piove-guarda-come-piove-ma-non-abbastanza-per-l-agricoltura
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
1 gior

Sui grandi predatori, c’è chi chiede più soldi e chi meno lupi

Su laRegione oggi: chiesto un credito per misure contro il predatore; viaggio nelle piscine del Sottoceneri; Tommasi e la Fatal Verona; Storie mondiali
Newsletter
2 gior

E se Cenerentola avesse avuto un’app?

Oggi su laRegione: il rilancio di Chiasso, la superficie insidiosa di Wimbledon, il primo romanzo storico di Mattia Bertoldi e il commento di Aldo Sofia
Newsletter
4 gior

Venticinque anni fa, morsi alle orecchie e magie a Hogwarts

Su laRegione oggi: Speziali sulle imposte di circolazione; la scissione M5S; Monteceneri e risparmio idrico; Tyson vs. Holyfield; 25 anni di Harry Potter
Newsletter
5 gior

Ma che caldo farà, in Svizzera? Tanto, e sempre di più

Su laRegione oggi: scenari climatici ‘roventi’ per il futuro; violenza giovanile a Locarno, il punto; Nolan Quinn premiato a Jazz Ascona
Newsletter
6 gior

Permessi di soggiorno: la polizia mette il naso nei cassetti

I 50 di Zidane, la lontana parità salariale per le calciatrici svizzere, un concorso per un grado di polizia non previsto, fini e mezzi della politica
Newsletter
1 sett

La guerra del whisky, senza feriti e senza morti

Su LaRegione: chiusa la contesa territoriale fra Canada e Danimarca; PolCom Locarno, ipotesi interim; l’Ungheria e il calcio d’oggi; Wimbledon e potere
Newsletter
1 sett

Il menu dei ristoranti sarà presto più ‘pesante’ per il borsello

Su laRegione oggi: rincari in vista per la ristorazione; Unia chiede salari più alti; a Montagnola ancora aperta la vicenda del maestro; M5S allo sbando
Newsletter
1 sett

Nel Mendrisiotto il traffico diventa... anche un sondaggio

Il rumore e l’inquinamento quanto impattano sulla qualità della vita? Oggi su laRegione pure il percorso per cani a Bellinzona e novità per Ronco s/Ascona
23.04.2022 - 05:30

Piove, guarda come piove... Ma non abbastanza per l’agricoltura

Mentre a Morbio si parla di BarAtto, a Berna tiene banco Frontex, tema su cui si vota il 15 maggio. Occhi puntati pure sulla guerra in Ucraina

Sarà un weekend con l’ombrello aperto. Lo dicono le previsioni di MeteoSvizzera. Ma l’acqua che cadrà dal cielo sarà ‘un contentino insufficiente’, per dirla con le parole di Claudio Cattori, agricoltore giubiaschese che non nasconde la sua preoccupazione per la lunga siccità. Un deficit, quello accumulato in questi mesi, che rischia di ripercuotersi sull’andamento delle colture durante l’estate.

È molto più di un punto di ritrovo fine a sé stesso. Il BarAtto, che ha aperto i battenti presso il complesso residenziale di Ligrignano a Morbio Inferiore in tempo di pandemia, mira ad affermarsi come luogo di ritrovo e socialità, in cui far convergere competenze e talenti di ogni persona, per poi metterli al servizio della comunità. Nell’intento dei promotori c’è la volontà di far passare un messaggio nuovo, di speranza e rilancio. Ce ne parla Carmine Miceli, perno del Servizio Lavoro Sociale Comunitario.

Frontex sì, Frontex no? Ma su cosa si voterà di preciso il 15 maggio? A queste e a molte altre domande relative all’argomento su cui la popolazione dovrà esprimersi fra tre settimane cerchiamo di dare risposta oggi con un approfondimento speciale. Concretamente, la Svizzera partecipa a Frontex dal 2011; lo scorso anno versando un contributo di 24 milioni di franchi. Il 15 maggio il popolo dovrà decidere se aumentare questo impegno, che, se avallato, dovrebbe passare a 61 milioni di franchi entro il 2027, occupando 40 posti a tempo pieno (attualmente sono 6).

Al Ministero Pubblico si resta sempre in attesa della modifica della Log, la Legge cantonale sull’organizzazione giudiziaria che permetterà di attribuire competenze decisionali ai segretari giudiziali, stretti collaboratori dei magistrati inquirenti, nei procedimenti contravvenzionali. La proposta contenuta nel messaggio licenziato dal Consiglio di Stato nel settembre 2019 è ancora all’esame della commissione ‘Giustizia e diritti’.

La scelta di invadere l’Ucraina per frenare l’espansione a est della Nato si sta rivelando un boomerang per Putin, che mostrando i muscoli ha spinto Stati tradizionalmente neutrali come Finlandia e Svezia proprio verso l’Alleanza Atlantica. Parte da questa considerazione il commento di Giuseppe D’Amato che ospitiamo nelle pagine dell’edizione odierna.

Buona lettura!

Leggi anche:

‘Questa pioggia sarà un contentino insufficiente’

Un BarAtto per il benessere della comunità

Alle frontiere della sicurezza, Svizzera al voto su Frontex

Più competenze ai segretari giudiziari, riforma ferma

Diffidare di chi usa i muscoli

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
baratto claudio cattori frontex russiaucraina siccità vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved