la-diplomazia-del-ping-peng
Peng Shuai in campo agli Us Open (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
19 ore

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
1 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
2 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
4 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
4 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
5 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
6 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
1 sett

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
1 sett

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
laR
 
25.11.2021 - 05:30
Aggiornamento : 14:58

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Ping pong, tennis e relazioni diplomatiche funzionano esattamente nello stesso modo. Si butta la palla nel terreno dell’avversario sperando che non ti ritorni indietro. Cambiano solo le dimensioni del campo.

Impossibilitati dall’ideologia e dalla propaganda incrociata a vedere cosa ci fosse oltre la rete, nel 1971 Stati Uniti e Cina s’inventarono la diplomazia del ping pong pur di dare una sbirciata nel campo dell’altro. Tutto comincia da un incontro tra il fortuito e il pretestuoso (la verità - come spesso accade - starà nel mezzo) ai Mondiali di tennistavolo in Giappone: l’americano meno yankee della squadra, il figlio dei fiori Glenn Cowan, dopo aver perso il suo incontro al primo turno, perde anche tempo dentro il palazzetto di Nagoya. L’autobus della nazionale riparte e lui resta appiedato.

In attesa di capire come rientrare in hotel, incontra il campione cinese Zhuang Zedong. Finirà che Cowan - allergico alle regole (o il profilo perfetto a cui farle aggirare) - con quel suo aspetto da campeggiatore di Woodstock avvezzo all’autostop, salirà sul bus cinese e si scambierà un regalo con il campione tanto caro a Mao. Zhuang omaggerà Cowan con un ritratto su seta dei monti Huangshan, l’americano, che non aveva nello zaino niente di meglio di un pettine, troverà il modo di consegnare al suo nuovo amico una t-shirt con la bandiera della pace e la scritta “Let it be”, hit dei Beatles con appena un anno di vita.


Nixon e Mao sulle racchette da ping pong. Era il 1972 (Wikipedia)

È l’inizio di una collaborazione proficua a livello sportivo e politico e anche una storia perfetta da dare in pasto ai media, a tal punto che Hollywood, anni dopo, dentro quella storia ci infilerà Forrest Gump, aggregandolo alla squadra di Cowan.

Di nuovo ai ferri corti e incapaci di immaginare nuove strade, Usa e Cina hanno riesumato in questi giorni la diplomazia del ping pong per il cinquantennale, come se la politica internazionale si potesse trattare come certi vecchi dischi di successo che, nell’anno dell’anniversario, vengono ripubblicati in edizione speciale.

Mentre sull’asse Washington-Pechino volano gli stracci praticamente su tutto, dal caso Taiwan al patto per il clima, i vecchi nemici mettono in piedi “La diplomazia del ping pong 2.0”, iscrivendo al Mondiale di Houston due coppie di nazionalità miste. Funziona così, quando non vedi un futuro ti rifugi nel passato, senti la musica di quando eri giovane, chiami le ex: quasi mai è la soluzione. Perché nel frattempo sei cambiato tu, la ex e tutto quel che ti gira intorno.

L’affaire Peng Shuai, che tiene banco da quasi un mese, ne è la dimostrazione: nel mondo che fu e che non è più, mai un’atleta di successo avrebbe denunciato per abusi un uomo di potere, tantomeno in Cina. La tennista, prima è sparita, poi è ricomparsa nella modalità sceneggiatura sotto dettatura e sotto dittatura, con una bislacca – ma non inspiegabile – complicità del Cio, che con la Cina ha un grosso appuntamento in ballo, le Olimpiadi invernali del 2022, praticamente dietro l’angolo: si giocano soldi e credibilità. Anzi, ormai solo i soldi.

Gli Usa, intanto, chiedono spiegazioni su Peng Shuai e ai Giochi minacciano il boicottaggio light, solo diplomatico, con gli atleti in gara (e quindi mesto e insapore, un po’ come tutte le cose light). Poi tuonano su abusi e diritti civili, come se non avessero plotoni di allenatori e politici con processi a carico per violenza sessuale, come se i diritti civili in America non fossero un nervo scoperto. Ieri hanno invitato la contesa Taiwan al summit per la democrazia. Buttano la palla di là, poi si vedrà. La diplomazia del ping Peng.


La Diplomazia del ping pong 2.0 a Houston (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved