CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
2 ore

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
3 ore

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
3 ore

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
6 ore

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
6 ore

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
7 ore

‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’

Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
7 ore

Negli Stati Uniti Copa America a 16 squadre

Nel 2024 il torneo si disputerà negli Usa con dieci compagini sudamericane e sei provenienti dalla Concacaf
CALCIO
8 ore

Parcheggi limitati a Cornaredo, meglio i mezzi pubblici

L’Fc Lugano comunica che verranno creati parcheggi a lisca di pesce su una corsia di via Ciani (imbocco da via Brentani). Chiuso lo sterrato della Gerra
CALCIO
8 ore

La pazienza è la virtù dei forti

Il Lugano ospita il Grasshopper. Croci-Torti: ‘Sarà una sfida logorante, non dovremo perdere la testa se le cose non dovessero funzionare subito’
Basket
10 ore

Le speranze della Sam in un weekend tutto da gustare

Al via un Final Four di Montreux ricco di sorprese, con Thabo Sefolosha in campo ma senza l’Olympic e il massagnese Roberto Kovac. Gubitosa: ‘No comment’
TENNIS
11 ore

Djokovic - Tsitsipas, una finale da numeri uno

Il serbo e il greco si sono facilmente qualificati per l’atto conclusivo degli Australian Open. Il vincente scavalcherà Alcaraz in vetta al ranking Atp
Calcio
18 ore

‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’

A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
TENNIS
1 gior

Nadal conferma un’assenza di 6-8 settimane

Gli esami effettuati a Barcellona hanno confermato diagnosi e tempi di recupero scaturiti dai primi controlli a Melbourne
CALCIO
17.09.2021 - 22:23

Il Lugano ringrazia il gol di Lungoyi all’ultimo minuto

Nei sedicesimi di Coppa Svizzera i bianconeri superano il Neuchâtel Xamax al termine di una prestazione tutt’altro che esaltante

il-lugano-ringrazia-il-gol-di-lungoyi-all-ultimo-minuto

Il Lugano è negli ottavi di finale di Coppa Svizzera. Alla Maladière, i bianconeri hanno superato il Neuchâtel Xamax con una rete messa a segno all’89’ da Lungoyi. Che sarebbe stato un compito difficile lo sapevano anche i sassi, ma a conti fatti i bianconeri si sono ritrovati a far di conto con una compagine neocastellana protagonista di una prestazione probabilmente al di sopra delle aspettative. Ha faticato, il Lugano, per superare uno Xamax che in questa stagione sta disputando un campionato da protagonista in Challenge League. Ha faticato, ma ha saputo gestire i momenti difficili (non pochi), su un campo in sintetico che non gli ha certo facilitato il compito. La prestazione dei bianconeri è stata buona soltanto a tratti e, nel complesso, non ha superato di molto quella che può essere considerata la sufficienza, alla luce delle qualità fisiche e tecniche della squadra diretta per la seconda volta da Mattia Croci-Torti. Troppi gli errori in impostazione che hanno stroncato sul nascere praticamente tutte le iniziative. E ciò, nonostante in campo vi fosse la squadra titolare, eccezion fatta per gli esordi di Saipi tra i pali (Osigwe febbricitante, a non si tratta di Covid-19) e Celar all’altro capo del terreno da gioco.

La serata poco illuminata dei ticinesi va ascritta, almeno in parte, alla vèrve mostrata dai padroni di casa, ovviamente più abituati alla superfice artificiale e convinti di poter creare la sorpresa. I rossoneri hanno speso molto nel corso del primo tempo, quando hanno provato a fare la differenza e a prendere per la gola l’avversario di categoria superiore. Le cose migliori le hanno costruite proprio gli uomini di Binotto, vicini al gol in alcune occasioni, la più clamorosa al 26’, con una penetrazione dell’instancabile (nonostante i suoi 38 anni) Nuzzolo, la cui conclusione ravvicinata è però stata deviata da Saipi. Il Lugano si è risvegliato soltanto nei minuti finali, con due azioni fotocopia: recupero di Sabbatini sulla tre-quarti, Abubakar imbuca per Celar, il quale fa spegnere il pallone su Guivarch (il primo sull’uscita del portiere, il secondo su una respinta di piede).

In mezzo al campo si è illustrato capitan Sabbatini, probabilmente il migliore dei suoi per continuità d’azione (da un’area di rigore all’altra), mentre Custodio ha faticato a togliersi dalla marcatura di Nuzzolo che gli ha spesso impedito di prendere palla nella tre-quarti difensiva per impostare l’azione d’attacco. La poca precisione in mezzo al campo non ha certo favorito Abubakar e Celar, i quali si sono visti davvero poco.

Nella ripresa il Lugano ha provato ad alzare il ritmo e al 47’ si è costruito un’ottima occasione con il solito Sabbatini, il cui tiro dal limite è stato deviato da Guivarch. Con il passare del tempo, i padroni di casa hanno iniziato ad accusare un calo fisico, del quale, però, il Lugano non è riuscito ad approfittare. Tra i cambi effettuati da Croci-Torti, il più azzeccato sembrava essere l’ingresso dell’algerino Amoura, apparso subito vivace e propositivo, mentre Lungoyi non era mai riuscito a illustrarsi. E invece, è stato proprio il ginevrino a trovare quello che si è rivelato essere il gol partita, messo a segno all’89’ su servizio di Lavanchy a conclusione di una ficcante ripartenza (bello l’anticipo sull’uscita di Guivarch). A dire la verità, il Lugano ha pure avuto dalla sua un pizzico di buona sorte: la posizione di partenza di Lungoyi, infatti, è sembrata essere al di là dell’ultimo difensore, senza dimenticare che nel primo tempo un colpo di testa di Haile-Selassie era stato deviato con il braccio da Lavanchy, senza che il signor Horisberger decretasse la massima punizione (in Coppa il VAR non c’è).

Il Lugano, dunque, avanza e supera un ostacolo molto insidioso. Lo fa al termine di una partita tutt’altro che brillante, ma davvero in Coppa conta soltanto vincere. Giovedì i bianconeri ritroveranno la Super League, con la sfida di Cornaredo contro il Grasshopper e, probabilmente, con in panchina un nuovo allenatore.

Neuchâtel Xamax - Lugano (0-0) 0-1

Rete: 89’ Lungoyi 0-1

Neuchâtel Xamax: Guivarch; Bangura, Berisha, Djuric; Gomes, Beloko (77’ Kasongo), Hammerich, Haile-Selassie; Nuzzolo (82’ Gazzetta); Ouhafsa (61’ Mafuta), Lahiouel (77’ Sourdez)

Lugano: Saipi; Daprelà (72’ Hajrizi), Maric, Ziegler; Lavanchy, Sabbatini (72’ Guidotti), Custodio, Lovric, Facchinetti; Abubakar (80’ Amoura); Celar (57’ Lungoyi)

Arbitro: Horisberger

Note: 3’000 spettatori. Lugano privo di Bottani e Baumann (infortunati) e Osigwe (ammalato).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved