il-lugano-strappa-un-punto-pirotecnico-al-san-gallo
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
50 min

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
1 ora

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
2 ore

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
4 ore

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
5 ore

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
6 ore

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
7 ore

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
8 ore

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
8 ore

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
9 ore

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
10 ore

Incidenti prima della finale di Wembley ‘uno smacco collettivo’

Centinaia di tifosi inglesi sprovvisti di biglietto avevano fatto irruzione nello stadio. ‘Avrebbero potuto esserci dei morti’, rivela un rapporto
Gallery
Calcio
10 ore

Promotion League, obiettivo tre punti per chiudere in bellezza

Domenica l’ultimo turno del 2021: il Bellinzona sarà di scena a Bienne; al Riva IV il Chiasso ospiterà lo Young Boys II
Freestyle
18 ore

I moschiettieri rossoblù delle gobbe

Marco Tadé e Nicole Gasparini, ma anche i giovani Martino Conedera ed Enea Buzzi: saranno ben quattro i ticinesi al via domani a Ruka in Coppa del mondo!
Sci
1 gior

In Colorado il padrone di casa è sempre Marco Odermatt

Il ventiquattrenne nidvaldese domina il primo superG della stagione, sulle nevi su cui aveva già trionfato due anni fa. Sul podio con lui Mayer e Thompson
Judo
1 gior

Ticinesi con onore agli assoluti di Bienne

A impreziosire il bilancio rossoblù sono state le medaglie di Loris Perosa, Christian Edouard e Martin Motta
Sci
1 gior

Prima il vento, ora il caldo. Mentre Lara incrocia le dita

Di nuovo niente allenamenti in vista del debutto della stagione femminile della velocità, domani in Canada. Dove la ticinese farà i conti con la ‘grippe’
CALCIO
09.07.2020 - 23:390

Il Lugano strappa un punto pirotecnico al San Gallo

I bianconeri raggiungono il pareggio all'83' con Lavanchy e nel finale sfiorano il colpaccio con una punizione di Lovric

Ci sono partite che meriterebbero uno stadio pieno, non i mille spettatori che hanno avuto la fortuna di assistere al pareggio tra Lugano e San Gallo. Una partita dalle mille emozioni, che i bianconeri hanno ripreso per i capelli con il gol del 3-3 di Lavanchy all'83' e che avrebbero potuto addirittura vincere con la punizione di Lovric che nel finale ha mandato la sfera a lambire (letteralmente) l'incrocio dei pali alla sinistra di Zigi. A conti fatti, però, c'è poco da recriminare, perché il punto conquistato (il quarto nelle ultime tre partite contro le prime tre della classifica) è di quelli pesanti, contro un San Gallo che ha fatto capire a tutti i presenti le ragioni per le quali sta lottando punto a punto con lo Young Boys per la conquista del titolo. I biancoverdi di Zeidler, infatti, hanno ribadito di essere la squadra che pratica il miglior calcio di Super League, fatto di velocità, palleggio e giocate tecniche. Insomma, un gran bel vedere, abituati come siamo alla fisicità dello Young Boys.

Consci della necessità di non concedere l'iniziativa agli ospiti, i bianconeri sono partiti a spron battuto, con 20' da annoverare tra i migliori (se non i migliori) della gestione Jacobacci. Venti minuti nel corso dei quali hanno sfiorato il gol con Janga al 2', hanno trovato il punto del vantaggio con Sabbatini al 10' e hanno costantemente messo in difficoltà gli avversari... «Nel primo quarto d'ora abbiamo proposto un ottimo calcio – conferma Maurizio Jacobacci –. Il San Gallo, però, ci ha messo in difficoltà con un pressing alto. Poi abbiamo perso ingenuamente una palla sulla tre quarti e da lì è nato il rigore del pareggio».

Un gol, quello di Quintilla, che ha cambiato la storia del primo tempo, con il San Gallo che ha preso in mano le redini del gioco e un Lugano costretto a stringere i denti... «In occasione del secondo gol di Ruiz avremmo dovuto gestire molto meglio quella palla sul secondo palo, ma nel corso della ripresa siamo stati capaci di mostrare grande carattere, trovando immediatamente il pareggio con Gerndt».

Nel secondo tempo, la reazione

In effetti, i minuti iniziali del secondo tempo sono stati un fuoco di fila di emozioni: dapprima il pareggio di Gerndt (splendido pallonetto di testa con Zigi fuori dai pali), due minuti dopo il nuovo vantaggio di Ruiz, cancellato dall'arbitro dopo consultazione delle immagini video per un fuorigioco di posizione, infine il gol del 2-3 firmato di testa da Demirovic... «Un'altra squadra, a quel punto, si sarebbe arresa e non avrebbe più trovato la forza per reagire. Noi, invece, non abbiamo mai alzato bandiera bianca e alla fine ci siamo meritati un punto che poteva triplicare con la punizione di Lovric nel finale».

L'ingresso in campo di Lungoyi è stato determinante per la rimonta. Jacobacci ha cambiato modulo (4-1-4-1) e il giovane romando ha garantito quell'apporto di benzina per lo sprint finale che sembrava iniziare a venir meno... «Sapevo che sulla fascia è un ragazzo potenzialmente devastante. Il San Gallo non lo conosceva e lui ne ha approfittato per saltare più volte il diretto avversario». Il gol del pareggio, in effetti, è nato dalla caparbia difesa di un pallone da parte di Lungoyi, con servizio a Sabbatini: il capitano ha alzato gli occhi, ha atteso l'arrivo sul secondo palo di Lavanchy è gli ha servito un pallone che chiedeva soltanto di essere messo in porta... «Alla fine il San Gallo è contento del punto strappato, perché sapeva che questa sarebbe stata una partita difficile – sottolinea Jacobacci –. La squadra di Zeidler ha iniziato gli allenamenti l'11 maggio, vale a dire due settimane prima di noi, ma in campo questa differenza non si è vista: abbiamo forza, gambe, fisico e oggi lo abbiamo dimostrato alla grande».

Se Lungoyi ha garantito vèrve alla fase offensiva, va senza dubbio sottolineata la prestazione di Gerndt (oltre allo splendido gol, tanti palloni difesi con caparbietà), Sabbatini (un gol e un assist) e Lavanchy (tanta quantità unita a qualità sulla fascia, oltre ovviamente al punto del pareggio). Janga e Guidotti, invece, hanno chiuso la loro fatica già alla pausa... «Mi sembrava che Stefano avesse metabolizzato male l'aver commesso il fallo dal quale è nato il rigore di Quintilla, per cui ho preferito inserire Lovric per non aggravare il suo peso mentale. Janga, invece, è andato vicino al gol del vantaggio già dopo 2' e mi dispiace che non sia riuscito a segnare: gli manca sempre pochissimo per togliersi una soddisfazione».

Sabbatini: 'Il San Gallo merita il titolo'

Jonathan Sabbatini ha invece tenuto a complimentarsi con il San Gallo... «Abbiamo conquistato un punto contro un avversario fortissimo. Non penso di mancare di rispetto a nessuno affermando che, anche per il bene del calcio svizzero, spero che alla fine riesca a spuntarla e a conquistare il titolo». Intanto, il Lugano pensa ai prossimi impegni, a iniziare dalla trasferta a Lucerna: «Sono convinto che continueremo a ottenere risultati positivi», conclude Jacobacci.

Lugano - San Gallo (1-2) 3-3

Reti: 10' Sabbatini 1-0. 26' Quintilla (rigore) 1-1. 39' Ruiz 1-2. 46' Gerndt 2-2. 54' Demirovic 2-3. 83' Lavanchy 3-3

Lugano: Baumann; Kecskes, Maric, Pavlovic (79' Jefferson); Lavanchy, Sabbatini, Covilo, Guidotti (46' Lovric), Yao; Gerndt (76' Lungoyi), Janga (46' Holender)

San Gallo: Zigi; Hefti, Stergiou, Letard (23' Ribeiro), Muheim; Görtler, Quintilla, Ruiz (67' Rüfli); Fazliji; Demirovic (84' Nuhu), Itten (84' Bakayoko)

Arbitro: Dudic

Note: 1'000 spettatori. Lugano senza Bottani, Custodio, Daprelà, Macek (infortunati); San Gallo senza Guillemenot (squalificato), Ajeti, Babic, Costanzo, Gonzalez e Lüchinger (infortunati). Ammoniti: 41' Covilo. 74' Yao. 77' Maric. 81' Hefti. 90' Ribeiro. 92' Görtler

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved