disagio-psichico-sempre-piu-giovane
Iscriviti alla newsletter
Ogni giorno la redazione seleziona le notizie che compongono la nostra newsletters.
Per riceverla tramite email, iscriviti, l'invio è gratuito
ULTIME NOTIZIE Newsletter
Newsletter
12 ore

Scuola, sul superamento dei livelli dibattito sempre più acceso

Intanto, nel Locarnese ci sono margini di miglioramento per la tratta in bus tra Brissago e Locarno. Sanremo si avvicina, ed è Donatella Rettore Show
Newsletter
1 gior

Fusioni? Un tema caldo che lascia però anche... tiepidi

Livelli sì, livelli no? L’ora della decisione si avvicina. Di sci e di Giochi (olimpici e... politici) nel menu sportivo odierno
Newsletter
2 gior

Non esistono più le fredde stagioni

Lo strano gennaio analizzato dai meteorologi, la mozione dei Comunisti per monitorare i politici, il livello del Verbano, il Circo Knie. E Berlusconi
Newsletter
3 gior

Superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Oggi laRegione parla dell’imminente decisione del Consiglio di Stato sulla scuola, del caso Djokovic, del futuro del Fevi e del Pozzo Prà Tiro a Chiasso
Newsletter
4 gior

Di caro-spaghetti e di regole che valgono anche per Djokovic

Inflazione da pandemia, il tennista espulso, nuoto sotto un pallone e ragazzi alle prese con le storie dei migranti
Newsletter
6 gior

Il mercato delle auto soffre ancora, ma le elettriche vanno bene

Inoltre, novità sia per la seconda canna sotto al Gottardo sia per una possibile area camper a Brissago
Newsletter
1 sett

Situazioni di degrado da risolvere sul Piano di Magadino

Nell’edizione odierna parliamo anche di ‘whistleblowing’, di Covid-19 e delle soluzioni alternative per il nodo intermodale di Muralto
Newsletter
1 sett

Berna ha deciso: quarantene più corte, misure prolungate

Oggi pubblichiamo anche un’intervista a un autista licenziato da Dpd, parliamo delle terrazze degli esercizi pubblici di Locarno e degli aiuti ai media.
08.11.2021 - 05:300

Disagio psichico sempre più giovane

Attivo da circa un anno, il reparto pedopsichiatrico del Civico di Lugano offre un’istantanea sul fenomeno

a cura de laRegione

Buongiorno lettrici e lettori,

l’edizione di oggi apre con un’intervista a Rafael Traber, direttore dei Settori dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale che analizza la radiografia del reparto di pedopsichiatria dell’Ospedale Civico di Lugano, a circa un anno dalla sua apertura. Il reparto finora prende in cura preadolescenti e adolescenti fino ai 15 anni attraverso un approccio multidisciplinare, grazie anche a una squadra di diverse figure professionali. Da dicembre 2020, sono stati ricoverati 54 giovani pazienti con disagio psichico; fra le cause: tentato suicidio, autolesionismo, disturbi dell’alimentazione… fenomeni di cui è difficile stabilire le cause.

Il secondo servizio in evidenza è la testimonianza di Zoé drogata inconsapevolmente durante una serata in discoteca a Ginevra. Un fenomeno non estraneo al resto della Svizzera che può avere importanti ripercussioni, soprattutto quando l’assunzione dello stupefacente (sebbene non volontaria) è fatta insieme a bevande alcoliche: a spiegarlo è il direttore medico e scientifico dell’Istituto di scienze farmacologiche della Svizzera italiana Alessandro Ceschi.

Dalla Svizzera romanda approdiamo a Bellinzona, dove da trent’anni si svolgono le attività del Gruppo mamma bambino. La nascita e la storia di questa realtà sono raccontate da Evelina Baranzini, diplomata in pedagogia infantile, nonché responsabile del gruppo. Gli incontri si tengono all’ex Stallone settimanalmente e sono momenti importanti di socializzazione e integrazione, anche grazie ad attività varie.

Ecco quindi il progetto pilota per una rete culturale inclusiva nel cantone durato un anno e raccontato dal direttore di Pro Infirmis Ticino Danilo Forini. L’iniziativa, in collaborazione con la Supsi, ha cercato soluzioni per proporre attività culturali che siano inclusive e favoriscano la partecipazione alla vita sociale di persone con disabilità, confrontate ancora troppo spesso con un’offerta ad hoc discriminante.

Per finire, voliamo oltreoceano con il commento di Roberto Antonini che si sofferma sul paradosso delle elezioni presidenziali nicaraguensi. Il già tre volte presidente Daniel Ortega, ex capo guerrigliero sandinista, ha – si fa per dire – “sbaragliato” la concorrenza a suon di repressione e legge liberticida, disfandosi degli avversari. Figlio di un movimento di liberazione e “rivalsa dei diseredati dai soprusi dei potenti”, Ortega ha incoerentemente vestito i panni del dittatore.

Buona lettura e buona giornata!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved