Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
infortuni-e-var-contro-ma-il-lugano-non-molla-2-2-con-il-sion
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
11 ore

‘Occasione ghiotta per tornare a vincere’

Zaccheo Dotti lancia la sfida al Langnau. ‘Le prestazioni ci sono, la differenza la fanno i dettagli’
Hockey
11 ore

Kristian Pospisil al Davos

Il 25enne nazionale slovacco arriva nei Grigioni proveniente dai campioni di Finlandia del Lukko Rauma
Gallery
Nuoto
12 ore

‘Svizzeri’ a squadre, sul podio Lugano e A-Club

Ai Campionati giovanili di Losanna quarto posto per la Turrita. Quinta la Nuoto Sport Locarno, ottavi i ragazzi di A-Club. Al femminile, ottava la Num
Minifootball
13 ore

Due su due per il Trevano e primato in classifica

Battuto anche il Kriens: i luganesi comandano la Prima Lega. Coach Demartini: ‘Ma non rilassiamoci: pensiamo già alla prossima sfida’
Gallery
Taekwondo
14 ore

Campionati svizzeri, bottino pieno per il Summit Lugano

Nel Kiorugi (combattimento olimpico) oro per Luca Tesanovic, campione svizzero juniores -63 kg; bronzo per il fratello Danilo fra gli élite -68 kg
l’angolo delle bocce
14 ore

Battute finali nella Coppa Ticino

Le semifinali vedranno di fronte da un lato Torchio-Agno e Ideal-Sb Lugano, dall’altro Riva San Vitale-San Gottardo e Gerla-Chiodi/Montagna
Gallery
Calcio
14 ore

Young Boys, vincere e sperare. Proprio come il Milan

Per accedere agli ottavi di Champions League i campioni svizzeri devono battere il Manchester United e sperare che il Villarreal superi l’Atalanta
Giornalisti sportivi
14 ore

Dall’Atsg 10’000 franchi a favore di Aiuto Sport Ticino

Premio Giuseppe Albertini a Giotto Morandi del Grasshopper, riconoscimento al Merito sportivo a Enzo Filippini e Boris Angelucci
Tiri liberi
15 ore

La triste coperta corta delle Tigri bianconere

La scialba prova contro il Monthey ha messo una volta di più a nudo i limiti di un Lugano costretto a... fare le nozze coi ‘fichi secchi’
Hockey
16 ore

Per Bullo, Vallario e Raselli Olimpiadi un po’ più vicine

Il selezionatore della Nazionale femminile convoca 23 giocatrici per le ultime amichevoli della Svizzera prima dei Giochi
Calcio
18 ore

Arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

Ferrero è stato arrestato dalla Guardia di finanza nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Paola per reati societari e bancarotta
Roller
19 ore

Il Biasca lotta e torna da Diessbach con un punto

Due volte in avanti, i rivieraschi si fanno riprendere e superare. Ma hanno comunque la forza di rimandare il verdetto al supplementare
Salto con gli sci
19 ore

Quattro trampolini, in Germania (ancora) senza spettatori

A porte chiuse le prove di Oberstdorf e Garmisch-Partenkirchen. Ancora da definire l’accesso al pubblico per i due concorsi austriaci
Calcio
03.10.2020 - 20:580
Aggiornamento : 22:04

Infortuni e Var contro, ma il Lugano non molla: 2-2 con il Sion

I bianconeri, che hanno perso Bottani nel primo tempo, recuperano due volte i vallesani e rimangono imbattuti in questa stagione (12 risultati utili filati)

Serata pazza a Cornaredo, dove davanti a 1'322 spettatori (le disposizioni sanitarie ne avrebbero permesse 2'416) nello scoppiettante 2-2 che conferma il buon inizio di stagione del Lugano (passaggio del turno e 5 punti in tre partite di campionato) i padroni di casa hanno superato anche l'infortunio di Bottani e un rigore ripetuto due volte (gol al terzo tentativo) dagli avversari riuscendo a recuperare due volte il Sion e centrando il dodicesimo risultato utile consecutivo.

Primo tempo, l'infortunio di Bottani frena il Lugano

Costretto a rinunciare agli squalificati Lungoyi (per la seconda e ultima giornata) e Sabbatini, Jacobacci ha inserito Guidotti a metà campo al posto del capitano, per il resto ha schierato l'undici titolare che aveva già scelto a Zurigo, con Bottani e Gerndt in attacco e Guerrero e Lavanchy sugli esterni, in attesa del tesseramento del nuovo attaccante danese Odgaard.

Il primo quarto d'ora di partita è scivolato via senza particolari sussulti, con le due squadre ad alternarsi in un possesso palla sterile. Poi il Lugano ha preso in mano le redini del gioco e dopo un tre contro due in contropiede mal gestito da Bottani, al 15' Lovric si è letteralmente mangiato il gol del vantaggio mandando a lato a tu per tu con Fickentscher dopo lancio di Gerndt e bella sponda di testa di Maric. Uno slancio quello bianconero frenato dal problema fisico che al 28' ha costretto Bottani, uno dei più attivi, a lasciare il posto a un Ardaiz decisamente meno incisivo, e l'inerzia del match, che sembrava chiaramente a favore dei padroni di casa, è tornata in equilibrio. Anzi, si è chiaramente spostata dalla parte dei vallesani, i quali a cinque minuti dalla pausa hanno persino trovato il gol del vantaggio con Grgic che ha raccolto l'invito di Tosetti – che ha "scippato" sulla trequarti il pallone a Guidotti – infilando dal limite nell'angolino basso alla sinistra di un incolpevole Osigwe.

Secondo tempo, bianconeri più forti anche del Var

Sin dai primi minuti della ripresa gli ospiti si sono colpevolmente chiusi a difesa del vantaggio, permettendo ai bianconeri di guadagnare, ispirati da un Custodio ispirato alla regia, campo. Logica conseguenza, dopo un primo pericolo portato da Lovric al 54' (conclusione dal limite deviata in angolo da un difensore), il pareggio ticinese è arrivato con merito al 57' grazie a un'azione da manuale: Ardaiz ha mandato in area Lovric, il quale al posto che tirare ha bloccato il pallone alle sue spalle per l'accorrente Guidotti che di piatto lo ha messo alle spalle di Fickentscher. Paradossalmente il gol ha risvegliato gli ospiti che sono tornati, anche grazie all'ingresso di Hoarau, a presentarsi dalle parti di Osigwe, ma sono ancora stati i padroni di casa a sfiorare la rete con Ardaiz che ha clamorosamente concluso a lato un rapidissimo contropiede messo in scena da Gerndt.

Ancora più clamoroso però quello che è successo attorno al 70', quando il direttore di gara San ha giustamente concesso un rigore agli ospiti per un'ingenua trattenuta di Guerrero su Tosetti. Un rigore che si è tramutato nel nuovo vantaggio del Sion nonostante le due parate di Osigwe. Già perché il 26enne di origine nigeriana prima di venir trafitto definitivamente da Serey Die ha intercettato le conclusioni dagli undici metri nell'ordine di Hoarau e dello stesso Serey Die, ma in entrambi i casi l'arbitro (e il Var) hanno applicato alla lettera il regolamento facendo ripetere il rigore in quanto il portiere luganese si è mosso in avanti prima della battuta. Un episodio che ha fatto arrabbiare non poco il Lugano, che ha però avuto il merito di incanalare tale emozione nella ricerca del pari, trovato all'82' grazie ai difensori Maric (sponda su punizione di Lovric) e Daprelà, che da due passi ha spinto in qualche modo la sfera in rete, salvando l'imbattibilità stagionale dei suoi.

Lugano - Sion (0-1) 2-2

Reti: 41' Grgic 0-1. 51' Guidotti 1-1. 73' Serey Die (rigore) 1-2. 82' Daprelà 2-2

Lugano: Osigwe; Kecskes, Maric, Daprelà; Lavanchy, Lovric, Custodio, Guidotti (85' Covilo), Guerrero (92' Oss); Bottani (28' Ardaiz), Gerndt

Sion: Fickentscher; Martic, Bamert, Ndoye, Iapichino; Tosetti, Baltazar (50' Serey Die), Grgic, Itaitinga (81' Khasa); Luan (Hoarau), Karlen (Andre)

Arbitro: San

Note: 1'322 spettatori. Lugano senza Lungoyi, Sabbatini (squalificati), Odgaard (non tesserato) e Baumann (infortunato); Sion privo di Abdellaoui (squalificato), Andersson e Kabashi (infortunati). Ammoniti: 35' Baltazar. 38' Daprelà. 72' Osigwe. 76' Lovric. 81' Martic. 93' Custodio

CALCIO: Risultati e classifiche

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved