infortuni-e-var-contro-ma-il-lugano-non-molla-2-2-con-il-sion
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
22 ore

Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati

Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
1 gior

Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni

Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
1 gior

Serena Williams, il tennis corpo a corpo

Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
Altri sport
1 gior

Mondiali di salto ostacoli, Svizzera ottava

Prestazione deludente della compagine elvetica a Herning, che manca pure un ticket per i Giochi olimpici di Parigi
calcio
1 gior

Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta

Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
1 gior

Kurashev prolunga con Chicago

Il 22enne centro svizzero ha firmato un rinnovo annuale con i Blackhawks
hockey
1 gior

L’Ambrì ne fa sei ai Rockets

L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
calcio
1 gior

Lionel Messi escluso dai candidati per il pallone d’oro

L’argentino fuori dai 30 papabili per la prima volta dal 2005
triathlon
1 gior

Julie Derron sesta nel triathlon

L’elvetica non ripete il successo dello scorso anno e manca di soli 48” una medaglia. Titolo alla britannica Stanford
nuoto
1 gior

Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso

Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
CALCIO
1 gior

Archiviata l’Europa, il Lugano riparte da Basilea

Dopo l’eliminazione in Israele dalla Conference League, i bianconeri pronti a raddrizzare una stagione iniziata con il piede sbagliato
pugilato
1 gior

Tyson Fury si ritira, di nuovo

Il pugile britannico annuncia l’addio al ring nel giorno del suo 34esimo compleanno
canottaggio
1 gior

Jeannine Gmelin messa ko dal Covid

La 32enne deve rinunciare alle semifinali europee nel canottaggio, a causa di un test positivo
03.10.2020 - 20:58
Aggiornamento: 22:04

Infortuni e Var contro, ma il Lugano non molla: 2-2 con il Sion

I bianconeri, che hanno perso Bottani nel primo tempo, recuperano due volte i vallesani e rimangono imbattuti in questa stagione (12 risultati utili filati)

Serata pazza a Cornaredo, dove davanti a 1'322 spettatori (le disposizioni sanitarie ne avrebbero permesse 2'416) nello scoppiettante 2-2 che conferma il buon inizio di stagione del Lugano (passaggio del turno e 5 punti in tre partite di campionato) i padroni di casa hanno superato anche l'infortunio di Bottani e un rigore ripetuto due volte (gol al terzo tentativo) dagli avversari riuscendo a recuperare due volte il Sion e centrando il dodicesimo risultato utile consecutivo.

Primo tempo, l'infortunio di Bottani frena il Lugano

Costretto a rinunciare agli squalificati Lungoyi (per la seconda e ultima giornata) e Sabbatini, Jacobacci ha inserito Guidotti a metà campo al posto del capitano, per il resto ha schierato l'undici titolare che aveva già scelto a Zurigo, con Bottani e Gerndt in attacco e Guerrero e Lavanchy sugli esterni, in attesa del tesseramento del nuovo attaccante danese Odgaard.

Il primo quarto d'ora di partita è scivolato via senza particolari sussulti, con le due squadre ad alternarsi in un possesso palla sterile. Poi il Lugano ha preso in mano le redini del gioco e dopo un tre contro due in contropiede mal gestito da Bottani, al 15' Lovric si è letteralmente mangiato il gol del vantaggio mandando a lato a tu per tu con Fickentscher dopo lancio di Gerndt e bella sponda di testa di Maric. Uno slancio quello bianconero frenato dal problema fisico che al 28' ha costretto Bottani, uno dei più attivi, a lasciare il posto a un Ardaiz decisamente meno incisivo, e l'inerzia del match, che sembrava chiaramente a favore dei padroni di casa, è tornata in equilibrio. Anzi, si è chiaramente spostata dalla parte dei vallesani, i quali a cinque minuti dalla pausa hanno persino trovato il gol del vantaggio con Grgic che ha raccolto l'invito di Tosetti – che ha "scippato" sulla trequarti il pallone a Guidotti – infilando dal limite nell'angolino basso alla sinistra di un incolpevole Osigwe.

Secondo tempo, bianconeri più forti anche del Var

Sin dai primi minuti della ripresa gli ospiti si sono colpevolmente chiusi a difesa del vantaggio, permettendo ai bianconeri di guadagnare, ispirati da un Custodio ispirato alla regia, campo. Logica conseguenza, dopo un primo pericolo portato da Lovric al 54' (conclusione dal limite deviata in angolo da un difensore), il pareggio ticinese è arrivato con merito al 57' grazie a un'azione da manuale: Ardaiz ha mandato in area Lovric, il quale al posto che tirare ha bloccato il pallone alle sue spalle per l'accorrente Guidotti che di piatto lo ha messo alle spalle di Fickentscher. Paradossalmente il gol ha risvegliato gli ospiti che sono tornati, anche grazie all'ingresso di Hoarau, a presentarsi dalle parti di Osigwe, ma sono ancora stati i padroni di casa a sfiorare la rete con Ardaiz che ha clamorosamente concluso a lato un rapidissimo contropiede messo in scena da Gerndt.

Ancora più clamoroso però quello che è successo attorno al 70', quando il direttore di gara San ha giustamente concesso un rigore agli ospiti per un'ingenua trattenuta di Guerrero su Tosetti. Un rigore che si è tramutato nel nuovo vantaggio del Sion nonostante le due parate di Osigwe. Già perché il 26enne di origine nigeriana prima di venir trafitto definitivamente da Serey Die ha intercettato le conclusioni dagli undici metri nell'ordine di Hoarau e dello stesso Serey Die, ma in entrambi i casi l'arbitro (e il Var) hanno applicato alla lettera il regolamento facendo ripetere il rigore in quanto il portiere luganese si è mosso in avanti prima della battuta. Un episodio che ha fatto arrabbiare non poco il Lugano, che ha però avuto il merito di incanalare tale emozione nella ricerca del pari, trovato all'82' grazie ai difensori Maric (sponda su punizione di Lovric) e Daprelà, che da due passi ha spinto in qualche modo la sfera in rete, salvando l'imbattibilità stagionale dei suoi.

Lugano - Sion (0-1) 2-2

Reti: 41' Grgic 0-1. 51' Guidotti 1-1. 73' Serey Die (rigore) 1-2. 82' Daprelà 2-2

Lugano: Osigwe; Kecskes, Maric, Daprelà; Lavanchy, Lovric, Custodio, Guidotti (85' Covilo), Guerrero (92' Oss); Bottani (28' Ardaiz), Gerndt

Sion: Fickentscher; Martic, Bamert, Ndoye, Iapichino; Tosetti, Baltazar (50' Serey Die), Grgic, Itaitinga (81' Khasa); Luan (Hoarau), Karlen (Andre)

Arbitro: San

Note: 1'322 spettatori. Lugano senza Lungoyi, Sabbatini (squalificati), Odgaard (non tesserato) e Baumann (infortunato); Sion privo di Abdellaoui (squalificato), Andersson e Kabashi (infortunati). Ammoniti: 35' Baltazar. 38' Daprelà. 72' Osigwe. 76' Lovric. 81' Martic. 93' Custodio

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano super league
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved