ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
40 min

Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare

Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 gior

La scintilla e la prateria

Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
2 gior

Quel generale senza volto

Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
4 gior

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
5 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
6 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
2 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
IL COMMENTO
2 sett

Giustizia trasparente, nell’interesse di tutti

L’accoglimento, da parte del Tf, del ricorso per l‘accesso al decreto di abbandono ‘Chiappini’ è una vittoria – piena – non solo de ‘laRegione’
il commento
2 sett

Biden-Xi Jinping: finalmente...

Il primo faccia a faccia, lungamente preparato in vista del G20, scongiura il peggio e allontana un’escalation militare globale
IL COMMENTO
2 sett

Ps, adesso la vera prova sarà la corsa per il Gran Consiglio

Ufficializzate le candidature di Carobbio e Demaria, il focus si sposta sul parlamento dove per i socialisti sarà fondamentale fare bene
IL COMMENTO
2 sett

Tra armi, pace e giustizia

Cosa ci dice la ritirata russa a Kherson delle sorti della guerra? Alcuni spunti di riflessione
IL COMMENTO
2 sett

Ragazzini col cervello bucherellato come un pezzo d’Emmentaler

L’ignoranza può uccidere, lezioni sulla canapa, lo Xanax e la cocaina come si insegna educazione sessuale
11.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 12.06.2022 - 16:22

Sport, letteratura e orfani di Clerici

C’è chi usa la morte del giornalista per decretare la fine della letteratura sportiva. Non è così: a tanti, però, manca la curiosità di cercare la qualità

sport-letteratura-e-orfani-di-clerici
Gianni Clerici al Roland Garros (Twitter)

Sui giornali e sui social network ho osservato la stucchevole processione di coccodrilli, messaggi, ricordi di e su Gianni Clerici. E mi sale la bile, per rispetto di Clerici e di quello che rappresenta.

Metto subito le carte in tavola. Per me, il miglior giornalista italiano di sempre. Scrittura, intuizioni, divagazioni, competenza, leggerezza. Andate avanti voi.

Però in molti ricordi di colleghi dai 60 anni in su ricorre questa tiritera insopportabile del "giornalismo letterario che non c’è più". Non è vero che non c’è più. Non lo cercano, non lo riconoscono e se lo riconoscono magari a volte lo ostacolano pure. Se è (quasi) sparito sui giornali è perché l’hanno deciso (chissà quanto consapevolmente, ed è un’aggravante) proprio quelli della generazione che si lamenta.

Spessissimo, almeno in Italia, hanno loro il comando: e fanno due cose sbagliatissime. Cioè ne fanno più di due, ne fanno un mucchio. Ma restando a Clerici e dintorni ne fanno due: il primo è che scrivendo "una volta sì che eravamo dei fenomeni" si mettono da soli in un campionato che non è il loro. Al massimo sono stati fortunati compagni di viaggio, gente con un posto in seconda, terza classe, passeggeri sullo stesso treno di uno inarrivabile. Nel migliore dei casi i Birindelli di Zidane, i Barusso di Totti. Stessa casacca, stesso spogliatoio, cose molto diverse. Non è che se lavori nella stessa bottega di Michelangelo, sei Michelangelo.


Roger Federer, tra i più amati da Clerici (Keystone)

Secondo errore: sono state le loro scelte scellerate a far morire sui giornali lo sport raccontato in quel modo. Certo, come Clerici - forse - nessuno: ma è come lamentarsi che non c’è più un altro Federer, un altro Picasso, un Montale, un Vonnegut.

Quelli nascono così e ok. Ma di gente che sa raccontare lo sport senza pensare che il risultato in sé o le frasi inutili dei protagonisti siano "la cosa" da raccontare ce ne sono ancora molti. Magari non così bravi, ma molto molto bravi.

Mai come in questo periodo la letteratura sportiva è viva. Ci sono ottimi libri e podcast. Ci sono case editrici specializzate e attente. Ci sono siti web dove si possono leggere pezzi intelligenti, leggeri eppure profondi, dove sport e letteratura s’incontrano.

Questa gente è stata espulsa o rifiutata da un sistema che replica se stesso, proponendo firme che ormai dicono la stessa cosa da decenni e non si sono mai aggiornate. Perfino il totem dei lettori di sport, Gianni Mura, negli ultimi anni era rimasto intrappolato nel personaggio, orologio rotto nella sua età dell’oro di Simenon, Brel e Piero Ciampi dimenticandosi che il mondo era andato avanti.

Non devi citare per forza i rapper, se hai 70 anni, ma nemmeno devi schifare tutto quel che è nato dopo di te. Clerici aveva questa forza di incarnare - per modi, vezzi, letture e citazioni - un’epoca specifica. Di essere un esemplare da museo di uomo aristocratico del Novecento, eppure di apparire a suo agio in ogni tempo, dimostrandosi senza tempo. Quel suo evocare nomi lontani era inclusivo, un modo di trovare una linea che univa passato e presente. Altri colleghi mettono i loro eroi di gioventù nei loro pezzi solo per segnalare la distanza con la presunta barbarie odierna. Barbarie per loro, che non la capiscono.


Il logo del programma tv Sfide della Rai (Wikipedia)

Nei giornali c’è spazio per lo scrittore maledetto spinto dalle case editrici che maledetto non è, per il figlio dell’archistar di turno che gioca a fare lo scrittore senza averne gli strumenti, per l’influencer con 50 vocaboli, per quello che ha la faccia giusta per la tv, ma con la penna ci litiga, e per l’amico che esce dalla porta di un giornale da pensionato (magari strapagato) per entrare nel portone, con tanto di fanfara, del giornale amico. Si idolatra quello che scopre mezz’ora prima degli altri chi ha comprato chi durante il calciomercato, ma poi non sa come scriverlo, raccontarlo. Certo, servono anche quelli che trovano notizie, grosse e il più presto possibile sennò i giornali perdono senso. Per carità. Ma poi sono quelli come Clerici che ci regalano il piacere vero della lettura nel suo senso più compiuto, creando combinazioni di parole in grado di eguagliare o superare le immagini che le hanno generate.

Ormai leggere certi giornali è un po’ come ascoltare la radio generaliste: passano quello che vogliono che ascolti, quello che pensano - con enorme pigrizia mentale - ti piaccia. Perché è quel che piace a loro, ormai anestetizzati.

C’è pieno di ottima musica anche oggi, basta tuffarsi oltre il menù precompilato delle major. C’è anche lo sport raccontato da gente che sa scrivere, ma prima di tutto osservare le cose da un angolo inusuale, con sguardo diverso. Basta cercarlo, in certi casi non è stato nemmeno difficile, pensiamo a "Open" (la pluripremiata e pluriscopiazzata autobiografia) di Agassi, a certe puntate di Sfide, a Federico Buffa, prima che pensasse che il protagonista fosse lui e non chi raccontava.


André Agassi, la sua autobiografia Open è un successo planetario (Wikipedia)

La pigrizia di chi guida i colossi dell’informazione non ha scuse. Autoassolversi con un bel "ah, ai miei tempi" usando come scudo Gianni Clerici è profondamente disonesto. La cosa che manca a quasi tutti quelli che oggi incensano Clerici è il suo talento, e quello vabbè, se non ce l’hai non puoi dartelo. Ma a loro, ai sacerdoti della contiguità (come se la bravura di uno trasmigrasse nei pezzi dell’altro), manca anche quella quintalata di leggerezza che lui aveva. E sarebbe già qualcosa. Anzi, moltissimo.

C’è un servizio di Sports Illustrated in cui all’obiezione "Dicono che sei troppo volgare", Clerici risponde: "Non c’è volgarità peggiore che non avere senso dell’umorismo". Amen

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved