la-scienza-ci-aiuta-aiutiamo-la-scienza
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
2 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
4 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
4 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
5 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
5 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
6 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
6 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
1 sett

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
laR
 
06.05.2022 - 09:00
Aggiornamento: 10:49

La scienza ci aiuta, aiutiamo la scienza

Un franco investito nella ricerca ne genera tre in termini di nuovi posti di lavoro, brevetti, scoperte. Un buon investimento per il Ticino di domani

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il Covid ci ha messo davanti agli occhi una drammatica verità: quanto siamo vulnerabili e dipendenti dalla creatività, dalla tenacia, dall’intelligenza di tanti scienziati. A dire il vero, anche la fortuna aiuta. Uomini e donne che investono tempo ed energie per migliorare la vita di tutti, lavorando in un contesto molto competitivo, a tratti feroce, che premia i più bravi, i più veloci. Quelli che hanno una marcia in più. Quelli che… quando cadono, sanno rialzarsi e andare avanti con risolutezza. Grazie ai loro sforzi si evitano morti precoci per tumore, per effetto delle pandemie, quella in corso e (ahinoi!) quelle future. Determinante quello che si fa a Bellinzona, nella moderna infrastruttura, a due passi dal fiume, che ospita sotto lo stesso tetto 250 ricercatori dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb), dell’Istituto oncologico di ricerca (Ior) e alcuni laboratori di ricerca traslazionale dell’Ente ospedaliero cantonale. I primi due sono affiliati all’Usi, il terzo brama un tassello in più: l’ospedale universitario.

In un contesto nuovo, dinamico, creativo, si offre un mix vincente: clinica, ricerca, didattica. Per capirci: un primario, oltre a curare pazienti in corsia, fa ricerca in laboratorio e trasmette le conoscenze insegnando alla facoltà di medicina. Dove si fa ricerca (dicono!) si cura meglio.

Il polo bellinzonese si è ritagliato un posto di rilievo nella ricerca a livello internazionale, diventando un magnete che calamita in Ticino nuovi talenti. Portano conoscenze, successi accademici, energia creativa per costruire una sanità di punta. Un vantaggio per tutti. Infatti, un franco investito nella ricerca ne genera tre in termini di nuovi posti di lavoro, brevetti, scoperte. Quello che si costruisce oggi avrà un impatto sul Ticino di domani.

C’è stata una generazione di visionari, benefattori, istituzioni, forze politiche lungimiranti che ha creato solide fondamenta, ora bisogna pensare ai prossimi mattoni, perché la concorrenza è forte; il rischio è quello di veder fuggire menti brillanti. Chi è arrivato resta, se ci saranno le condizioni, tra queste (lo ripetiamo) l’ospedale universitario. Per crescere e rimanere competitivi servono investimenti.

Tutto questo fermento però è sconnesso dal quotidiano dei ticinesi. Chi sono questi stacanovisti delle provette, sconosciuti ai più? Le grandi vetrate dei laboratori lasciano trasparire quanto succede all’interno, nel luogo della ricerca a Bellinzona, ma in realtà sembrano più torri d’avorio: sappiamo poco o nulla della tribù di 250 scienziati che ci lavorano. Di tanto in tanto leggiamo qualche scoperta. L’ultima, l’anticorpo di nuova generazione sviluppato dall’Irb in grado di proteggere dal Covid e dalle sue varianti. Ma chi sono questi scienziati? Da dove vengono? Quali sono i loro sogni? Siamo andati a trovarli tra luminosi laboratori e sofisticati macchinari ‘spacca sangue’, per raccontarvi una realtà che ha un potenziale enorme e ricadute per l’intero Ticino, perché nell’economia del prossimo futuro la biotecnologia e le scienze biomediche avranno un ruolo primario e crescente. Iniziamo il nostro viaggio con le storie di tre brillanti ricercatori ticinesi (Andrea, Arianna e Jonathan) che dopo anni all’estero sono rientrati, perché il loro cantone è diventato competitivo. Un buon antidoto all’emorragia di cervelli (se ne vanno in 300 l’anno) di cui soffre il Ticino da un po’ di tempo.

Leggi anche:

Quei ‘cervelli’ top che tornano in Ticino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brevetti posti ricerca
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved