milton-friedman-gli-industriali-ticinesi-e-i-comuni-mortali
Keystone
Altri tempi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
11 ore

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
11 ore

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
1 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
2 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
2 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
3 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
4 gior

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
5 gior

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

laR
 
09.06.2022 - 05:15
Aggiornamento : 17:27

Milton Friedman, gli industriali ticinesi e i comuni mortali

‘Meno Stato, più aiuti’: sarebbe questa la strategia dell’Aiti per affrontare la contingenza tutt’altro che favorevole per l’economia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Meno Stato, più aiuti. Meno Stato, più aiuti. Meno Stato, più aiuti. Bisogna ripeterselo almeno tre volte per essere certi di aver capito bene quella che sembra essere la strategia che intendono adottare gli industriali ticinesi di fronte a una contingenza tutt’altro che favorevole per l’economia.

Visto che "le condizioni quadro per fare impresa non sono più del tutto soddisfacenti – così dichiarava il presidente dell’Aiti Oliviero Pesenti a inizio maggio, mentre confermava il suo sostegno al Decreto Morisoli insieme alle altre principali associazioni economiche del Cantone –, e tenuto conto della necessità di attuare delle scelte di fondo che riguardano non solo l’economia, ma anche la politica, una prerogativa essenziale è quella di avere finanze sane". Una conferenza stampa ‘austerista’ in cui a vincere il tapiro d’oro è stato Alberto Petruzzella, presidente dell’Associazione bancaria ticinese: per giustificare la sua adesione al vincolo legislativo che costringe lo Stato a raggiungere il pareggio del conto economico entro la fine del 2025, ha assicurato che il decreto "contiene un principio sacrosanto. Tutti noi siamo stati abituati a spendere i soldi che abbiamo in tasca, non quelli che non abbiamo". Detta dal numero uno dei banchieri sembra una barzelletta, ma non fa ridere.

Quattro settimane dopo invece, e siamo a inizio giugno, lo stesso presidente dell’Aiti, durante l’assemblea dell’associazione svoltasi a Lugano davanti a una folta platea di capitani dell’industria, non ci ha girato intorno: "Chiediamo al Consiglio federale, ma anche al Consiglio di Stato di predisporsi per fronteggiare un’eventuale nuova ondata pandemica e le conseguenze della guerra in Ucraina. Qualora l’attuale situazione non dovesse migliorare o peggio, si aggravasse, sarà necessario, e lo diciamo sin da ora, agire rapidamente con il diritto di urgenza già usato dal governo federale, per entrare in materia di un nuovo round di aiuti". Altrimenti? "Altrimenti la conseguenza in termini di perdita di posti di lavoro potrebbe essere molto dolorosa" (sic).

Se ora volgiamo lo sguardo al prossimo inverno con gli occhi dei comuni mortali, lo scenario è davvero preoccupante: ai salariati attende la stangata sui premi di cassa malati, un pesante rincaro della bolletta dell’elettricità e l’incremento dei costi delle spese accessorie in casa (in particolare il riscaldamento). Inoltre il litro di benzina resta abbondantemente sopra i due franchi e i prezzi degli alimenti sono in salita. Tenuto conto del contesto, definire poco opportuno l’avvertimento dell’Aiti è davvero un eufemismo.

È curioso: quando si va a chiedere agli economisti perché l’inflazione ha ricominciato a correre (in Svizzera un po’ meno che altrove, ma la progressiva erosione del potere di acquisto dei salariati è un dato di fatto anche da noi), la maggior parte tira fuori dal cassetto Milton Friedman: è tutta colpa delle banche centrali "progressiste" che hanno immesso troppa liquidità nel sistema, perché l’inflazione – sostengono – "è sempre e ovunque un fenomeno monetario". Un’affermazione miope che omette il fatto che l’inflazione è in realtà un fenomeno multi-causale, che riguarda soprattutto il conflitto sociale per la ridistribuzione della ricchezza. Un’ipocrisia paragonabile a quella di chi, messo un po’ alle strette, va a tirare per la giacchetta lo Stato dopo aver contribuito a legargli le mani.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiti alberto petruzzella decreto morisoli milton friedman oliviero pesenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved