le-istituzioni-deboli-l-intervista-a-nicola-schonenberger
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
11.05.2022 - 05:30

‘Le istituzioni? Deboli’. L’intervista a Nicola Schönenberger

Su laRegione di oggi: il ‘Decreto Morisoli’, bitcoin ed energia idroelettrica, la dinastia Marcos nelle Filippine e la prima serata dell’Eurovision

"Cristina Zanini Barzaghi? Non all’altezza. Le istituzioni? Deboli. Il Municipio di Lugano? In ritardo sui tempi". Sono diversi i sassolini dalla scarpa che si toglie Nicola Schönenberger (Verdi) nell’intervista sul nostro giornale. Capogruppo dei Verdi per due legislature a livello comunale e persino copresidente cantonale. Domenica scorsa la sua ultima uscita politica.

"Il decreto, sul quale siamo chiamati a pronunciarci la prossima domenica, non è in effetti il frutto di qualsivoglia cattiva intenzione, bensì la naturale conseguenza di una visione ottusa dell’economia e della società". Nel suo commento il direttore de laRegione Daniel Ritzer si esprime sulla proposta di pareggiare i conti pubblici entro la fine del 2025 agendo prioritariamente sulla spesa, senza aumenti di imposte né riversamento di oneri sui Comuni.

L’energia idroelettrica prodotta in Ticino non deve essere usata in alcun modo per l’estrazione di criptovalute. A sostenerlo, con un’iniziativa parlamentare elaborata che chiede di aggiungere questo punto fermo alla Legge sull’energia, sono i deputati del Ppd Fiorenzo Dadò e Alessio Ghisla.

A volte ritornano, dieci, venti, trent’anni dopo. Trentasei questa volta, per l’esattezza. Basta aspettare e qualcuno tirerà fuori dal passato un’idea morta e sepolta che a molti sembrerà buona. Una regola che vale nella moda, nella musica e talvolta anche per le dinastie di dittatori e aspiranti tali. Ferdinand Marcos Jr., detto Bongbong, salirà al potere 57 anni dopo suo padre, Marcos Senior, quel Marcos, raccontato da Roberto Scarcella nel suo approfondimento.

E last but not least la prima serata dell’Eurovision Song Contest, edizione 2022, da Torino. L’inviato Beppe Donadio ci racconta il suo viaggio, a bordo di un taxi, nel villaggio della pace. Un originale spunto di lettura sull’evento televisivo non sportivo più seguito al mondo. E c’è anche la Svizzera!

Leggi anche:

Lugano, Schönenberger: ‘Zanini Barzaghi non è all’altezza’

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Il Ppd: ‘Non si usi l’energia delle nostre acque per i Bitcoin’

Tutto torna. Soprattutto i Marcos

In taxi all’Eurovision Village, villaggio di pace

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bitcoin decreto morisoli eurovision marcos newsletter nicola schoenenberger
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved