mercedes-eqs-l-ammiraglia-dal-doppio-ruolo
Silhouette ad arco dell’abitacolo, frontale corto, coda filante: le proporzioni della EQS sono inusuali e, per questo, particolarmente adatte al ruolo di ammiraglia “elettrificata”
ULTIME NOTIZIE Auto e moto
Auto e moto
4 ore

Renault Kangoo, ama i viaggi in famiglia

Si distingue per i grandi spazi, ma è anche comoda e briosa da guidare
Auto e moto
2 gior

Hyundai Ioniq 5 4WD, brillante senza compromessi

La versione di punta spicca per reattività, confermando comfort e autonomia
Auto e moto
6 gior

Kia Sportage HEV: sì, viaggiare

Il rinnovato Suv coinvolge per look e accoglienza, con prestazioni solide e consumi contenuti oltre a un inarrivabile rapporto qualità/prezzo
Auto e moto
3 sett

Opel Astra Plug-in Hybrid, brillantezza in relax

Vivace e godibile, si adatta a ogni umore offrendo un’accoglienza di qualità
Auto e moto
1 mese

Ford Mustang Mach-E GT: atto di forza

La crossover di punta si distingue per esuberanza e notevole dinamismo
Auto e moto
1 mese

Opel Astra, nuovo corso convincente

Tutta nuova, combina look espressivo a tecnologie e contenuti di sostanza
Auto e moto
1 mese

Yamaha XSR900, ottimo connubio tra passato e presente

Si presenta sempre ispirata agli anni 80 nelle linee, ma tecnicamente si evolve profondamente
Auto e moto
1 mese

Suzuki Vitara 1.5 Hybrid, l’elettrificazione avanza

Con la nuova soluzione di propulsione mista crescono economia d’uso e relax
Auto e moto
1 mese

Porsche Taycan GTS Sport Turismo, la via migliore

Aumenta lo spazio a bordo, ma sportività e dinamismo restano d’eccezione
test drive
1 mese

EV6, il nuovo mondo secondo Kia

L’espressivo crossover elettrico convince per tecnologie e ampia autonomia
Auto e moto
1 mese

Porsche 911 GT3 Touring, sensazioni da corsa

La ‘veste purista’ cela meccanica, guida e prestazioni fuori dell’ordinario
Auto e moto
1 mese

Yamaha NEO’s un inizio elettrizzante

Il NEO’s di nuova generazione è il primo scooter a propulsione elettrica proposto da Yamaha
Auto e moto
2 mesi

Porsche 911 Carrera GTS, così facile da amare

Coinvolge con il carattere deciso, ma sa essere altrettanto docile e versatile
Auto e moto
2 mesi

Seat Arona 1.5 TSI, comoda e godibile

Stile e accoglienza in crescita aggiungono sostanza al compatto crossover
03.03.2022 - 05:30
di Benjiamin Albertalli

Mercedes EQS, l’ammiraglia dal doppio ruolo

Da un lato punta di diamante tra le Mercedes elettriche, dall’altro parente stretta della Classe S: ecco la EQS

Ve la potrei raccontare in molti modi, la EQS, ma c’è un aspetto che mi ha colpito più di altri anche perché, in un certo senso, piuttosto emblematico dell’evoluzione che sta investendo il settore dell’automobile. Nel bene e nel male.

Immaginate di recarvi presso un concessionario con l’intenzione di acquistare questo nuovo modello della gamma "EQ" – ovvero le vetture elettriche di Mercedes-Benz – e di scoprire, in fase di acquisto, che la EQS è dotata di serie di quattro ruote sterzanti. Certo non si tratta di una caratteristica tecnica particolarmente innovativa o esclusiva, ma d’altro canto non sono nemmeno tante le vetture a esserne dotate, e su un’ammiraglia da oltre 5,2 metri torna molto utile. Ora: l’asse posteriore proposto di serie presenta un angolo di sterzo massimo di 4,5°, mentre in opzione è disponibile un asse posteriore il cui angolo di sterzata arriva fino a 10° (!). Scegliendo questa opzione, ecco che la EQS vanta un diametro di sterzata di appena 10,9 metri. L’aspetto eclatante – e arrivo al dunque – non è certo il fatto che siano disponibili due differenti tipi di asse posteriore sterzante, bensì che questa opzione non debba essere per forza acquistata dal concessionario e installata lungo la catena di montaggio, ma può essere semplicemente attivata anche in un secondo momento tramite un aggiornamento "over the air", come se stessimo aggiornando, acquistando o sottoscrivendo un abbonamento "premium" di un’applicazione per il nostro smartphone. Lo ricordo: non stiamo parlando in questo caso di un aggiornamento del navigatore, bensì di una caratteristica tecnica non certo secondaria.

Chiusa questa parentesi, è anche vero che la EQS ricopre un duplice (per non dire triplice) ruolo tra i vari modelli del marchio dalla stella a tre punte: da un lato appartiene alla famiglia delle "EQ", ovvero le Mercedes spinte esclusivamente da un motore elettrico, dall’altro quella "S" finale chiama in causa la storica ammiraglia di casa (la Classe S), che generazione dopo generazione è sempre stata capofila dell’innovazione tecnologica, consolidando costantemente il suo prestigio. Se la questione legata alla sua identità di auto elettrica può essere banalmente liquidata con il fatto che lo è e che l’autonomia è sufficiente per non avere complessi d’inferiorità (si possono percorrere, a seconda di come la si usa e del contesto, tra i 450 e i 600 km reali), meno scontato è l’essere all’altezza delle aspettative date dalla diciassettesima lettera dell’alfabeto (la "S"). Tuttavia, il fatto che vi siano 350 sensori che controllano costantemente le funzioni della vettura, che sono oltre 40 le invenzioni introdotte con questo modello e che il suo coefficiente aerodinamico (Cx) di 0,20 la rende l’automobile di serie più aerodinamica del mondo, sono argomenti più che solidi per giustificare il suo status di ammiraglia.

Se il suo design suggerisce l’esigenza di essere anticonvenzionale, l’ambiente di bordo mette a proprio agio anche i palati più fini. I comodi sedili in morbida pelle, gli inserti decorativi in legno autentico a poro aperto, gli innovativi rivestimenti in Neotex, l’aria purificata dal grande filtro HEPA, la profumazione attiva e l’illuminazione d’ambiente notturna: non appena si chiude la porta ci si ritrova letteralmente immersi in un’oasi di pace, enfatizzata peraltro dalla silenziosità del motore elettrico e – più in generale – dal fatto che ovunque la si guidi la EQS è molto rilassante. Sebbene la sua massa e in parte anche le sue prestazioni suggeriscano che non abbia particolari ambizioni sportive, va detto che anche qualora ci si ritrovi a percorrere una strada fuori località con qualche curva, magari aumentando il passo, la raffinata regolazione indipendente di ogni singola sospensione (capace cioè di non trasmettere al resto dell’asse e quindi all’abitacolo "l’urto" con un eventuale ostacolo o un’imperfezione del manto stradale) mantiene la vettura sempre "in assetto", assicurando una fluidità di guida invidiabile ben sostenuta dalla precisione e dall’intuitività dello sterzo. E questo è molto positivo. Perché, al di là della tecnologia, dimostra che gli ingegneri sono ancora chiamati a fare il loro lavoro per conferire quella qualità di guida che un’ammiraglia deve avere – e che la EQS ha.

Scheda Tecnica

ModelloMercedes EQS
Versione450+
MotoreElettrico
Potenza, coppia333 cv, 568 Nm
TrazionePosteriore
CambioMonomarcia
Massa a vuoto2’480 kg
0-100 km/h6,2 secondi
Velocità massima210 km/h
Consumo medio21,2 kWh/100 km (omologato)
Prezzo145’367 Chf

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elettrica mercedes eqs
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved