ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
9 ore

I 70 anni di Putin e i bivi della Storia

Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
17 ore

Il disastro rimosso

I cambiamenti climatici non sono proprio in cima alle preoccupazioni degli svizzeri. L’analfabetismo politico non aiuta
il commento
1 gior

La monarchia delle banane

Divieti assurdi, arresti e comici censurati: il lutto a oltranza del Regno Unito per Elisabetta II è sconfinato nella caricatura di dittature tropicali
Commento
2 gior

Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida

Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
3 gior

Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto

Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
3 gior

L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi

Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
4 gior

Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia

Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
6 gior

L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin

L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
6 gior

Ueli Maurer, lo statista riluttante

Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
1 sett

Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere

Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
1 sett

La rivoluzione contro il velo

Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett

Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale

L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
laR
 
30.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:00

Il sogno interrotto del ‘momento unipolare’

Una matrice storica comune tradisce ora Putin e in precedenza gli Stati Uniti. Un viaggio nel tempo? No, un bruttissimo risveglio

il-sogno-interrotto-del-momento-unipolare
Keystone
Così iniziò il ‘trentennio dell’illusione’

"Ovviamente il continuum temporale è stato interrotto, creando questa nuova sequenza di eventi risultante in questa realtà alternativa". La risposta di McFly è la domanda di tutti: "Che lingua è, Doc?". Marty e l’eccentrico scienziato Emmett Brown si ritrovano in un presente che non riconoscono: una realtà inquietante in cui nulla sembra essere al suo posto. Cosa è successo? Brown ce lo spiega con lavagna e gessi: in un’immaginaria linea del tempo, da qualche parte, prima del punto che raffigura il presente, uno specifico avvenimento ha determinato una deviazione dalla retta originale, aprendo una tangente che sfocia in una realtà distorta. La data chiave nella trilogia di ‘Ritorno al futuro’ è il 12 novembre 1955. Per quanto ci concerne invece, il giorno esatto è il 24 febbraio 2022.

L’invasione russa dell’Ucraina ci ha catapultati in un presente nefasto fatto di bombardamenti, morti, civili in fuga, minacce nucleari e il rischio concreto di una Terza Guerra Mondiale. Anche se fatichiamo ad accettarlo, il tutto è reale. Talmente reale che viene pure da chiedersi se la parentesi di trent’anni conclusasi il mese scorso sia davvero esistita. Un trentennio, scrive su Repubblica l’ex direttore Ezio Mauro, "a cui non abbiamo dato nemmeno un nome, perché lo abbiamo vissuto nella convinzione che non fosse un’epoca a sé stante ma coincidesse con il destino del secolo finalmente risolto". La guerra scatenata da Putin, chiosa Mauro, "ha messo fine ai tre decenni dell’illusione".

Per provare a comprenderlo, però, il film va guardato tutto. Una scena rilevante la si trova nemmeno troppo indietro nel tempo: Kabul, 31 agosto 2021. Cosa c’entra l’uscita degli Stati Uniti dall’Afghanistan con l’entrata delle truppe russe in suolo ucraino? Per Putin, la figuraccia rimediata dagli americani in Afghanistan sarebbe stata la prova che gli Usa sono una potenza in declino e che in quanto tale può essere colpita.

A dire il vero sembra una puntata già vista. Quando il sociologo Giovanni Arrighi, nel suo libro ‘Il lungo XX secolo’, analizza le cause che hanno portato alla crisi del petrolio degli anni Settanta, ovvero alla fine del paradigma del dopoguerra e al ritorno in auge della dottrina neoliberista, egli giunge alla conclusione che la sconfitta americana in Vietnam è stata il prerequisito necessario che ha dato il la al ‘golpe’ energetico dei Paesi dell’Opec. Arrighi parla di una crisi generale dell’egemonia statunitense. Una crisi, diremmo noi, rimasta sommersa durante il trentennio dell’illusione e riaffiorata con l’umiliante uscita degli Usa dall’Afghanistan.

Che poi sempre in Afghanistan l’ex Unione Sovietica fosse rimasta impantanata per un decennio (1979-1989) fino alla ritirata, non fa che confermare l’esistenza di un filo rosso che collega Kiev a Kabul.

"La sconfitta militare americana in Afghanistan – osserva Giuliano Battiston dalle colonne dell’Espresso – è il funerale dell’idea di unipolarismo, a lungo coltivata da Washington. I muscoli flessi da Putin in Ucraina sono una reazione tardiva a quella stessa idea". Sarebbe una matrice storica comune, insomma, quella che tradisce ora Putin e in precedenza gli Stati Uniti: il sogno del "momento unipolare" in un mondo multipolare.

Sembra un viaggio nel tempo. Invece, è un bruttissimo risveglio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved