fulmini e saette tra Sainz e Mazepin in merito al tema delle scie. Interessante per i nostri lettori annotare che a Baku contano molto. Dunque, i piloti volutamente si infilano nella scia di chi hanno davanti per farsi "tirare". Lo ha fatto ad esempio Sainz con Hamilton, raggiungendo una velocità massima che non era alla portata di Leclerc. Solo che accade che tanto quanto si possa prendere del tempo, se ne possa pure perdere se chi si ha davanti commette un errore o si rende protagonista di una traiettoria sbagliata. Annoterete anche in gara come e quanto questo sia un fattore strategico determinante.

Le voci nei box sul futuro team Ineon e non più Mercedes-Benz aumentano con un orientamento ormai definito della "stella" di spingere sempre più e meglio verso la Formula E che tra i tanti pregi ha anche quello di costare infinitamente meno di una stagione in F1. Tema questo amatissimo da Källenius alle prese con una crisi dell'automobile senza pari.

E così proseguono i giorni della F1 tra lotta in pista per un campionato almeno per ora avvincente e con un giovane leader, molte speculazioni e mal di pancia economici di cui, prima o poi, sentiremo parlare. Certamente.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved