ULTIME NOTIZIE Opinioni
IL COMMENTO
5 ore

Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce

Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 gior

L’amore non è un colpo di pistola

Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
2 gior

Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps

L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
3 gior

La realtà artefatta del Qatar

Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
4 gior

I guai di Letta (e del Pd)

La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
5 gior

Non perdere una guerra senza vincere la pace

In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett

Il partito delle donne e quello degli uomini

Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett

Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti

La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett

Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre

A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett

Salvini, Meloni e il governo degli sburoni

Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
laR
 
09.06.2022 - 05:15
Aggiornamento: 17:27

Milton Friedman, gli industriali ticinesi e i comuni mortali

‘Meno Stato, più aiuti’: sarebbe questa la strategia dell’Aiti per affrontare la contingenza tutt’altro che favorevole per l’economia

milton-friedman-gli-industriali-ticinesi-e-i-comuni-mortali
Keystone
Altri tempi

Meno Stato, più aiuti. Meno Stato, più aiuti. Meno Stato, più aiuti. Bisogna ripeterselo almeno tre volte per essere certi di aver capito bene quella che sembra essere la strategia che intendono adottare gli industriali ticinesi di fronte a una contingenza tutt’altro che favorevole per l’economia.

Visto che "le condizioni quadro per fare impresa non sono più del tutto soddisfacenti – così dichiarava il presidente dell’Aiti Oliviero Pesenti a inizio maggio, mentre confermava il suo sostegno al Decreto Morisoli insieme alle altre principali associazioni economiche del Cantone –, e tenuto conto della necessità di attuare delle scelte di fondo che riguardano non solo l’economia, ma anche la politica, una prerogativa essenziale è quella di avere finanze sane". Una conferenza stampa ‘austerista’ in cui a vincere il tapiro d’oro è stato Alberto Petruzzella, presidente dell’Associazione bancaria ticinese: per giustificare la sua adesione al vincolo legislativo che costringe lo Stato a raggiungere il pareggio del conto economico entro la fine del 2025, ha assicurato che il decreto "contiene un principio sacrosanto. Tutti noi siamo stati abituati a spendere i soldi che abbiamo in tasca, non quelli che non abbiamo". Detta dal numero uno dei banchieri sembra una barzelletta, ma non fa ridere.

Quattro settimane dopo invece, e siamo a inizio giugno, lo stesso presidente dell’Aiti, durante l’assemblea dell’associazione svoltasi a Lugano davanti a una folta platea di capitani dell’industria, non ci ha girato intorno: "Chiediamo al Consiglio federale, ma anche al Consiglio di Stato di predisporsi per fronteggiare un’eventuale nuova ondata pandemica e le conseguenze della guerra in Ucraina. Qualora l’attuale situazione non dovesse migliorare o peggio, si aggravasse, sarà necessario, e lo diciamo sin da ora, agire rapidamente con il diritto di urgenza già usato dal governo federale, per entrare in materia di un nuovo round di aiuti". Altrimenti? "Altrimenti la conseguenza in termini di perdita di posti di lavoro potrebbe essere molto dolorosa" (sic).

Se ora volgiamo lo sguardo al prossimo inverno con gli occhi dei comuni mortali, lo scenario è davvero preoccupante: ai salariati attende la stangata sui premi di cassa malati, un pesante rincaro della bolletta dell’elettricità e l’incremento dei costi delle spese accessorie in casa (in particolare il riscaldamento). Inoltre il litro di benzina resta abbondantemente sopra i due franchi e i prezzi degli alimenti sono in salita. Tenuto conto del contesto, definire poco opportuno l’avvertimento dell’Aiti è davvero un eufemismo.

È curioso: quando si va a chiedere agli economisti perché l’inflazione ha ricominciato a correre (in Svizzera un po’ meno che altrove, ma la progressiva erosione del potere di acquisto dei salariati è un dato di fatto anche da noi), la maggior parte tira fuori dal cassetto Milton Friedman: è tutta colpa delle banche centrali "progressiste" che hanno immesso troppa liquidità nel sistema, perché l’inflazione – sostengono – "è sempre e ovunque un fenomeno monetario". Un’affermazione miope che omette il fatto che l’inflazione è in realtà un fenomeno multi-causale, che riguarda soprattutto il conflitto sociale per la ridistribuzione della ricchezza. Un’ipocrisia paragonabile a quella di chi, messo un po’ alle strette, va a tirare per la giacchetta lo Stato dopo aver contribuito a legargli le mani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved