Inter
1
Milan
0
1. tempo
(1-0)
KIRKIN E./PIROS Z.
0
RITSCHARD A./STRICKER D.
0
fine
Ginevra
1
Friborgo
3
2. tempo
(1-3 : 0-0)
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
1 ora

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
2 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
2 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
3 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
3 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
4 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
6 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
6 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
23 ore

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
23 ore

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 gior

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
CALCIO
29.10.2022 - 22:46

Il Lugano salva un punto dopo una partenza disastrosa

A Ginevra i bianconeri vanno sotto 2-0 in nemmeno mezz’ora, ma reagiscono e all’82’ trovano il meritato pareggio. Infortunio a Celar, espulso Valenzuela

il-lugano-salva-un-punto-dopo-una-partenza-disastrosa

All’inferno e ritorno. Il Lugano ha rischiato di uscire dallo Stade de Genève con le ossa rotte, sotto di due reti dopo nemmeno mezz’ora di gioco, poi ha iniziato a giocare e pian piano ha rifatto superficie, fino al gol di un pareggio meritato che permette di tornare in Ticino con un prezioso punto.

Nella prima mezz’ora in campo c’è una sola squadra, quella con la maglia granata. Il Lugano è in balia dei padroni di casa, confuso, impreciso, timoroso, incapace di mettere assieme due passaggi consecutivi. E la punizione per un’entrata in materia completamente sbagliata arriva nel giro di 180". Uscita sbagliata di Hajdari, cross di Cognat con conclusione di Kutesa e grande parata di Saipi: sul corner, però, Rouiller anticipa Mai e Arigoni e infila l’1-0. La reazione bianconera è inesistente e al 26’ una palla sbagliata da Arigoni permette al Servette di andare al cross sul secondo palo, dove né Valenzuela, né Saipi riescono a gestire un pallone lento e prevedibile. Ne approfitta Stevanovic, alle spalle del difensore argentino, lesto a colpire di testa per il 2-0.

Sembra il preludio a una serata da tregenda e invece, come per miracolo, il Lugano si sveglia. Inizia a fare circolare la palla, a trovare Mahou e Steffen sulle fasce e a mettere sotto pressione la retroguardia granata. Al 29’, su azione poco limpida ma insistita, Steffen in scivolata va alla conclusione, il pallone è toccato da un difensore e finisce sul palo prima di spegnersi in corner. Due minuti più tardi tocca ad Arigoni centrare il legno alla sinistra di Frick, anche in questo caso su deviazione granata. Al 35’ ghiotta occasione per Mahou che sulla linea dei cinque metri (e tutto solo) colpisce di testa un pallone mandato in mezzo da Bottani, ma lo manda alto sopra la traversa.

Al 40’, Mahou pennella per la testa di Celar, il quale non trova la spizzata, ma riesce a calciare da posizione molto defilata sulla respinta di Frick, con il portiere ginevrino che ci mette la faccia, nel vero senso della parola. Sul corner, svetta di testa Mai, la cui capocciata finisce di nuovo sul palo: Celar è lesto ad avventarsi in tuffo sul pallone e a insaccare la rete del 2-1. Lo sloveno, colpito al volto da un calcio involontario di Rouiller, subisce una profonda ferita al volto ed è costretto a lasciare il posto a Babic (viene trasportato all’ospedale dove gli vengono applicati punti di sutura). L’arbitro, richiamato dal Var, decide che l’intervento del difensore granata meritava un cartellino rosso e torna sulla sua prima decisione di semplice ammonizione, mandando Rouiller sotto la doccia. Una decisione davvero severa. Prima della pausa, il Lugano prova ad approfittare della destabilizzazione dei padroni di casa e al quarto minuto di recupero, su conclusione di Valenzuela sporcata da Douline, centra il quarto palo in 45’.

Durante la pausa, Alain Geiger ridisegna la sua difesa per ovviare all’espulsione di Rouiller. Il Lugano riprende a giocare sulla falsariga di come aveva concluso il primo tempo, ma la prima occasione è per i padroni di casa che al 62’ vanno alla conclusione con Kutesa che mette però largo alla sinistra di Saipi.

Al 64’ grossissima opportunità per Mahou che calcia sull’uscita di Frick, bravo a dire di no al francese. Il Lugano prova a insistere, ma si incaponisce a passare per il centro, senza sfruttare le fasce, con il risultato che il Servette riesce a difendersi senza grossi problemi.

All’82’, però, una verticalizzazione di Haile-Selassie trova Doumbia quasi sulla linea di fondo: l’ivoriano mette in mezzo il pallone e ne esce una conclusione sul primo palo che sorprende un colpevolissimo Frick e regala ai ticinesi il meritato pareggio.

All’88’ anche il Lugano rimane in 10 per il secondo giallo a Valenzuela, punito per il fallo sullo sgusciante Stevanovic. I padroni di casa ritrovano un po’ di coraggio per mettere il naso alla finestra, ma nei minuti finali non succede più nulla.

Servette - Lugano 2-2 (2-1)

Reti: 3’ Rouiller 1-0. 26’ Stevanovic 2-0. 41’ Celar 2-1. 82’ Doumbia 2-2.

Servette: Frick; Diallo (69’ Rodlin), Vouilloz, Rouiller, Clichy; Cognat (85’ Valls), Douline (46’ Baron), Pflücke (69’ Cespedes); Stevanovic, Fofana (46’ Monteiro), Kutesa.

Lugano: Saipi; Arigoni, Mai, Hajdari, Valenzuela; Sabbatini (68’ Bislimi), Doumbia; Steffen (68’ Aliseda), Bottani (76’ Amoura), Mahou (68’ Haile-Selassie); Celar (45’ Babic).

Arbitro: Fähndrich

Note: 5842 spettatori. Servette senza Sawadogo (squalificato), Antunes, Bedia, Behrami, Crivelli e Severin (infortunati). Lugano senza Daprela (squalificato), Durrer, Facchinetti (infortunati), Ziegler (sospeso). Pali: 28’ Steffen, 31’Arigoni, 41’ Mai, 45+4 Valenzuela. Espulsi: 41’ Rouiller (fallo), 88’ Valenzuela (2° giallo). Ammoniti: 23’ Hajdari. 51’ Valenzuela, 61’ Sabbatini, 68’ Monteiro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved