laRegione
guidotti-cuor-di-lugano-che-pareggio-al-letzigrund
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Lugano, Mattia Bottani positivo al Covid-19

Dopo l'incontro di sabato, l'attaccante dei bianconeri non ha più avuto contatti con la squadra ed è in isolamento a casa sua
Calcio
1 ora

‘Il calcio andrà avanti, ma serve più consapevolezza e impegno’

Matteo Vanetta, assistente allenatore dello Young Boys, a ruota libera sulla delicata situazione del calcio, sull'inizio di stagione dei bernesi e sul Lugano
Hockey
10 ore

'Possiamo essere fieri di questo successo'

Noele Trisconi si gode la vittoria dell'Ambrì Piotta sui Lions: 'Stasera abbiamo sudato e lavorato duro'
Hockey
11 ore

Questa volta l’overtime castiga il Lugano

Tanti tiri, pochi gol, ma una prestazione convincente quella che ha permesso ai bianconeri di conquistare un punto (sconfitta 2-1) a Losanna
Gallery
Hockey
12 ore

Nättinen prende per mano l'Ambrì e lo porta al successo

Lo scatenato topscorer finlandese segna 4 reti e i biancoblù stendono lo Zurigo (ma perdono Müller): alla Valascia finisce 5-2
Calcio
13 ore

Il presidente del Barcellona Bartomeu si dimette

Con lui la Giunta in blocco. Decisione presa dopo il via libera al referendum per la mozione di sfiducia alla dirigenza blaugrana.
Tennis
13 ore

Federer in tv con le scarpe griffate: Srf nei guai

Violato il divieto di pubblicità. L'episodio è stato segnalato da un telespettatore che ha inoltrato un reclamo poi accolto dall'organo di mediazione
Atletica
14 ore

Squalifica di due anni per il re dello sprint Coleman

Il 24enne statunitense, campione del mondo in carica dei 100 m, sospeso per le ripetute violazioni del regolamento antidoping
Calcio
15 ore

Le rossocrociate a un passo dagli Europei di calcio

Dopo la vittoria per 2-0 contro la Romania, alla Svizzera manca solo un punto per la qualificazione agli Europei 2022 in Inghilterra.
Swiss Olympic
15 ore

‘Limitazioni necessarie, ma senza fermare lo sport’

Il capo missione di Swiss Olympic auspica che il Consiglio Federale metta un po' d'ordine all'interno delle varie regole adottate a livello cantonale
Hockey
17 ore

Matt D'Agostini fuori causa per dieci settimane

L'attaccante canadese dell'Ambrì Piotta domani sarà operato per ovviare a un problema al ginocchio sinistro
Calcio
17 ore

Il presidente Fifa Infantino positivo al coronavirus

Il 50enne presidente dell'organo di governo del calcio mondiale presenta sintomi lievi e si è messo in isolamento per 10 giorni
Hockey
17 ore

Langenthal in qurantena preventiva: niente trasferta a Biasca

Diversi giocatori bernesi, che stasera avrebbero dovuto affrontare i Rockets, hanno accusato sintomi tipici da un'infezione da coronavirus.
Basket
19 ore

Lugano al palo, dalla Sam segnali di forza

Cedraschi: ‘Da tre settimane la squadra non può allenarsi al completo. In queste condizioni è come se non avessimo fatto la preparazione’
Biathlon
19 ore

Nuova squalifica per Evgeny Ustyugov

Dopo l'analisi del passaporto biologico del russo la federazione internazionale di biathlon parla ancora di doping. Annullati i risultati dal 2010 al 2014
Calcio
26.09.2020 - 21:080

Guidotti cuor di Lugano, che pareggio al Letzigrund

Il ticinese sigla il 2-2 al 91' contro uno Zurigo con un uomo in più dal 53' per l'espulsione di Sabbatini. Perla di Gerndt per l'1-0, Marchesano il migliore

Era già successo all'esordio contro il Lucerna di ritrovarsi in dieci, e di riuscire comunque a portare a casa i tre punti. Stavolta il punto è uno solo, ma ha il peso di una vittoria, perché il pareggio che il Lugano ha colto al Letzigrund contro lo Zurigo (2-2) è maturato al 91' grazie a Guidotti, nell'unica sortita offensiva dei bianconeri lungo una ripresa che li ha visti in inferiorità numerica dal 53' per l'espulsione (doppio ammonimento) di capitan Sabbatini. Il più classico dei colpi di scena, quando ormai tutto stava a indicare che lo Zurigo, colpito da Gerndt in avvio ma poi in grado di ribaltare le sorti dell'incontro con Sobiech e Marchesano, potesse imporre la propria legge al termine di una sfida che avrebbe anche meritato di vincere. Con questo Lugano, però, i conti vanno fatti alla fine, e il conto che Guidotti ha firmato in calce è di quelli salati, per la squadra di Ludovic Magnin.

Gerndt, che meraviglia

Piuttosto movimentato il primo tempo, in cui il Lugano ha mostrato le cose migliori in avvio, per poi cedere il controllo delle operazioni alla squadra di Magnin, una volta passata in vantaggio con Gerndt. E che gol, quello dello svedese! Una perla, una rete che ha tutto quello che serve per figurare nelle top-3 assolute al termine di un campionato che si appena aperto. Per la bellezza dell'esecuzione, per la raffinatezza del gesto tecnico con un piede sinistro che sappiamo essere vellutato, dal quale è partito un fendente al volo di collo pieno su invito dalla bandierina di Lovric semplicemente fantastico. Palla nel sacco, sotto la traversa. Dagli spalti deserti del Letzigrund sono applausi convinti, e Lugano meritatamente in vantaggio.

Da lì in poi, però, lo Zurigo ha trovato il modo di entrare in partita, forse destato proprio dalla meraviglia dello svedese. Alla quale ha replicato appoggiandosi a Marchesano, vicino al pareggio con un destro "strozzato" da ottima posizione, e agli impulsi dalla corsia destra, quella presidiata a fatica da Guerrero, in difficoltà contro Rohner. Fallita un'occasione favorevole da parte di Lavanchy in azione di rottura, i bianconeri si sono fatti schiacciare, ma con Lovric sono andati ancora una volta vicini al raddoppio (la conclusione dell'austriaco ha fatto la barba al palo)).
Meglio lo Zurigo, sul piano della manovra, ma ospiti temibilissimi in contropiede, in perfetto stile Jacobacci.

La spinta dei padroni di casa, continua e insistita, ha però trovato la giusta ricompensa con il gol del 29enne centrale tedesco Sobiech, defilatosi sul secondo palo per sfruttare l'invito al bacio da azione di calcio d'angolo dell'immancabile Marchesano, il migliore dei suoi. Completamente perso da Kecskes, il 29enne centrale tedesco (scuola Borussia Dortmund, in prestito dal Colonia) ha fatto centro da pochi centimetri, rimettendo a posto un punteggio che Ceesay poco prima aveva cercato di ritoccare infilandosi tra Maric e lo stesso bulgaro. Avvisaglie di un pareggio, dopo alcuni presagi di raddoppio non concretizzatisi, materializzatosi sugli sviluppi dell'ennesima palla inattiva. Un pareggio che al 45' è parso il risultato più equo di una prima frazione piacevole, ancorché un po' troppo spezzettata dai falli.

‘Rosso’ a Sabbatini, ticinesi in dieci dal 53'

La ripresa si è aperta con un'occasione sul conto dell'ex Ceesay (azione avviata da Marchesano, onnipresente, Osigwe ben piazzato), ma soprattutto con il colpo di scena dell'espulsione di capitan Sabbatini, punito forse troppo severamente con un primo giallo al 26', ma poi giustamente sanzionato con un secondo cartellino al 53' per un fallo troppo duro ai danni di Schättin. 

Il classico episodio sfavorevole che cambia le sorti della partita, incanalandola ancor più di quanto già fosse prima del "rosso" in direzione del dominio dello Zurigo, padrone del campo in virtù anche dell'uomo in più. La supremazia, vieppiù netta, si è concretizzata nel 2-1 di Marchesano, di gran lunga il miglio in campo, autore di un preciso colpo di testa in anticipo su Daprelà, su invito dalla solita corsia destra del 18enne Wallner. Meritatatissima, la soddisfazione personale per il ticinese, salutato alla sua uscita dal campo da un'ovazione, poco prima che Osigwe tenesse in piedi il risultato e il Lugano trovasse l'incredibile rete del pareggio al 91', con Guidotti, lesto a infilare Brecher da due passi, anche stavolta sugli sviluppi del calcio d'angolo della disperazione calciato da Macek, in campo da appena tre minuti.

Come dire che non è finita finché non è finita. A maggior ragione quando in campo c'è un Lugano che, come ricordato da Jacobacci alla vigilia del confronto, sa soffrire, eccome se lo sa fare. E con un uomo in meno riesce addirittura ad esaltarsi.

Zurigo - Lugano 2-2

Reti: 9' Gerndt 0-1. 37' Sobiech 1-1. 76' Marchesano 2-1. 91' Guidotti 2-2

Zurigo: Brecher; Wallner (79' Winter), Sobiech, Omeragic, Schättin; Sohm, Domgjoni; Rohner (62' Tosin), Marchesano (88' Nathan), Schönbächler (79' Koide); Ceesay (62' Kramer)

Lugano: Osigwe; Kecskey, Maric, Daprelà; Custodio (87' Macek); Lavanchy, Lovric (62' Guidotti), Sabbatini, Guerrero (87' Ardaiz); Bottani (73' Covilo), Gerndt (73' Holender)

Arbitro: Horisberger

Note: 1'000 spettatori. Zurigo senza Hekuran Kryeziu (squalificato), Bangura, Kololli (infortunati),  Janjicic (ammalato). Lugano senza Lungoyi (squalificato) e Baumann (infortunato). Ammoniti: 4' Lovric. 26' Sabbatini (poi espulso al 53' per doppio ammonimento). 89' Nathan.

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved